Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Cari vecchi Agenti di Custodia - seconda parte


Polizia Penitenziaria - Cari vecchi Agenti di Custodia - seconda parte

Notizia del 20/12/2014

in Accadde al penitenziario

(Letto 2429 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Cari vecchi AA.CC., non posso pensare a voi, silenziosi servitori dello Stato senza provare affetto e gratitudine per i sacrifici personali e familiari, che avete dovuto affrontare e per le ingiustizie subite nella vostra carriera.

Sottoposti ad un controllo e una burocrazia asfissiante, camminavano sempre sul filo del rasoio poiché i direttori dell’epoca avevano  quasi potere di vita e di morte sugli AA.CC. (nel senso che li potevano buttare fuori dal Corpo o trasferirli facendo trovare loro la famosa “cassa” in portineria, se solo avessero combinato dei guai, o se magari si fossero solo resi antipatici al direttore per via della loro opera “mormoratrice” o delle loro idee sovversive). La burocrazia, poi, subentrava in ogni fase e in ogni momento della vita dell’agente di custodia. Occorrevano sempre le informazioni del Direttore: per avanzamento al grado superiore, per contrarre matrimonio, per inviare un’istanza di rafferma, per una domanda di trasferimento, per un’istanza di ratifica di anzianità e paga, per partecipare ad un corso di infermiere, per l’ammissione al servizio continuativo ecc. insomma una vita in servizio scandita da continui giudizi da parte del Direttore, che erano per lo più sentenze senza alcuna possibilità di appello.

Una condizione di continua ed incessante frustrazione sia in servizio che fuori veniva probabilmente annegata nell’alcool da molti agenti, infatti, su un campione rappresentativo di oltre 500 agenti di custodia dalla fine dell’800 al 1960 circa, tanti sono i rapporti disciplinari per ubriachezza che poteva assumere diverse connotazioni: semplice, senza scandalo, molesta e scandalosa.

Ma ciò che condizionava la vita degli agenti, specie gli sposati era la difficoltà economica, causata certamente da un magro stipendio o, nel caso di alcuni agenti celibi a causa della vita sregolata che vivevano  fuori dal carcere, spesso condita da frequentazioni poco raccomandabili e donne di malaffare. Lo stipendio doveva essere ben poca cosa nel dopoguerra, se il Direttore del Carcere di Ventimiglia giudicava un agente scrivendo: “è affezionato alla famiglia che, nonostante la misera paga, aiuta mensilmente privandosi anche del necessario”.

I debiti erano l’ossessione di tanti agenti; alcuni erano carichi di debiti – e per dirla con parole del direttore – ….che si ritiene contragga per abitudine a vita sregolata e con il deliberato proposito di non saldarli (1960)…- ma sono tanti i giudizi riscontrati nei quali si fa cenno a debiti contratti per vita sregolata da parte degli agenti.

Insomma, quella degli agenti di custodia, in quegli anni fu una vita grama fatta di ore interminabili di lavoro e di poche soddisfazioni. Fedeli servitori dello Stato, mal pagati e senza nemmeno il diritto al Riposo settimanale (conquistato nella seconda metà degli anni ’80) seppero, comunque, pur essendo abbandonati dalle istituzioni per anni, arginare la tracotanza mafiosa e terroristica, pagando un tributo di sangue altissimo che fa onore al Corpo degli Agenti di Custodia del quale, tutti noi dobbiamo essere fieri.

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


l'articocolo cari vecchi Agenti di Custodia mi ha riportato nell'anno 1982, mi trovavo alla scuola di Portici,per poi essere trasferito ad Imperia tanti sacrifici, non si avevano riscaldamenti con un freddo nelle ore notturne insopportabile, in nove mesi di servizio non ho usufruito di un riposo, una vita di rinuncie, sopprusi da chi vestiva un grado,non ho mai sputato nel piatto dove mangiavo ma posso dire che sono stati periodi duri.Auguro a tutti gli uomini e donne della Polizia Penitenziaria con le rispettive famiglie un buon natale e un felice anno

Di  Aurelio  (inviato il 21/12/2014 @ 17:34:01)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.247.205


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

7 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

8 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

9 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni

10 Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa


  Cerca per Regione