Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Boss della malavita inglese continuava a gestire affari dal carcere usando facebook.


Polizia Penitenziaria - Boss della malavita inglese continuava a gestire affari dal carcere usando facebook.

Notizia del 01/02/2010

in Accadde al penitenziario

(Letto 4055 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Colin Gunn, uno dei più pericolosi boss della malavita inglese, condannato a 35 anni di carcere per associazione a delinquere e istigazione all'omicidio, rinchiuso nella prigione di massima sicurezza di South Littleton nella contea del Worcestershire, era riuscito ad ottenere il permesso di usare il social network Facebook da Ferdie Parker, direttore del penitenziario inglese.

In questo modo,  il boss continuava, anche dal carcere, a dare ordini e ad intimidire i suoi nemici attraverso una rete di quasi seicento amici ai quali inviava pizzini digitali.
Il gravissimo episodio è stato scoperto dal Sunday Times che ha anche raccontato diversi dettagli dell’attività digital-criminale del boss. Immediatamente, dopo la denuncia, i gestori di Facebook hanno oscurato l'account del pericoloso criminale.
Colin Gunn, 42 anni, condannato anche per aver ordinato l'omicidio di due coniugi, aveva ben 565 amici su Facebook. Ora si difende sostenendo che l'uso di Internet è un suo diritto e che l'oscuramento della sua pagina web è un'azione illegittima. In realtà attraverso messaggi neanche troppo velati, Gunn gestiva i suoi affari illegali, dettava ordini ai suoi complici e minacciava i suoi nemici. In particolare continuava a controllare lo spaccio della droga nella città di Nottingham grazie al quale nel corso degli anni ha costruito il suo impero economico. Secondo quanto riferisce il Sunday Times l’amministrazione penitenziaria avrebbe chiuso un occhio sulle attività multimediali di Gunn perché temeva denuncie da parte di qualche organizzazione britannica che difende i diritti dei detenuti. Alla fine è dovuto intervenire Jack Straw, ministro della Giustizia inglese, che ha ribadito che l'uso dei social network è proibito a tutti i detenuti rinchiusi nei penitenziari britannici.
La superficialità dell’amministrazione penitenziaria appare evidente se si vanno a leggere alcuni post scritti da Gunn: «Un giorno tornerò a casa. Non vedo l'ora di guardare negli occhi alcune persone e vedere quanta paura hanno di me». In un altro post elogia Facebook perché gli offre la possibilità di far sentire la sua voce ai suoi amici e soprattutto ai suoi nemici. Non è la prima volta che un detenuto inglese usa il più popolare social network per  scopi illeciti: la scorsa settimana Jade Braithwaite, un criminale condannato all’ergastolo per aver ucciso a coltellate un sedicenne, ha usato Facebook per minacciare la famiglia della vittima.

Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati
Dal carcere di Milano alla Siria: così si è radicalizzato il giovane foreign fighter
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.106.138


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

3 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

6 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

7 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Diventa anche tu Capo del DAP!

10 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

5 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

6 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

7 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

8 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

9 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

10 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento


  Cerca per Regione