Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Boss della camorra arrestato grazie ad un video di Youtube.


Polizia Penitenziaria - Boss della camorra arrestato grazie ad un video di Youtube.

Notizia del 18/02/2010

in Accadde al penitenziario

(Letto 4691 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Napoli, 17 feb. -  Giacomo Alberto, presunto capo dell'omonimo clan attivo a Barra, quartiere periferico di Napoli, e' stato arrestato per evasione aggravata dalla finalità dell'agevolazione mafiosa. Con questo arresto il boss napoletano stabilisce il primato di essere il primo arrestato a seguito di un filmato di youtube. Infatti, fanno notare i pm della direzione distrettuale antimafia di Napoli, che e' la prima volta che viene ipotizzato tale tipo di reato. Spiegano gli inquirenti che l'evasione di Alberto risale a settembre dello scorso anno in occasione dei festeggiamenti della 'Festa dei gigli'. Su tale festa ricadrebbero gli interessi dei clan attivi a Barra. Alberto e' stato arrestato in base ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice delle indagini preliminari su richiesta della dda, coordinata dal procuratore aggiunto Alessandro Pennasilico.

Tra il materiale investigativo accumulato dai pm della Dda, vi sarebbero anche due video, scaricabili dal sito youtube relativi alle prove dei festeggiamenti della 'Festa dei gigli' svoltasi al rione Bisignano, nei pressi della roccaforte del clan Alberto in cui si nota proprio il boss, all'epoca agli arresti domiciliari a causa di problemi di salute. Proprio Alberto fu ripreso mentre era intento a festeggiare e a ballare con gli abitanti del rione. Anzi, il camorrista "veniva messo al centro di specifiche esibizioni popolari -spiegano alla Dda- e fatto oggetto di cori inneggianti alla supremazia del clan Alberto rispetto alle altre organizzazioni operanti nella medesima area, tutto cio' a dispetto delle citate precarie condizioni di salute e del suo stato di detenzione".

Alberto era agli arresti domiciliari per associazione mafiosa ed estorsione pluriaggravata. La presenza e la partecipazione di Alberto alla 'Festa dei gigli' "veniva interpretata grazie anche alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia -spiega la Dda- come chiaro segno del vigore del clan e come inequivocabile messaggio di forza ed operatività del sodalizio nei confronti dei numerosissimi partecipanti ai festeggiamenti e alla popolazione del quartiere tutto.

La presenza del pregiudicato è stata interpretata dagli investigatori come un messaggio sulla forza e la capacità della cosca inviato alla gente del quartiere.

Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.155.163


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione