Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Banca dati DNA: buttati 16 milioni di euro dall'Amministrazione penitenziaria (DAP)


Polizia Penitenziaria - Banca dati DNA: buttati 16 milioni di euro dall'Amministrazione penitenziaria (DAP)

Notizia del 31/01/2013

in Houston abbiamo un problema

(Letto 4776 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Questa è una storia tipicamente italiana. Una storia di ritardi e di sprechi, che ha portato - fin qui - a spendere 16 milioni di euro pubblici.Una storia che qualcuno teme possa trasformarsi anche in accordi ultra legem. Stiamo parlando del Laboratorio nazionale del Dna, finito di collaudare martedì all’interno del Polo del carcere romano di Rebibbia.

A chiederci di istituire una Banca dati nazionale e un Laboratorio del Dna è stata l’Europa nell’ormai lontano 2005. È di quell’anno, infatti, il Trattato di Prüm, col quale i Paesi dell’Unione vogliono garantirsi nuovi strumenti per il coordinamento e la lotta al crimine, attraverso lo scambio (e quindi la tipizzazione) dei profili del Dna dei detenuti per delitti non colposi, di coloro che vengano arrestati in flagranza di reato o che siano sottoposti a misure alternative al carcere, sempre in presenza di una sentenza definitiva. Il Trattato supera, e di molto, i confini di Schengen.

Avere una Banca dati, nazionale e ben regolamentata, avrebbe inoltre consentito di unificare le varie raccolte di Dna che le forze dell’ordine hanno sparse per l’Italia. Ebbene, il nostro Paese ci ha messo ben quattro anni prima di recepire il Trattato. Nonostante un avvio di discussione parlamentare nel 2007, infatti, l’adesione porta la data del 30 giugno 2009 (legge 85). Il testo prevede che a giocare la partita siano il ministero dell’Interno e quello della Giustizia: al primo spetterà la responsabilità della Banca dati, il secondo sarà chiamato a istituire, attraverso il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, che dovrebbe mappare i detenuti, il Laboratorio nazionale.

Passa un altro anno e finalmente, il 2 ottobre 2010, viene pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo che prevede l’istituzione dei “ruoli tecnici del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria”: operatori, revisori, periti e direttori. Il numero delle persone necessarie a mandare avanti il Laboratorio è 37. Non centinaia, appena 37. Eppure il Dap non riesce a bandire i concorsi, che devono essere aperti all’esterno. In tre anni, tra i corridoi del Dipartimento, si rincorre la voce che i bandi sono pronti e stanno per essere pubblicati. Invece sul decreto ministeriale manca sempre una firma. Evidentemente in tre anni, con l’avvicendarsi di tre ministri – Alfano, Nitto Palma e Severino – non si è trovato il tempo di far vidimare il testo.

Nel frattempo, però, il Laboratorio è nato. Ricavato da un vecchio capannone all’interno del polo di Rebibbia, una struttura utilizzata per il lavoro dei detenuti, il Laboratorio è costato oltre 16 milioni di euro solo per le attrezzature. Parliamo di strumentazioni all’avanguardia, di armadietti elettronici che si aprono solo con determinati badge, di microscopi, frigoriferi, materiali reagenti, 120 mila kit per analisi, oltre ai computer e al materiale informatico. Il collaudo è terminato a novembre, martedì sono state apportate le ultime modifiche. Ora manca soltanto la procedura per l’accreditamento, impossibile da ottenere finché non c’è il personale. Il risultato è comunque una struttura che fa invidia ai singoli archivi di polizia e carabinieri, questi ultimi tenuti originariamente fuori dai giochi.

Tanto che, secondo le organizzazioni sindacali della penitenziaria, qualcosa si starebbe muovendo proprio in questa direzione. Nelle ultime settimane si sono tenute numerose riunioni interforze. Riunioni cui hanno partecipato dirigenti della polizia scientifica e ufficiali del Ris dei carabinieri. “Abbiamo chiesto una consulenza a chi ha già l’accreditamento, come il Ris, o a chi ha comunque laboratori all’avanguardia”, fanno sapere dal Dap. La sensazione dei sindacati, smentita categoricamente dal direttore generale delle risorse materiali, Alfonso Sabella, è che invece si vada verso un accordo: se la Polizia Penitenziaria non è in grado di occuparsene, allora meglio passare la mano. Il che non sarebbe neanche di interesse per i cittadini, se non fosse per il fatto che, in assenza di una modifica normativa, rischierebbero di saltare tutti i futuri processi nei quali sia fondamentale la prova del Dna. Immaginate un procedimento per mafia, nel quale per incastrare l’imputato viene utilizzato un Dna schedato da un carabiniere e non da un poliziotto penitenziario. Vizio di forma, tutto da rifare. Ma anche questa è una storia italiana.

Silvia D'Onghia - Il Fatto Quotidiano

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata
Nuovo carcere a Nola: in scadenza il bando per la realizzazione
Chiso l''OPG di Montelupo Fiorentino: consiglieri comunali accusano sprechi e disagi
Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada
Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Mi dispiace leggere che il corpo di polizia penitenziaria sia sempre dietro rispetto agli altri, nonostante i sacrifici che si è costretti a fare. E' mai possibile che nessuno si interessi al ns prestigio, al ns rispetto alla ns misera vita dentro degli istituti non adeguati e con il pericolo di prendere delle malattie che più delle volte ti costano la vita, lasciando nei guai le ns famiglie. E' proprio vero il problema e di chi lo ha non di chi passa e non ricorda.

Di  Mario  (inviato il 19/05/2013 @ 14:09:59)


n. 4


Si è appreso che il 15 Maggio sia stata inaugurata la struttura contenente la banca dati del DNA presso il polo logistico di Roma-Rebibbia e a cui sono stati inviati personale della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri e personale civile lasciando escluso il Corpo di Polizia Penitenziaria!!

Di  Anonimo  (inviato il 17/05/2013 @ 17:07:57)


n. 3


è una vergogna perchè non pensiamo ad aumentare lo stipendio ai poveri poliziotti penitenziari?

Di  pietro  (inviato il 01/02/2013 @ 15:55:50)


n. 2


Si ma quando???Sempre ultimi in tutti i sensi dobbiamo essere???
Scusate lo sfogo...

Di  Frank  (inviato il 01/02/2013 @ 14:09:37)


n. 1


Se ne occuperanno i tecnici della Polizia Penitenziaria. ..... "Istituzione della banca dati nazionale del DNA e del laboratorio centrale per la banca dati nazionale del DNA. Delega al Governo per l'istituzione dei ruoli tecnici del Corpo di polizia penitenziaria Legge 30 giugno 2009, n. 85 art.18"

Di  Daniele  (inviato il 01/02/2013 @ 13:06:47)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.185.157


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

7 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

8 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

9 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

10 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


  Cerca per Regione