Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Carta dei diritti e dei doveri del detenuto: il testo del D.P.R.


Polizia Penitenziaria - Carta dei diritti e dei doveri del detenuto: il testo del D.P.R.

Notizia del 21/12/2011

in Attualita

(Letto 47313 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Regolamento in materia di Carta dei diritti e doveri dei detenuti

Con questo provvedimento si modifica l’ordinamento penitenziario, così da fornire al detenuto, al momento del suo ingresso in carcere, e ai suoi familiari, una guida in diverse lingue che indichi in forma chiara le regole generali del trattamento penitenziario e che fornisca tutte le informazioni indispensabili su servizi, strutture, orari e modalità di colloqui, corrispondenza, doveri di comportamento.

Lo schema di D.P.R. modifica due norme del Regolamento penitenziario introducendo la Carta dei diritti e dei doveri dei detenuti e degli internati.


Addio all’attuale informativa. L'art. 32, comma 2, ord. pen. prevede che «i detenuti e gli internati all'atto del loro ingresso negli istituti e, quando sia necessario, successivamente, sono informati delle disposizioni generali e particolari attinenti ai loro diritti e doveri, alla disciplina e al trattamento». In attuazione di tale disposizione, gli artt. 23 e 69 del regolamento n. 230/2000 prevedono che al detenuto e all'internato venga consegnato un semplice estratto delle principali disposizioni previste nella normativa vigente.


Arriva la Carta dei diritti e dei doveri del detenuto. Per garantire l'effettivo esercizio dei propri diritti e una maggiore consapevolezza delle regole che conformano la vita nel contesto carcerario, l'informativa verrà sostituita da un documento più ampio, che dovrà «contenere una chiara esplicazione del regime al quale il condannato e l'internato sono sottoposti, dei diritti che agli stessi spettano e dei doveri ai quali è necessario conformarsi all'interno della casa circondariale, nonché una descrizione delle strutture e dei servizi ad essi riservati». L’obiettivo è favorire una maggiore consapevolezza da parte dei detenuti e degli internati delle regole e dei diritti destinati a conformare la loro vita per un periodo di tempo più o meno lungo.


Da stabilire analiticamente i contenuti della Carta. Anche i familiari dei detenuti dovranno conoscere i contenuti della Carta, affinchè possano comprendere al meglio il contesto carcerario. Le modalità verranno stabilite dal Ministro della Giustizia, con un apposito decreto. Non solo. Il Guardasigilli, dovrà - entro 180 giorni dall'entrata in vigore della disposizione – emanare un altro decreto perché il contenuto della Carta sia analiticamente stabilito.


Un primo screening dei soggetti che si dichiarano disponibili al controllo remoto. Inoltre, il nuovo provvedimento prevede che al momento del colloquio con il direttore della struttura carceraria, questi deve fornire un’adeguata informazione anche rispetto alle modalità di controllo elettronico ex art. 275- bis c.p.p., ovvero alla possibilità di essere sottoposti a sorveglianza elettronica a distanza, laddove i detenuti possano beneficiare della detenzione domiciliare o degli arresti domiciliari. In questo modo sarà acquisito l'eventuale consenso del detenuto a tale modalità di controllo, del quale verrà senza ritardo informata l'autorità giudiziaria competente per le proprie eventuali determinazioni in merito. Con questa modifica all’art. 23 del regolamento penitenziario, si vuole ridurre il rischio di emanare provvedimenti che potrebbero non ricevere applicazione per il diniego del loro destinatario. Infatti, l'art. 275-bis c.p.p. prevede tutt’ora che «il consenso in questione venga richiesto soltanto al momento in cui il provvedimento debba essere materialmente posto in esecuzione». Pertanto, «ferma restando la possibilità per il detenuto di negare il consenso fino a tale momento, la modifica normativa anticiperà la comunicazione della eventuale disponibilità dello stesso al momento del suo ingresso in istituto, minimizzando, ove ne sussistano le condizioni, il periodo di permanenza all'interno della struttura carceraria».

 

(«Modifiche al D.P.R. 30 giugno 2000, n.230. Regolamento recante norme sull'ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà» - Schema di D.P.R.)


 

Schema di D.P.R. (*)
«Modifiche al D.P.R. 30 giugno 2000, n.230. Regolamento recante norme sull'ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà»

Art. 1
(Modifiche al D.P.R. 30 giugno 2000, n.230)

1. Al D.P.R. 30 giugno 2000, n. 230, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all'art. 23, il comma 5 è sostituito dal seguente:
«5. Il direttore del!'istituto, o un operatore penitenziario da lui designato, svolge un colloquio con il soggetto, al fine di conoscere le notizie necessarie per le iscrizioni nel registro, previsto dall'articolo 7 del Regolamento per l'esecuzione del codice di procedura penale di cui al decreto ministeriale 30 settembre 1989, n. 334, e per iniziare la compilazione della cartella personale, nonché allo scopo di fornirgli le informazioni previste dal primo comma dell'articolo 32 della legge e di consegnargli la carta dei diritti e dei doveri dei detenuti e degli internati prevista nel comma 2 dell'articolo 69 del presente regolamento. In particolare, vengono forniti chiarimenti sulla possibilità di ammissione alle misure alternative alla detenzione e agli altri benefici penitenziari e viene contestualmente richiesto al detenuto il consenso al!'eventuale utilizzo delle procedure di controllo mediante mezzi elettronici o altri strumenti tecnici di cui all'art. 275-bis del codice di procedura penale. Il verbale contenente la relativa dichiarazione del detenuto viene trasmesso senza ritardo al!'autorità giudiziaria competente»;
b) all'art. 69, il con1ma 2 è sostituito dal seguente:
«2. All'atto del!'ingresso a ciascun detenuto o internato è consegnata la carta dei diritti e dei doveri dei detenuti e degli internati, contenente l 'indicazione dei diritti e dei doveri dei detenuti e degli internati, delle strutture e dei servizi ad essi riservati. Il contenuto della carta è stabilito con decreto del Ministro della giustizia da emanarsi entro centottanta giorni decorrenti dal!'entrata in vigore della presente disposizione. Il decreto regola, altresì, le modalità con le quali la carta dei diritti deve essere portata a conoscenza dei familiari del detenuto e dell'internato. La carta dei diritti è fornita nelle lingue più diffuse tra i detenuti e internati stranieri.».

(* Il provvedimento potrebbe subire delle modifiche nella fase di coordinamento che precede la pubblicazione in G.U.)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria
Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer
Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia
Carcere di Teramo: rientra la protesta, trasferiti 120 detenuti
Governo invia i militari per controllare le carceri: penitenziari brasiliani al collasso
Comunità ebraica di Milano: contro il radicalismo islamico nelle carceri, istituire corsi multi religiosi
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Giorni fa il Santo Padre Papa Francesco ci ha comunicato una bella parabola," CHì PARLA MALE DEL PRPRIO FRATELLO DEVE MORDERSI LA LINGUA. Di VATRA E MADHE (inviato il 28/9/2013

Di  Vatra e madhe  (inviato il 28/09/2013 @ 17:29:58)


n. 5


SI CONTINUA AGETTARE FUMO NEGLI OCCHI . MA PERCHè NON SI PENZA INVECE AD AUMETARE LA DIARIA DELLE SPESE DI MANTENIMENTO CHE I DETENUTI PAGANO FISSATA ANCORA OGGI A 1,69 EURO AL GIORNO!!!!!!!!! MENTRE A NOI ITALIANI PER BENE CI TARTASSANO CONTINUAMENTE.

Di  ITALIA  (inviato il 29/12/2011 @ 16:50:36)


n. 4


più che diritti direi che lo Stato applichi i doveri, inutile applicare regole se in primis è lo Stato a non applicarle. Oggi guardiamo la realtà che ci dice di un sistema penitenziario al collasso dove i detenuti sono ammassati come bestie e gli Agenti di Polizia Penitenziaria spremute come limoni per assenza di personale...............cari politici provate a fare per un giorno il detenuto o l'Agente penitenziario e poi vediamo come la pensate..............

Di  Ciccio, Sovr.te incazzatissimo  (inviato il 28/12/2011 @ 20:48:54)


n. 3


...scusate ma nella carta sarà spiegato all'"utente" nuovo giunto che se vuole dormire dovrà arrampicarsi come una scimmia fino alla quarta branda??E che se non ha denari non potrà nè bere,nè lavarsi,nè fumare??Meno male che qlc in alto ci ha pensato!!Da domani quando un marocchino si vuole tagliare xchè nn ha sigarette..io gli faccio leggere sta carta così lui capisce e se ne torna di nuovo a letto(se intanto qlc nn ha preso il suo posto)

Di  operatore  (inviato il 27/12/2011 @ 20:22:05)


n. 2


Grande bellissimo commento Toro seduto e' proprio vero che schifo prestare servizio in quel degrado!!!

Di  Vanna  (inviato il 22/12/2011 @ 23:25:45)


n. 1


Inutile fornire la carta dei diritti ai detenuti, se questi non potranno avere la possibilità di un normale trattamento penitenziario, poichè le stesse strutture sono piene di detenuti e gli operatori a dir poco insufficienti. Noi Poliziotti Penitenziari italiani, sognamo un carcere all'americana, soprattutto pulito e moderno nella struttura, nonchè autonomo nella gestione come la Germania.
Inutile costruire padiglioni quando i servizi essenziali non possono essere garantiti nel restante istituto.
Vogliamo anche noi carceri più dignitose, vogliamo anche noi avere la possibilità, magari 10 giorni al mese, di uscire dalle sezioni detentive per svolgere diverse mansioni dal "CARCERIERE"......!!!!!
Buon Natale a tutti, io il giorno di Natale, come tanti altri colleghi, vado a sentire il "puzzo" delle sezioni intasate sempre di più dal fumo delle sigarette dei detenuti e dalle loro grida:" vogliamo la visita medica!!!!".

Di  Toro seduto  (inviato il 22/12/2011 @ 09:12:25)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.149.151


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

5 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

6 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

7 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

8 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

9 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

10 Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione