Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Arresti del NIC della Polizia Penitenziaria di esponenti del clan Russo collegati ai casalesi


Polizia Penitenziaria - Arresti del NIC della Polizia Penitenziaria di esponenti del clan Russo collegati ai casalesi

Notizia del 16/09/2015

in Buone notizie

(Letto 6690 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Oggi, 15 settembre 2015, alle prime luci dell’alba, il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, su disposizione della DDA di Napoli e in collaborazione con il Centro Operativo della DIA DI Napoli, ha eseguito numerosi arresti nei confronti di esponenti della famiglia Russo e di loro affiliati, già detenuti in carcere, che operano alle dirette dipendenze del capo dei Casali Francesco Schiavone, detto Sandokan, detenuto al 41 bis e di Giuseppe Russo, detto o' padrino, da anni anche lui in carcere al regime 41 bis.

Quarantaquattro ordinanze di custodia cautelare nell’ambito di un'inchiesta sulla fazione del clan dei Casalesi che fa capo alla famiglia Russo. E' emerso il coinvolgimento nella gestione di slot machine e video poker, un business da milioni di euro gestito attraverso prestanomi incensurati. È l’ultimo affare del clan camorristico dei Casalesi, decimato dagli arresti e ora guidato dalla famiglia Russo.

Arresti del NIC della Polizia Penitenziaria di esponenti del clan Russo collegati ai casalesi

Le accuse, a vario titolo, rivolte nei confronti del clan camorristico Russo, da sempre alleato alla cosca del boss Francesco «Sandokan» Schiavone e ritenuto oggi al vertice delle cosche criminali casalesi, vanno dall'associazione per delinquere di tipo mafioso al trasferimento fraudolento di valori, illecita concorrenza con minaccia o violenza, e riciclaggio, reati aggravati dall'aver favorito il clan.

Il contributo investigativo del NIC alle indagini, che ha richiesto un notevole impegno in materia di risorse ed energie, è stato di rilevante apporto investigativo, tanto da confluire, anche a seguito di informativa conclusiva del NIC, nelle 44 ordinanze di custodia cautelare emesse dal GIP di Napoli.

L'indagine riguarda le attività del gruppo Schiavone-Russo, indicato come il centro dell'organizzazione, comandato da Francesco Schiavone, detto Sandokan, e da Giuseppe Russo, 'o Padrino, entrambi detenuti.

Dopo la cattura di numerosi esponenti di primo piano del clan la famiglia Russo, secondo gli inquirenti, avrebbe assunto un ruolo di vertice: Corrado (l'unico fratello libero) e Raffaele Nicola Russo sono ritenuti i reggenti del clan dei Casalesi ai quali sarebbe stato affidato il compito di riorganizzare le fila "soprattutto da un punto di vista militare", come sottolineano gli investigatori.

Gli sviluppi dell'inchiesta si fondano su intercettazioni e sulle dichiarazioni di vari collaboratori di giustizia. I Russo si erano imposti - spiegano gli inquirenti - nella gestione delle estorsioni e del controllo degli appalti, in rapporti con rappresentanti delle amministrazioni locali, e nel controllo - anche attraverso commercianti e imprenditori "compiacenti" - delle principali attività economiche.

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Non potendo commentare questa notizia, lo faccio così.
Gentile redazione per favore consentitemelo.

Smantellare il 41-bis?
Per Di Matteo è un favore ai mafiosi ossessionati dal carcere duro.

Ho lavorato per anni nei reparti del 41/bis. Concordo esattamente con il dott. Di Matteo in ciò che dice.
Questi mafiosi di merda, se la fanno sotto al solo pensiero di scontare la pena sotto questo regime, ed hanno ragione.
E' anche vero che è difficilissimo comunicare con l'esterno e quindi continuare a comandare e dettare ordini.
Lo giuro sui miei figli.
Se presto o tardi, essendo ancora in servizio dovessero mitigare, allargare le maglie su questa unica certezza che ci rimane....me ne vado prima del mio pensionamento.
La politica, come spesso SPESSISSIMO accade, ((DIMENTICA)) o se ne infischia di tutti coloro che ci hanno rimesso la vita.
Questo articolo mi fa male.
Mi fa male sentire Nino Di Matteo che quasi elemosina la prosecuzione del grande lavoro che fecero i giudici Falcone e Borsellino e tutti gli altri che per la stessa ragione ci hanno rimesso la vita.
Ci sono due ragazzi che stanno marcendo in galera, rispettivamente del 30 e del 33...ma cosa aspettate a dirci tutto quello che sapete?
Cosa aspettate a dire realmente come sono andate le cose in quella famosa trattativa?
Sopraggiungerà la vostra disfatta, com'è naturale che sia....nessuno è immortale in questa vita, anche se in gioventù avete pensato il contrario!!!
Esprimo tutto il mio affetto al dott. Di Matteo per il coraggio e la naturale propensione nell'avere intrapreso questa strada, fatta anche di tradimenti e tragedie tutte siciliane.
Esprimo invece TUTTO il mio disprezzo per la mafia e per tutti coloro che a vario titolo appartengono anche moralmente a questo stile di vita.

Di  Ordo▲  (inviato il 17/09/2015 @ 11:00:29)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.89.199


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

7 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

8 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

9 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni

10 Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa


  Cerca per Regione