Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Bambini in carcere e detenute madri: interrogazione parlamentare


Polizia Penitenziaria - Bambini in carcere e detenute madri: interrogazione parlamentare

Notizia del 12/04/2016

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 412 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-05620
presentata da
LUIGI MANCONI 
martedì 12 aprile 2016, seduta n.606

MANCONI, FEDELI, IDEM, CASSON, PEZZOPANE, PALERMO, GAMBARO, DE PIN, LO GIUDICE, FASIOLO, FATTORINI, CONTE, VALENTINI, CIRINNA', LAI, GUERRA, GATTI, DIRINDIN, MOLINARI, LO MORO, GOTOR, AMATI, ALBANO, Elena FERRARA, CORSINI, ASTORRE, MASTRANGELI, PAGLIARI, PETRAGLIA, PADUA - Ai Ministri della giustizia e dell'interno - Considerato che:

sono circa 40, in Italia, i bambini che ogni anno entrano in carcere con le proprie madri;

sono passati 5 anni dall'approvazione della legge 21 aprile 2011, n. 62, che prevede l'istituzione delle case famiglia protette e consente ai destinatari della norma di evitare l'ingresso in strutture penitenziarie (comprese quelle a custodia attenuata);

la legge stabilisce che le case famiglia protette devono essere istituite dagli enti locali e da loro finanziariamente sostenute e limita fortemente la detenzione in carcere alle detenute madri di minori, come misura a tutela della relazione madre-figlio e a salvaguardia del delicato sviluppo del bambino;

il regolamento che individua le caratteristiche tipologiche delle case famiglia protette è stato emanato dal Ministro della giustizia con decreto ministeriale 8 marzo 2013;

a Roma, con deliberazione n. 145 dell'8 maggio 2015, è stata decisa la destinazione d'uso a casa famiglia protetta di un edificio (una villa nel quartiere Eur) confiscato alla criminalità organizzata, individuato dall'assessore per le politiche sociali pro tempore, Francesca Danese;

il 24 luglio 2015, il Ministro della giustizia, Andrea Orlando, e l'assessore per le politiche sociali di Roma hanno annunciato, anche grazie al contributo economico di Poste insieme onlus, fondazione di Poste italiane, l'imminente apertura, a Roma, della prima casa famiglia per detenute madri, sia in detenzione domiciliare, sia per donne destinatarie di misura cautelare senza domicilio alternativo;

il 15 ottobre 2015 il capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, Santi Consolo, e l'assessore per le politiche sociali di Roma capitale hanno verificato l'idoneità dello stabile prescelto, che è risultato possedere le caratteriste tecniche adeguate per ospitare le madri con i bambini destinatarie dei provvedimenti emessi dal Tribunale di sorveglianza di Roma. Si tratta, infatti, di una villa su 3 livelli, in ottimo stato di conservazione, che non necessita di interventi strutturali e manutentivi, con spazi utilizzabili per attività trattamentali e ludoteca, circondata da ampia zona verde, già nella disponibilità del Comune, in grado di accogliere almeno 6 detenute con figli minori attualmente ristrette nella sezione nido della casa circondariale di Roma Rebibbia. Inoltre, tramite il Provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria del Lazio, è stato assicurato l'impiego di detenuti in art. 21 (lavoro all'esterno), in lavori di pulizia delle aree esterne e interne e di piccoli ritocchi che ne garantiscano l'attuale stato di utilizzo;

in sede di sopralluogo, il 15 ottobre 2015, l'assessore Danese e il capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria hanno stabilito un cronoprogramma per completare tutte le procedure di adeguamento, al fine di assicurare l'attivazione della casa famiglia protetta entro 40 giorni,

si chiede di sapere:

quali siano le ragioni del ritardo nell'apertura della casa famiglia, essendo passati oltre 4 mesi dalla data indicata dall'assessore Danese e dal capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, in sede di sopralluogo, ed essendo stati stabiliti e assicurati, in quella data, tutti i passaggi necessari, affinché si procedesse in breve tempo;

quali azioni i Ministri in indirizzo intendano intraprendere affinché il prefetto Tronca, commissario straordinario di Roma capitale, dia immediatamente seguito all'apertura della casa famiglia, come stabilito dall'amministrazione di Roma capitale nei mesi precedenti, e consenta il trasferimento dal carcere di Rebibbia di circa 10 bambini, attualmente reclusi, insieme alle loro madri.

(4-05620)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.94.5


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione