Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Caso Cucchi: perchè il Ministro Cancellieri ha espresso solidarietà a Ilaria Cucchi ?


Polizia Penitenziaria - Caso Cucchi: perchè il  Ministro Cancellieri ha espresso solidarietà a Ilaria Cucchi ?

Notizia del 24/06/2013

in Houston abbiamo un problema

(Letto 36188 volte)

Scritto da: Araba Fenice

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Organi di stampa hanno pubblicato la notizia che il Ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, a seguito della sentenza della Corte d’Assise di Roma, ha manifestato solidarietà alla sorella di Stefano Cucchi.

Tale dichiarazione di vicinanza non può non destare sorpresa ma anche disappunto per due ordini di motivi:
- il primo perché sembrerebbe prendere le distanze dal pronunciamento dell’organo giudicante a composizione mista (giudici togati e giudici popolari, la cui previsione trova diretta legittimazione nel principio che vuole la giustizia amministrata in nome del popolo italiano), proprio nel momento in cui afferma di non voler entrare nell’operato dei giudici;

- il secondo perché trasparirebbe, sia pure in modo velato, il convincimento di una colpevolezza di tutti gli imputati e segnatamente del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria coinvolto.

La verità è che in questi casi affiorano quegli stereotipi sociali, culturali, categoriali, quei pregiudizi, quelle credenze personali e quei condizionamenti pubblici che, latenti, sono sempre pronti ad emergere prepotentemente e di cui nessuno appare essere esente, neanche le cariche istituzionali, tanto che se una sentenza condanna un poliziotto la sentenza va rispettata ma se un poliziotto viene assolto allora si grida allo scandalo, giacché infrange l’archetipo radicato del poliziotto corrotto, violento, ignorante, rozzo, che si nutre di forza propria, ancor più marcato per il personale di Polizia Penitenziaria, aldilà di qualsiasi supporto probatorio.

Invece, la sentenza in questione riteniamo che vada apprezzata proprio perché, anche nella sua componente laica, non si è abbandonata a facili e suggestive tentazioni, ma rimanendo saldamente ancorata alle risultanze processuali ha svolto il proprio compito con la dovuta prudenza e scienza: rifuggendo da ascendenze di processi mediatici, tanto in auge in questa epoca, che consegnano all’opinione pubblica innocenti e colpevoli con una superficialità e facilità estremamente preoccupanti e talvolta imbarazzanti.

Dunque, al termine di un processo meticoloso si è giunti ad una assoluzione che restituisce l’onore agli uomini della Polizia Penitenziaria, sulla base di indagini minuziose e scrupolose, che di certo non hanno fatto sconti al Corpo di Polizia Penitenziaria.

Sul punto, appaiono quanto mai condivisibili le parole del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria pronunciate in occasione della Festa del Corpo tenutasi il 7 giugno 2013 alla Scuola di Formazione ed Aggiornamento “G. Falcone” di Roma che, pertanto, si riportano: “le sentenze non sono infallibili, beninteso. Men che meno le sentenze non ancora definitive. Ma vanno rispettate e nessuno, in un ordinamento che voglia definirsi civile, può sovrapporsi al giudice nella decisione del caso concreto e nessuno può dire, se non ha partecipato al tormento della camera di consiglio, se non ha letto tutte le carte, se non conosce le regole del giusto processo, se nemmeno sa la motivazione della decisione, nessuno ha diritto di affermare che il giudice ha sbagliato. Ripugnano ad ogni ordine civile i processi di piazza, i processi televisivi, i processi sommari: essi colpiscono sempre gli innocenti”.

Nell’auspicio che i familiari di Cucchi devolvano, in tutto o in parte, le provvisionali riconosciute per scopi umanitari, magari a qualche associazione onlus per il recupero dei tossicodipendenti, si rassegnano i sensi di viva considerazione.

 

 


Scritto da: Araba Fenice
(Leggi tutti gli articoli di Araba Fenice)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


Scusate se mi intrometto.
Ma vi stupite dei commenti del ministro Cancellieri, quando a Montecitorio hanno intitolato una sala a Carlo Giuliani.
Carlo Giuliani, il ragazzo che durante il G8 fu ucciso da un carabiniere, aggredito all'interno di una Jeep da circa 5 o 6 no global.
Giuliani era il ragazzo con l'estintore in mano, ripreso nell'atto di lanciarlo verso la camionetta.
Giuliani è quello che compare in numerosi video su youtube ripreso in attività durante il G8.
Ecco ciò che lo stato pensa di voi.
Ecco di chi si è curato lo stato.
Mentre un vostro collega ha dovuto ricorrere al TAR per farsi riconoscere i suoi diritti di vittima del terrorismo/dovere, perché la CMO di La Spezia tra le altre cose gli aveva assegnato o% di danno morale......(ho letto la sentenza qui nel vostro blog)
Quanti Agenti di polizia Penitenziaria ci vogliono per fare un Cucchi?

Di  foxtrot22  (inviato il 27/06/2013 @ 19:45:52)


n. 3


PERCHE? Perche della Polizia Penitenzaria non gli è ne frega un ca....o.

Di  antonio  (inviato il 24/06/2013 @ 21:38:25)


n. 2


Solidarizzare con lei non significa stare dalla sua parte. Proprio per questo motivo però avrebbe dovuto solidarizzare anche con i colleghi, coinvolti più che in una inchiesta giudiziaria , a cui sono risultati estranei, in una campagna denigratoria.
P.S. è proprio necessario ogni volta pubblicare la foto di questa signora?

Di  cairo74°  (inviato il 24/06/2013 @ 18:12:00)


n. 1


Se l'ultima parte dell'articolo venisse messa in atto dalla famiglia Cucchi crederei che vogliano veramente giustizia e NON UN colpevole (DEI colpevoli nel caso specifico)

Di  Alessandro  (inviato il 24/06/2013 @ 14:18:27)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.94.5


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione