Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Carceri private: in Francia un esperimento con supermercato e ufficio postale


Polizia Penitenziaria - Carceri private: in Francia un esperimento con supermercato e ufficio postale

Notizia del 01/02/2012

in Attualita

(Letto 3379 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


A Saint-Julien-sur-Suran, nel dipartimento francese di Jura, molto presto si potranno fare compere in carcere. Il paese, situato a un centinaio di chilometri da Ginevra, è stata scelto per accogliere uno dei primi dieci penitenziari modello che la Francia intende costruire nei prossimi anni.

Ci sarà un supermercato, una panetteria e perché no anche un ufficio delle poste, dove i detenuti verso la fine della pena serviranno la clientela. Così ha voluto l'uomo d'affari di Lione Pierre Botton. Lui stesso vecchio condannato, ha immaginato una prigione ideale che metterà i detenuti in contatto con la popolazione e la realtà dell'impresa. L'idea poteva sembra un'utopia in un Paese celebre per la rigidità del suo sistema carcerario, ma Botton è riuscito a convincere parecchie aziende e soprattutto l'Eliseo.
 
Approvato dal governo francese a dicembre, il progetto è ancora in fase d'evoluzione. Per ora niente centri commerciali e supermercati, ma non è detto che in futuro non possa accadere. Secondo gli organizzatori, il progetto rivitalizzerà non solo la prigione ma anche il comune e cambierà il modo di guardare i detenuti. La gente prenderà l'abitudine di essere servito dai prigionieri. "Un vero cambiamento di mentalità", promettono.
 
Per ora il progetto di installare l'esperimento carcerario progettato da Pierre Botton ex detenuto a Saint-Julien-sur-Suran (Giura) divide questo piccolo villaggio, dove alcuni residenti vedrebbero una visione molto fioca l'attuazione del presente nuovo tipo di prigione.

Pierre Botton, figlio di ex ministro e vice-sindaco di Lyon Michel Noir, ha creato all'inizio del 2010 "Le prigioni del cuore". "Ci sono pro e contro, ma questo progetto è del tutto sproporzionato rispetto alle dimensioni del nostro paese", ha detto Janine Keser, segretario del LA PETITE MONTAGNE, ESPACE DE LIBERTE, pagina Facebook creata per l'occasione. "Stiamo parlando di circa 120 detenuti oltre 80 operatori di vigilanza, è la metà della popolazione del paese. L'infrastruttura qui non è fatta per tutte le persone".

Niente recinzione, niente filo spinato
L'impianto proposto, che si trova su un terreno di 44.000 m², potrebbe ospitare 120 detenuti, uomini condannati per la prima volta, a pene detentive che vanno da 6 mesi a 5 anni (ad esclusione di condanne "di natura sessuale" e "crimini di Nell'ambito di questo progetto, i detenuti si terranno le chiavi del loro celle e lavoreranno nella struttura con salari simili a quelli della vita normale. All'interno della prigione, non ci sarà filo spinato. Solo una doppia parete di recinzione circonderanno il centro.

"Sono sicuro che molte persone sono a favore di questo progetto", spiega Helene Pélissard. "Capiamo le preoccupazioni dei residenti, ma sarebbe un peccato se riufiutassero l'installazione di questo carcere che è uno strumento per il rilancio del territorio", dice.

Gli abitanti di questo piccolo paese situato a 25 km a sud di Lons-le-Saunier saranno consultati il prossimo 11 marzo ed "è chiaro che se vi è un rifiuto massiccio della popolazione, il Dipartimento della Giustizia, che prende le decisioni, sorgeranno dei problemi",  ha detto il General Counsel.

L'impianto modello proposto costerebbe circa 10 milioni di euro, secondo i suoi progettisti. Pierre Botton, che ha fatto 20 mesi di prigione nel 1990 per abuso di beni aziendali, vorrebbe vedere il progetto andare avanti velocemente, ma per ora non vi è "un calendario" per le fasi della sua attuazione.
 
Anche in Svizzera ci sono ammiratori del progetto Botton. Già ci sono iniziative che vanno sulla stessa traccia. A Bochuz, cantone Vaud, un negozio guidato da un detenuto propone al pubblico dei prodotti artigianali. A Bellechasse la chiesa della prigione accoglie senza distinzioni fedeli del paese e prigionieri. Quanto ai detenuti di La Tuiilière, organizzano ogni anno un mercatino di Natale per vendere i loro prodotti.
 

Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.157.241


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione