Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Bullismo e baby gang


Polizia Penitenziaria - Bullismo e baby gang

Notizia del 10/05/2018

in Giustizia Minorile

(Letto 200 volte)

Scritto da: Ciro Borrelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


In generale dopo l’arresto di un minorenne imputabile (14 ai 18 anni), il Pubblico Ministero della Procura Minorile, stabilisce se il baby gangster deve essere rimesso  in libertà oppure condotto in un Centro di Prima Accoglienza per Minorenni, sorvegliato della Polizia Penitenziaria, in cui rimane fino a quando l’Autorità Giudiziaria decide la sua sorte. Da quel momento in poi le possibilità a disposizione del giudice sono varie: custodia cautelare, collocamento presso comunità, permanenza in casa, prescrizioni, sospensione del processo e messa alla prova, sentenza di non luogo a procedere per irrilevanza del fatto, perdono giudiziale.

Per i più il carcere risolverebbe la situazione in maniera definitiva, in virtù della sua riconosciuta capacità deterrente. Di avviso diametralmente opposto gli esperti che insistono: baby criminali non si nasce, ma si diventa.  La delinquenza di gruppo nasconde un malessere che è curabile.

È difficile dare un nome ad un disagio che è nella quasi totalità dei casi composito e stratificato: noia, ostilità, bisogno di riconoscimento, rabbia sociale, ideologie, narcisismo, paure. L’unica evidenza rimane quella violenza cieca, gratuita, che in molti minori/adolescenti, può trapassare in dipendenza vera e propria, un modo di vivere abituale.

Sul tema della devianza di gruppo minorile ed adolescenziale circolano immaginari collettivi che descrivono irrealisticamente il paese. Sembrerebbe che il fenomeno sia in aumento per qualità e quantità delle sue manifestazioni ma basta consultare i dati dell’Ufficio Studi e ricerche del Dipartimento Giustizia Minorile per rendersi conto che il fenomeno baby gang in Italia non aumenta tanto nel numero, ma si modifica per qualità e territori.

C’è una percezione della criminalità giovanile sovrastimata rispetto al dato reale . È difficile identificare il fenomeno e lavorare sulla sua conoscenza se non si tiene conto degli elementi “topici” che ricorrono nella maggior parte delle esperienze. La lista dei fattori scatenanti chiama in causa famiglie, scuola, società.

In generale i baby gangster italiani rientrano in due grandi categorie: quelli “a breve termine”, che commettono reati per così dire occasionalmente, in una fase specifica e transitoria della vita, e i recidivi “a lungo termine”, che commettono reati in maniera maggiormente pianificata e routinaria, spesso in connessione con una crescita ed un radicamento in ambienti socialmente deprivati o collegati alla criminalità organizzata.

In generale tra le cause del fenomeno baby gang vi sono fattori riferibili alla sfera dell’identità personale e del disimpegno morale (assumere un ruolo attraverso l’atto-reato, scarsa o nulla responsabilizzazione verso l’atto commesso). Disturbi della personalità e traumi patiti nella prima infanzia, insieme a fattori prettamente socio-familiari (padri deceduti/o poco autorevoli/o in carcere, abuso delle punizioni corporali, modelli di attaccamento disorganizzati, famiglie disaggregate, genitori separati o divorziati), nonché, ovviamente, fattori legati a precedenti esperienze di commissione di reati seguiti da interventi rieducativi e di risocializzazione fallimentari.

 

 


Scritto da: Ciro Borrelli
(Leggi tutti gli articoli di Ciro Borrelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Alfonso Bonafede, chi è il ministro della Giustizia proposto da M5S e Lega
Un busto di Giovanni Falcone al carcere di Massama
I radicali difendono la Direttrice di Poggioreale:Pessimo il servizio delle Iene. La cella zero non esiste più
Video intervista Teleroma 56 a Maurizio Somma Segretario Regionale (sappe)
Braccialetti anti-stalker: Fastweb spiega come funzionano.
Violenza a Poggioreale, il cappellano: Ingiusto accusare la polizia di abusi
Totoministri: ecco il possibile ''listone'' del Governo Lega-5 Stelle. Alfonso Bonafede ‘corre’ per il Ministero della Giustizia
Fiammetta Borsellino accusa il DAP: ignorata la richiesta di incontro con i boss Graviano


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.81.78.135


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto





Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione