Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Assegnazioni sedi ai vice commissari del terzo corso ruolo ordinario: la discriminazione fondata sulla disabilità


Polizia Penitenziaria - Assegnazioni sedi ai vice commissari del terzo corso ruolo ordinario: la discriminazione fondata sulla disabilità

Notizia del 25/09/2013

in Diritto&Diritti

(Letto 4852 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Quali sono i doveri della P.A. rispetto all'inserimento in organico dei vincitori di concorso, in osservanza dell'art. 97 della Carta costituzionale?

Può la p.a. sovvertire l’ordine della graduatoria finale di un concorso pubblico e derogare così alle regole del bando di concorso a favore di concorrenti che prestano assistenza continuativa ed esclusiva a soggetti portatori di grave handicap?

Illuminante per la risoluzione del quesito risultano le recenti sentenze del Consiglio di Stato (Cfr., in particolare, sentenza 18/10/2011, n. 5611).

All’uopo, i Giudici chiariscono: in sede di assegnazione delle sedi ai vincitori di concorso la P.A. non ha alcun potere discrezionale di “gestione” dei procedimenti e di valutazione delle diverse situazioni, in quanto l’assegnazione è l’atto conclusivo di un tipico procedimento concorsuale, che è regolato dal bando e dai principi costituzionali di cui all’art. 97 Cost. II co.

Pertanto, “l’ordine della graduatoria è principio di diritto espressione del buon andamento e imparzialità di cui all’art. 97 Cost.” 

In linea generale, continuano i Giudici di Palazzo Spada, deve rilevarsi che la regola dell'attribuzione delle sedi dei vincitori in esito alla posizione assunta da ciascuno di essi in graduatoria è espressamente sancito dall'art. 16 comma 3, dell’Ordinamento del Corpo della Polizia Penitenziaria di cui al d.lgs. 30 ottobre 1992 n. 443, il quale testualmente stabilisce che «la nomina …  è conferita... secondo l'ordine della graduatoria risultante dagli esami di fine corso».

Analogamente, l’art. 9, comma 4, del d.lgs.  n. 146 del 2000 e il bando di concorso n. 43 del 09 giugno 2006 all’art. 18 testualmente recitano: “I vice commissari penitenziari in prova che hanno superato gli esami finali del corso sono nominati vice commissari penitenziari. Essi  prestano  giuramento  e  sono  ammessi  al  ruolo direttivo ordinario  del  Corpo  di  polizia  penitenziaria secondo l'ordine di graduatoria dell'esame di fine corso”.

Tale principio è stato poi confermato, sotto il profilo generale, dall’art. 28, I° comma, del Regolamento recante norme generali per svolgimento dei concorsi e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi di cui al D.P.R. 9 maggio 1994 n. 487 :“le amministrazioni e gli enti interessati procedono a nominare in prova e ad immettere in servizio i lavoratori utilmente selezionati, anche singolarmente o per scaglioni, nel rispetto dell'ordine di avviamento e di graduatoria integrata."

Il criterio dell' assegnazione delle sedi di concorso ai vincitori secondo l'ordine di graduatoria assurge dunque al rango di principio normativo generale della materia che quindi opera anche nei casi in cui non sia espressamente previsto dal bando. In conseguenza, la scelta della sede tra quelle non ancora occupate da chi lo precede, è un legittimo interesse giuridico del vincitore.

Pertanto, in ossequio alla pronuncia del C.d.S. si può senz’altro affermare:

la P.A. non ha alcun potere discrezionale di “gestione “nella assegnazione delle sedi ai vincitori di concorso, in quanto si tratta di un tipico procedimento concorsuale come tale strettamente regolato dal bando.

Deve dunque essere escluso che l’Amministrazione possa legittimamente derogare alla tassatività dell’ordine di graduatoria e modificare ad libitum i criteri di assegnazione dopo la formale indizione della procedura concorsuale.

Esemplare risulta anche l’interpretazione fornita dal C.d.S in merito alla normativa di cui all'art. 33 comma 5 l. 5 febbraio 1992 n. 104.

Al riguardo basti ricordare che il diritto di scelta della sede di lavoro, assicurato al lavoratore che assista con continuità un familiare handicappato convivente, non costituisce un titolo preferenziale o una prelazione in favore del lavoratore vincitore di concorso, e non consente mai di sovvertire l'ordine di assegnazione delle sedi secondo la graduatoria finale. La norma in esame prevede infatti che l’esercizio del relativo diritto concerna esclusivamente posti di lavoro vacanti, ulteriori rispetto a quelli assegnati ai vincitori del concorso (cfr. Cons. Stato, Sez. VI, 23 giugno 2008 n. 3147).

Si auspica, pertanto, la pedissequa applicazione dei principi stabiliti dal C.d.S, al  fine di evitare i disagi che all’ Amministrazione Penitenziaria potrebbero derivare dalla lesione dei diritti legittimamente maturati dai vice commissari del terzo corso RDO e dai conseguenti ricorsi giurisdizionali volti alla tutela dei diritti medesimi.

 

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


l'illuminante sentenza del Consiglio di Stato rende evidente a tutti che ove mai l'Amministrazione non dovesse ad essa adeguarsi si esporrà a numerosi ricorsi che altra conseguenza non avranno se non quella di rendere ancor più farraginosa la tanto attesa assegnazione presso le sedi spettanti.

Di  avvocato  (inviato il 26/09/2013 @ 12:23:23)


n. 2


L'amministrazione deve, ispirandosi ai canoni di corretta e imparzialità, rispettare ila graduatoria di un concorso. Questo ovviamente per tutti i concorsi.
Io rispetto i problemi dei colleghi, ai quali esprimo solidarietà, ma questo non deve andare a discapito degli altri.

Di  giustizia  (inviato il 26/09/2013 @ 08:55:59)


n. 1


Credo che l'assegnazione dei Commissari, come del resto dell'altro personale, deve assolutamente avvenire nella pianta organica dell'Istituto o servizio destinato, poi le 104 devono essere inserite una una P.O. che dovrà essere fatta per tutti gli istituti o servizi.

Di  COLONNELLO  (inviato il 25/09/2013 @ 10:17:09)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.139.136


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione