Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Cari vecchi Agenti di Custodia


Polizia Penitenziaria - Cari vecchi Agenti di Custodia

Notizia del 17/12/2014

in Accadde al penitenziario

(Letto 3510 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo


Cari vecchi AA.CC., il vostro è stato sempre un lavoro aborrito dalla maggior parte delle persone; un lavoro mal pagato e poco gratificante.

Un lavoro reso ancor più pesante  da un’asfissiante disciplina, forse necessaria ma che giornalmente  si riversava sugli agenti  sotto forma di centinaia di rapporti disciplinari, puniti talvolta con gli arresti di rigore o, negli ultimi anni, con la consegna  o la riduzione della paga.

Basta studiare attentamente i vecchi registri Matricola degli agenti per attingere informazioni  preziose e utili a ricostruire i tempi, ovvero l’ambiente di lavoro, la mentalità delle varie epoche, le dinamiche carcerarie, i rapporti umani tra colleghi e tra colleghi e “civili”, ma anche tra agenti e detenuti.

Dalle pagine ingiallite delle matricole, veri cimeli per gli appassionati cultori della storia degli AA.CC. emerge di tutto, piccoli e grandi drammi familiari, tradimenti, convivenze con donne di malaffare, ignoranza e corruzione, familiarità con i detenuti, raaporti conflittuali con i c.d. “civili”. Molti sono, ad esempio, i rapporti disciplinari a carico di agenti per “mancanza di rispetto” a varie figure professionali: mancanza di rispetto al ragioniere, al sanitario, all’infermiere e a Sua Maestà il Direttore. Una mancanza di rispetto a senso unico; era come se l’agente fosse stato obbligato a essere deferente e portare sempre rispetto a tutti ma, a lui, essendo l’ultima ruota del carro, probabilmente, il rispetto non lo portava nessuno nei suoi confronti.

Tantissimi i rapporti disciplinari per “alterco con i colleghi in servizio” sia da soli che in presenza di detenuti, qualche arresto per insubordinazione con vie di fatto nei confronti di superiori, cosa che mi fa pensare ad un ambiente di lavoro i cui rapporti interpersonali tra colleghi erano molto tesi e sfociavano spesso in litigi, ed era molto facile che si passasse alle  mani.

Ma una cosa che emerge dall’esame delle sanzioni disciplinari e che va a sfatare un mito che si tramanda da secoli e che pesa come un macigno sugli AA.CC. è la diffusa opinione che le carceri erano governate con la violenza; e che comunque tale violenza, se c’era, veniva tollerata dalla direzione o dal Ministero o addirittura in qualche modo, incoraggiata e usata a scopi intimidatori verso altri detenuti.

E’ del tutto probabile che fatti di violenza accadessero all’interno delle carceri e di molti di questi non si veniva a conoscenza per un diffuso senso di omertà tra i detenuti che, se interrogati, preferivano ammettere di essere caduti dalle scale; è pur vero che gli agenti erano spesso, forse anche più di oggi, oggetto di aggressioni violente da parte dei detenuti e dovevano pur difendersi da questi uomini disperati che non potevano aspirare ad alcun sconto di pena per buona condotta.

Dall’esame delle matricole salta fuori un dato, infatti, che smentisce, almeno in parte, questa leggenda, in quanto numerosi erano i procedimenti disciplinari e penali a carico degli agenti, per essersi resi protagonisti di abusi, maltrattamenti e perfino di scherzi di cattivo gusto ai detenuti. Questo dato mi ha fatto riflettere e mi ha portato a dare un giudizio diverso, rispetto a quanto si pensa, di solito, del passato carcerario e degli AA.CC. In realtà l’attenzione nei confronti della salute e della dignità del detenuto c’è sempre stata, pur con i limiti del sistema, le ristrettezze economiche, il sovraffollamento (non è una novità che fin dalla fine del ‘700 le carceri sono state sempre sovraffollate rispetto alla capienza ottimale delle celle) e la carenza di personale di custodia che è stata sempre una costante nei secoli e che emerge continuamente, dalle relazioni di servizio dei Marescialli dell’epoca.

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Uno degli accusati dell''omicidio di Emanuele Morganti era stato arrestato la sera prima con più di 1000 dosi di droga ma subito rilasciato
Sequestrati telefoni e coltelli nel carcere di Cassino: operazione di Carabinieri e Polizia Penitenziaria
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.210.125


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Riordino: chi non vuole i vice questori della Polizia Penitenziaria?





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione