Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Benessere del personale di Polizia Penitenziaria: le nobili parole che spesso vanno al vento


Polizia Penitenziaria - Benessere del personale di Polizia Penitenziaria: le nobili parole che spesso vanno al vento

Notizia del 07/03/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3661 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Sfogliando alcune riviste de "Le due Città", rivista ufficiale dell'Amministrazione Penitenziaria, mi sono soffermato su un articolo della rivista nr. 10 di Ottobre 2011 a pagina cinque a firma dell'allora Capo del D.A.P. Franco Ionta.

Il Presidente Ionta scriveva in merito alla tragica morte dell'assistente Salvatore Corrias, deceduto mentre svolgeva il proprio lavoro schiacciato da un pesante cancello all'Ospedale Sandro Pertini di Roma, esternando tutto il suo dolore e il  pensiero alla famiglia del caro collega.

Credo che quella lettera sia stata scritta veramente con il cuore, anche perché nessuno può accettare la morte di una persona in una maniera così tragica.

Ma le parole che mi hanno colpito sono state anche quelle rivolte a tutto il personale, quando Ionta dice: "Confermo l'impegno nel continuare ad agire per rendere le condizioni di lavoro della Polizia Penitenziaria meno gravose, più sicure e dignitose e accorciare la distanza tra Amministrazione e il suo personale, una distanza che negli anni ha prodotto disaffezione, sfiducia, confusione dei ruoli e incertezza degli obiettivi".

Leggendo questa lettera ho avuto la conferma che un capo del D.A.P. sa bene quali siano le aspettative del personale e tutto ciò che genera disaffezione e sfiducia verso la propria Amministrazione. La confusione, le incertezze e lo sconforto, sono cose che un capo del D.A.P. conosce molto bene.

Poi mi viene in mente anche ciò che si è cercato di fare per il benessere del personale, ma di cosa poi si sia realmente fatto non ho la minima idea.

Se il Presidente Ionta oggi fosse ancora capo del D.A.P. avrei voluto chiedergli il perché allora non si è proseguito con questo impegno, il perchè di quelle belle e nobili parole rivolte agli appartenenti al Corpo che non hanno trovato alcun riscontro.

Presidente Tamburino, se Lei oggi legge questa mia lettera faccia in modo che quell'impegno auspicato dal Suo predecessore trovi davvero un riscontro oggettivo, noi non ci accontentiamo più delle belle parole ma aspettiamo i fatti, cose concrete che creino davvero benessere tra il personale, noi vogliamo davvero riprenderci l'orgoglio di essere Poliziotti Penitenziari, essere motivati a svolgere un compito sempre piu' difficile.

Lo faccia quanto prima perché abbiamo aspettato già troppo tempo.

PAOLO SPANO


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


mi correggo, capire il linguaggio del corpo(gesti,mimica,espressioni del volto ecc.ecc) e non comunicazione del corpo, mobbing, stress lavorativo, emozioni, paure,gestione del tempo,le pause modalità di rapportarsi con gli altri posizione relazionale ,regole,organizzazione e gestione del personale con implicazione sulla resa e tanto altro. enzima un abbraccio sempre con tanta stima.

Di  Anonimo  (inviato il 19/03/2012 @ 21:19:48)


n. 9


Grazie per la tua precisazione. Ma mi pare un po' poco parlare solo di comunicazione. Soprattutto dopo quello che l'Amministrazione aveva detto di realizzare.

Di  Enzima  (inviato il 19/03/2012 @ 17:46:36)


n. 8


grazie enzima , per la precisazione richiesta.
io sono un assistente capo con 30 anni di servizio e sono in trincea, al corso come docenti , c'erano,un pischiatra dell'asl di riferimento,una piscologa, una ass.sociale. abbiamo parlato di comunicazione (comunicazione anche con il corpo ), di sindrome di barnaout, di mobbing, stress lavorativo,rapportarsi con gli altri , e tanto altro , l almeno io come i miei compagni di corso sia colleghi di qualsiasi qualifica sia anche personale amministrativo ,abbiamo apprezzato . poi si sa quando la lucidità della mente scompare non ci sono corsi e procedure che tengano.

Di  Anonimo  (inviato il 19/03/2012 @ 15:10:05)


n. 7


Ottimo! Sarebbe anche utile sapere in cosa consisteva il corso, chi vi ha partecipato e in quali azioni a favore del personale si sono concretizzate le nozioni apprese al corso. Altrimenti il commento precedente sembra quello di un dirigente del DAP...

Di  Enzima  (inviato il 19/03/2012 @ 09:29:57)


n. 6


io ho fatto un corso sul benessere organizzativo per il personale promosso dalla nostra amministrazione ,posso dirvi molto utile ed interessante nei contenuti ,ogni tanto un plauso a quanto si fà di buono per il personale .

Di  Anonimo  (inviato il 19/03/2012 @ 07:06:06)


n. 5


OGGI LA POLIZIA PENITENZIARIA RESPIRA UN AFFATICAMENTO STRAORDINARIO, VISTO LA CRESCENTE CARENZA ORGANICA, A LA CRESCENTE POPOLAZIONE DEI RECLUSI, MA LA PROPAGANDA POLITICA RIESCE A FARSI SPAZIO SUL GRANDE TEMA DEI POLIZIOTTI, CON CONTINUE VISITE E PROMESSE DI VARIO GENERE, MA DI CONCRETO NON ACCADRA' NULLA, VISTO LE POCHE RISORSE LE TANTE PROMESSE PURTROPPO.

Di  CUTONE  (inviato il 10/03/2012 @ 11:11:12)


n. 4


Ho avuto modo di vedere nel sito del Corpo come sono state festeggiate le donne della Polizia Penitenziaria. Nell'apprezzare il gesto di considerazione da parte dell'Amministrazione, non ho visto neanche una uniforme tra i presenti. Ma dove erano le Poliziotte?

Di  Agelo Blu  (inviato il 09/03/2012 @ 18:44:37)


n. 3


Caro collega ti seguo da un po di tempo nei tuoi commenti e scrivi sempre cose interessanti, non riusciresti a farti nostro portavoce presso le alte Autorità per ottenere qualcosa di concreto?

Di  Roby  (inviato il 09/03/2012 @ 18:39:09)


n. 2


Grande Paolo!!!!! Riesci a cogliere le aspettative di tutti noi ed esprimi ciò che tutti vorrebbero dire ma non hanno il coraggio di farlo!

Di  Manolo  (inviato il 09/03/2012 @ 17:20:12)


n. 1


Perchè crediamo ancora a quei discorsi studiati a tavolino, il classico fumo negli occhi a spese di noi poveri fessi che lavoriamo inventandoci uno spirito di Corpo che a poco serve a fine mese...
Discorsi studiati per restare protagonisti nel circuito delle importanti cariche della casta...e.... allungare il brodo fino alla fine del mandato con il classico premio di un incarico superiore per aver saputo fare niente..
Battlestar

Di  battlestar  (inviato il 09/03/2012 @ 16:04:44)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.23.54.109


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione