Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Caro Enzima...


Polizia Penitenziaria - Caro Enzima...

Notizia del 09/02/2011

in Fiamme Azzurre

(Letto 2433 volte)

Scritto da: Lady Oscar

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Caro Enzima,

certo che gli atleti delle Fiamme Azzurre non possono e non devono essere solo personaggi da copertina, buoni per la pubblicità o per qualche premiazione ufficiale in cui tutti possano sentirsi più belli e più bravi. E’ vero che la percezione degli atleti come appartenenti è ai minimi termini se si esclude qualche vittoria eclatante trasmessa in tv ( quando in tv o altrove ci si occupa anche di altre discipline oltre a fare il processo all’ultima di campionato e a far rivedere i gol di serie a) e si chiami la Polizia Penitenziaria col suo nome corretto, come dicevo nell’articolo che citi.

E’ verissimo pure che stare su un qualunque sito web, anche in questo, costantemente e con una preponderante visibilità, quasi per una “addiction” del webmaster di turno, non è ciò che serve a veicolarne l’immagine e renderli più amabili tra gli appartenenti  al Corpo questi benedetti atleti.

Ben venga sicuramente  il discorso della cultura sportiva,  l’idea di “sfruttare”, come rilevi, gli agonisti, la loro abitudine a ragionare in termini di produttività e di risultato per il benessere collettivo dei nostri colleghi.
 
Tu dici “ serietà, onestà e costanza e tante altre caratteristiche che fanno di un atleta una persona che è abituata ad agire e lavorare in un modo più efficace e più efficiente rispetto alla media, e, oltretutto, non potrà farne a meno”.
Forse parlando di atleti  messi alla prova pensavi a quella pragmaticità che la Lady di ferro Margaret Tatcher aveva voluto come imperativo durante la sua gestione per evitare disservizi ed inefficienze insieme ai concetti di trasparenza (dell’azione), responsabilità (del proprio incarico) e accountability (rendicontazione di ciò che si è raggiunto o meno). Pensi che gli atleti siano portatori di queste buone qualità date le loro caratteristiche di soggetti altamente motivati, abituati a ragionare in termini di risultato e di alta specializzazione nel fare ciò che fanno? bene, hai ragione, lo sono nella quasi totalità dei casi.
 
Riguardo alla parte: “pensa solo a quale patrimonio di conoscenze in termini di benessere psico-fisico è tuttora “racchiuso” in tanti atleti ed ex atleti del nostro Gruppo Sportivo e pensa a come potrebbe essere speso se veramente la nostra Amministrazione sapesse ragionare in obiettivi di breve, medio, lungo termine e impiegasse questo patrimonio al servizio degli altri colleghi, quelli che dalla cena del giorno prima fino al pranzo del giorno dopo, vanno avanti solo con qualche caffè… Quelli che devono garantire la sicurezza negli Istituti e che fanno fatica anche a piegarsi per allacciarsi le scarpe”  ho la presunzione di precisarti che, se venissero interpellati, proprio perchè come è indicato nell’articolo da parte di coloro che vivono di gare ed allenamenti non c’è un’estraneità totale alle fatiche e all’impegno dei colleghi che lavorano in carcere, nessuno degli atleti, compatibilmente con i suoi impegni stagionali, si rifiuterebbe di essere parte di programmi che possano andare a beneficio del benessere psicofisico di chi lavora in sezione.
 
Relativamente ai “progetti che perseguissero il benessere del personale” cui accenni, credo, riferendoti alla fase devastante dei suicidi dei nostri tra  il Natale 2007  ed il Capodanno 2008, se vai a rileggerti l’articolo del gennaio 2008 della sezione sportiva della rivista del Sappe si proponeva attività fisica, attività d’evasione, momenti in cui chi svolge il durissimo lavoro in sezione potesse ritrovare se stesso scaricando le tensioni, beneficiandone anche in termini di salute ed efficienza, ma alle Fiamme Azzurre da poter impiegare in questo senso non ha forse pensato nessuno ed è un peccato perchè l’essere visti con regolarità in carcere dai colleghi sarebbe oltretutto per gli atleti un modo per essere meno sconosciuti e distanti ai loro occhi, un’occasione di comunanza in cui non apparirebbero più come “l’élite” dai “figli di un dio minore” come rimproveravo nel finale ad alcuni del nostro glorioso Corpo che sono affetti dalla (immotivata) sindrome di Calimero.
 
Ancora nella sezione sportiva, vedi lo “sport d’evasione” si è andati avanti raccontando di come lo sport indirettamente, stavolta somministrato come attività da far svolgere ai detenuti, possa rendere l’ambiente carcerario più tranquillo per i nostri colleghi, di come gli episodi di autolesionismo siano statisticamente inferiori in tutti quegli ambienti detentivi dove i reclusi possano impiegare le loro energie in una qualche attività etc etc.
 
Lo sport non è fatto certamente solo di medaglie e vittorie, ma così come le medaglie e le vittorie nessuno se le porta da casa e non arrivano per investitura divina a chiunque degli agonisti se non lavora per raggiungerle, allo stesso modo i progetti che coinvolgano il personale non riguarderanno le Fiamme Azzurre se non vengono portati avanti con proposte concrete da chi abbia interesse e voglia di farli adottare.
Fino a quel momento, caro Enzima, lo sport in Polizia Penitenziaria sarà fatto solo di vittorie, medaglie,  calendari e feste del Corpo, abituati all’idea.
 
Riguardo poi ai colleghi o, come scrivi tu, al collega “che spara a casaccio le critiche demagogiche”, non l’ho mai pensato realmente come un nemico delle Fiamme Azzurre: ho solo raccolto un pò di malumore diffuso, mi sono limitata a spiegare le Fiamme Azzurre e l’Astrea per ciò che sono, ho voluto illustrare quel che pensano gli appartenenti ai due gruppi di chi  lavora in condizioni al limite della sopportazione nel più sperduto carcere del Paese, sperando che passi il messaggio che nessuno è estraneo al lavoro di tanti uomini di buona volontà come i nostri dimostrano di essere, che se Atene piange Sparta non ride e che i nemici, se si ha voglia di trovarli, non li si venga a cercare neppure tra i gruppi sportivi (sparando a casaccio critiche demagogiche).
 
Precisato ciò, ti invio un caro saluto e ti auguro sportivamente buon lavoro perchè  in quanto ad impegno nel rilevare le questioni di principio anche tu, alla tua maniera, non sei meno di un qualsiasi altro mio/nostro determinato collega agonista.
 
Lady Oscar
 
 

Scritto da: Lady Oscar
(Leggi tutti gli articoli di Lady Oscar)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Milady,
mi fa piacere leggerti concorde con me su tutta la linea ; - )
Ad impiegare le Fiamme Azzurre come veicolatori di benessere fisico e psichico, per tutto il personale (compatibilmente con gli impegni sportivi e quindi utilizzando soprattutto ex atleti), c'hanno già pensato, anche molti anni fa. E come pure ho accennato, c'è già un progetto pronto che prevede espressamente l'utilizzo dello sport (attività fisica) per migliorare il benessere del Personale. E' un peccato che proprio questo progetto sia stato fortemente bocciato.
Magari potrebbe essere rispolverato ed esteso anche con l'aggiunta dell'esperienza delle Fiamme Azzure ; - )
Tu le conosci molto bene le Fiamme Azzurre e sei anche capace di sentire gli umori del Personale "ordinario". Convieni con me che non ci vorrebbe molto ad unire le due sponde, magari stilando un progetto che seguisse le linee tracciate proprio dal Capo del Dipartimento con quella famosa circolare sul benessere del Personale?
Non è compito né mio e né tuo fare tutto ciò. Le Fiamme Azzurre hanno un Responsabile così come la Polizia Penitenziaria. Secondo me è compito loro.
Fino a quando non lo faranno, per conto mio, li riterrò responsabili di questo "fallimento" in cui un Corpo di Polizia è costretto a percepire come estranei i suoi portabandiera!
E stai tranquilla che non mi abituerò mai all'idea che lo sport sia solo fatto di medaglie, calendari e feste.
I traguardi sono traguardi... ; - )


Di  Enzima  (inviato il 09/02/2011 @ 23:07:18)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.176.35


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

5 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione