Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Basta col massacro mediatico della Polizia Penitenziaria.


Polizia Penitenziaria - Basta col massacro mediatico della Polizia Penitenziaria.

Notizia del 14/12/2009

in L'Editoriale

(Letto 1745 volte)

Scritto da: Donato Capece

 Stampa questo articolo


In queste ultime settimane, la Polizia penitenziaria è stata messa in croce con illazioni inaccettabili circa il ruolo che svolge nei penitenziari italiani. 

La miglior risposta a queste false, ingrate e ingiuste accuse sono i quotidiani gesti eroici che compie il nostro Personale, ed il comportamento che assume in rappresentanza dello Stato.
 
Gesti e comportamenti che avvengono quasi sempre nel totale silenzio degli organi di informazione.
 
Merita allora il massimo risalto mediatico quanto avvenuto a Palmi (RC), con tre agenti feriti per aver sventato un tentativo di evasione.
 
I nostri Agenti, fatti oggetto anche di colpi d’arma, sono riusciti con grande professionalità a sventare l’evasione di due pericolosi detenuti che hanno riportato immediatamente in carcere.
 
A loro, e a tutto il Reparto di Polizia penitenziaria di Palmi, il SAPPe ha espresso l’incondizionata solidarietà e vicinanza del primo e più rappresentativo Sindacato del Corpo.
 
Non possiamo non pensare che anche questo grave episodio possa essere stato il frutto del clima di tensione che si registra nelle carceri italiane, in cui l’esplosiva combinazione tra il grave sovraffollamento pari a circa 66mila detenuti e una carenza di 5.000 unità negli organici della Polizia penitenziaria determina di fatto livelli di sicurezza assolutamente insufficienti per i nostri Agenti, specie per coloro che lavorano ogni giorno, ogni ora, nella prima linea delle sezioni detentive, nelle traduzioni e nei piantonamenti.
 
L’eroico gesto dei nostri valorosi Agenti, che hanno impedito l’evasione dei detenuti, dimostra una volta di più, specie in questo periodo in cui la Polizia Penitenziaria subisce critiche false, gratuite ed ingiuste, la grande professionalità, il senso del dovere e lo sprezzo del pericolo dei Baschi Azzurri, fedeli rappresentati dello Stato democratico nel difficile contesto penitenziario italiano.
 
Altrettanta visibilità merita la notizia che Antonio Panico, capo dell’omonimo clan camorristico, detenuto in regime di 41 bis (il cosiddetto carcere duro) nel penitenziario romano di Rebibbia, è stato salvato dagli uomini dalla Polizia Penitenziaria da un tentativo di suicidio.
 
E’ stato proprio il tempestivo intervento degli agenti penitenziari a salvare la vita a Panico.
 
I poliziotti e le poliziotte penitenziarie nel solo 2008 sono intervenuti tempestivamente in carcere salvando la vita ai 683 detenuti che hanno tentato di suicidarsi ed impedendo che i 4.928 atti di autolesionismo posti in essere da altrettanti ristretti potessero degenerare ed ulteriori avere gravi conseguenze.
 
Sono persone che nelle carceri italiane subiscono con drammatica sistematicità, nell’indifferenza dell’opinione pubblica, della classe politica ed istituzionale, continue aggressioni da una parte di popolazione detenuta aggressiva e violenta.
 
Nessuno, però, mette in evidenza questi nobili gesti delle donne e degli uomini della Polizia penitenziaria.
 
Lo facciamo noi, come primo e più rappresentativo Sindacato della Polizia Penitenziaria, da sempre in prima linea per valorizzare l’importanza del nostro duro e difficile lavoro, a tutela dell’onorabilità del Corpo e di tutti i suoi appartenenti.
 
Abbiamo chiesto di attivare tavoli politici e tecnici per trovare, insieme, soluzioni al grave problema del sovraffollamento penitenziario.
 
Come sindacato abbiamo l’obbligo istituzionale di svolgere un’opera di controllo sulle questioni che ledono i diritti dei nostri iscritti e abbiamo l’obbligo morale di perseguire un’attività di proposta e di indirizzo sulle problematiche penitenziarie, seguendo le indicazioni che sono frutto della nostra ventennale esperienza sul campo.
 
Per questo auspichiamo che si attivi presso il ministero della Giustizia un tavolo tecnico sulle criticità penitenziarie, presieduto dal ministro Alfano.
 
Il grave momento di crisi che ricade per ora unicamente sui trentottomila Agenti e sulle loro famiglie ci impone di trovare e discutere su soluzioni che possano essere comprese e condivise dai cittadini e fatte proprie dal Governo.
 
 E noi vogliamo fare la nostra parte.
 
Chiediamo quindi di aprire da subito questo tavolo di trattativa tecnica con il ministro Alfano e le altre realtà sociali che operano negli istituti penitenziari, per trovare insieme delle soluzioni condivise tese a risolvere il grave momento di crisi che il settore penitenziario sta vivendo e che principalmente la Polizia Penitenziaria sta fronteggiando e pagando in termini di condizioni di lavoro gravose e particolarmente stressanti.
 

Scritto da: Donato Capece
(Leggi tutti gli articoli di Donato Capece)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati
Dal carcere di Milano alla Siria: così si è radicalizzato il giovane foreign fighter
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.80.147


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 La morte di Stefano Cucchi: la disinformazione continua





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

10 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento


  Cerca per Regione