Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Carceri private: in Francia un esperimento con supermercato e ufficio postale


Polizia Penitenziaria - Carceri private: in Francia un esperimento con supermercato e ufficio postale

Notizia del 01/02/2012

in Attualita

(Letto 3263 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


A Saint-Julien-sur-Suran, nel dipartimento francese di Jura, molto presto si potranno fare compere in carcere. Il paese, situato a un centinaio di chilometri da Ginevra, è stata scelto per accogliere uno dei primi dieci penitenziari modello che la Francia intende costruire nei prossimi anni.

Ci sarà un supermercato, una panetteria e perché no anche un ufficio delle poste, dove i detenuti verso la fine della pena serviranno la clientela. Così ha voluto l'uomo d'affari di Lione Pierre Botton. Lui stesso vecchio condannato, ha immaginato una prigione ideale che metterà i detenuti in contatto con la popolazione e la realtà dell'impresa. L'idea poteva sembra un'utopia in un Paese celebre per la rigidità del suo sistema carcerario, ma Botton è riuscito a convincere parecchie aziende e soprattutto l'Eliseo.
 
Approvato dal governo francese a dicembre, il progetto è ancora in fase d'evoluzione. Per ora niente centri commerciali e supermercati, ma non è detto che in futuro non possa accadere. Secondo gli organizzatori, il progetto rivitalizzerà non solo la prigione ma anche il comune e cambierà il modo di guardare i detenuti. La gente prenderà l'abitudine di essere servito dai prigionieri. "Un vero cambiamento di mentalità", promettono.
 
Per ora il progetto di installare l'esperimento carcerario progettato da Pierre Botton ex detenuto a Saint-Julien-sur-Suran (Giura) divide questo piccolo villaggio, dove alcuni residenti vedrebbero una visione molto fioca l'attuazione del presente nuovo tipo di prigione.

Pierre Botton, figlio di ex ministro e vice-sindaco di Lyon Michel Noir, ha creato all'inizio del 2010 "Le prigioni del cuore". "Ci sono pro e contro, ma questo progetto è del tutto sproporzionato rispetto alle dimensioni del nostro paese", ha detto Janine Keser, segretario del LA PETITE MONTAGNE, ESPACE DE LIBERTE, pagina Facebook creata per l'occasione. "Stiamo parlando di circa 120 detenuti oltre 80 operatori di vigilanza, è la metà della popolazione del paese. L'infrastruttura qui non è fatta per tutte le persone".

Niente recinzione, niente filo spinato
L'impianto proposto, che si trova su un terreno di 44.000 m², potrebbe ospitare 120 detenuti, uomini condannati per la prima volta, a pene detentive che vanno da 6 mesi a 5 anni (ad esclusione di condanne "di natura sessuale" e "crimini di Nell'ambito di questo progetto, i detenuti si terranno le chiavi del loro celle e lavoreranno nella struttura con salari simili a quelli della vita normale. All'interno della prigione, non ci sarà filo spinato. Solo una doppia parete di recinzione circonderanno il centro.

"Sono sicuro che molte persone sono a favore di questo progetto", spiega Helene Pélissard. "Capiamo le preoccupazioni dei residenti, ma sarebbe un peccato se riufiutassero l'installazione di questo carcere che è uno strumento per il rilancio del territorio", dice.

Gli abitanti di questo piccolo paese situato a 25 km a sud di Lons-le-Saunier saranno consultati il prossimo 11 marzo ed "è chiaro che se vi è un rifiuto massiccio della popolazione, il Dipartimento della Giustizia, che prende le decisioni, sorgeranno dei problemi",  ha detto il General Counsel.

L'impianto modello proposto costerebbe circa 10 milioni di euro, secondo i suoi progettisti. Pierre Botton, che ha fatto 20 mesi di prigione nel 1990 per abuso di beni aziendali, vorrebbe vedere il progetto andare avanti velocemente, ma per ora non vi è "un calendario" per le fasi della sua attuazione.
 
Anche in Svizzera ci sono ammiratori del progetto Botton. Già ci sono iniziative che vanno sulla stessa traccia. A Bochuz, cantone Vaud, un negozio guidato da un detenuto propone al pubblico dei prodotti artigianali. A Bellechasse la chiesa della prigione accoglie senza distinzioni fedeli del paese e prigionieri. Quanto ai detenuti di La Tuiilière, organizzano ogni anno un mercatino di Natale per vendere i loro prodotti.
 

Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.139.136


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione