Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Caso Cucchi, sia fatta piena luce


Polizia Penitenziaria - Caso Cucchi, sia fatta piena luce

Notizia del 24/11/2009

in L'Editoriale

(Letto 1369 volte)

Scritto da: Donato Capece

 Stampa questo articolo


Come già ribadito in più occasioni noi del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria auspichiamo che si faccia piena luce sui fatti e che si faccia in fretta.

Siamo sicuri che la Polizia Penitenziaria ha fatto in pieno il suo dovere ed è fuori da ogni addebito. Abbiamo piena fiducia nella magistratura. Il personale di Polizia Penitenziaria che è stato coinvolto in questa vicenda sarà al più presto fuori da ogni addebito. Ne siamo certi abbiamo avuto modo di parlare con i colleghi raggiunti dagli avvisi di garanzia a loro carico per la morte di Stefano Cucchi e siamo convinti della bontà delle loro dichiarazioni. E’ giusto dare piena fiducia alla magistratura, però, sia fatta piena luce al più presto non bisogna attendere le calende greche per dire la verità su questo caso.

In questi giorni la Polizia Penitenziaria e la sua istituzione è stata oggetto di innumerevoli attacchi e discredito che non fanno certo bene al personale che già è sotto stress per il sovraffollamento delle carceri e il numero insufficiente d’organico. Il Corpo in questi giorni è stato più che infangato, pertanto auspichiamo che al più presto sia fatta piena luce. Conosciamo i colleghi sono integerrimi, a loro va la nostra solidarietà. L’ipotesi di omicidio preterintenzionale è molto pesante, ma ripetiamo, personalmente conosciamo i tre accusati e siamo convinti che abbiano fatto a pieno il loro dovere.

Siamo convinti che abbiano rispettato le leggi e i regolamenti. Gli avvisi contro di loro, sinceramente, ci hanno colti di sorpresa. In questi giorni i colleghi coinvolti sono molto demoralizzati, sia per il loro problema personale, sia perchè vedono come sempre l’amministrazione penitenziaria molto lontana. Si sentono abbandonati.

Il Capo del Dap in una nota ha comunicato che ha aperto un’inchiesta amministrativa e che si terrà conto ai fini dei provvedimenti del Dipartimento da quanto emergerà dalle indagini preliminari e dagli accertamenti interni.

Il Presidente Ionta ha anche ribadito così come è stato fatto per la vicenda di Teramo che si opererà nel rispetto della legge e per la tutela del personale della Polizia Penitenziaria che nella sua stragrande maggioranza quotidianamente si impegna per la gestione del sistema penitenziario afflitto in questo periodo da gravi carenze strutturali e da incessanti emergenze dovute soprattutto, ma non solo, all’afflusso sempre crescente di detenuti. Dichiarazioni queste forse non sufficienti ai colleghi coinvolti, che forse, chiedevano maggiore credibilità alle loro dichiarazioni.

Certo la stampa, dobbiamo dire, come di consueto, non ha aiutato l’immagine del Corpo della Polizia Penitenziaria. L’opinione pubblica si è scagliata di nuovo contro il personale del Corpo, presentato ancora una volta come aguzzino e torturatore. Il contenuto di certe dichiarazioni e di certi articoli di stampa non rispecchia affatto il vero operato del corpo. Perchè la Polizia Penitenziaria è una istituzione sana, composta da uomini e donne che con alto senso del dovere, spirito di sacrificio e grande professionalità sono quotidianamente impegnati nella prima linea della difficile realtà penitenziaria, nelle sezioni detentive e nei servizi di traduzione e piantonamento dei detenuti.

I poliziotti e le poliziotte penitenziarie solo nel 2008 sono intervenuti tempestivamente in carcere salvando la vita ai 683 detenuti che hanno tentato di suicidarsi e impedendo che i 4.928 atti di autolesionismo posti in essere da altrettanti ristretti potessero degenerare e avere ulteriori gravi conseguenze.

Sono persone che nelle carceri italiane subiscono con drammatica sistematicità, nell’indifferenza dell’opinione pubblica, della classe politica e istituzionale, continue aggressioni da una parte di popolazione detenuta aggressiva e violenta.

Questo avviene nelle carceri. Noi, questa rappresentazione falsa del carcere e di chi in esso lavora, non la accettiamo perchè non rispecchia affatto la verità.

E’ il momento che la Magistratura accerti, come sempre con serenità, equilibrio e pieno rispetto dei valori costituzionali, gli elementi di cui è in possesso. E noi, del SAPPe auspichiamo che si faccia al più presto luce su questa tragedia a tutela dell’onorabilità e della professionalità dei colleghi che operano in tutti gli istituti italiani.

Comunicato stampa di Franco Ionta del 18 novembre 2009

In data 17 novembre 2009 al DAP si è svolta una riunione presieduta dal Capo del Dipartimento Franco Ionta, alla quale erano presenti i Vice Capi del Dipartimento, i Direttori degli Uffici centrali competenti sulla materia ed il Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria per il Lazio, per discutere sul caso di morte del detenuto Stefano Cucchi presso l’ospedale romano Sandro Pertini. Nel corso della riunione il Capo del Dipartimento ha proceduto all’assegnazione ai presenti di incarichi specifici sulla base delle sfere di competenza di ciascuno, in particolare, ha affidato al Cons. Ardita, in collaborazione con il Cons. Cascini ed il dott. Zaccagnino, il compito di condurre in tempi brevi un’indagine amministrativa, a supporto di quella giudiziaria, che sia in grado di restituire la giusta immagine all’Amministrazione Penitenziaria; al dott. di Somma la verifica degli atti necessari al recupero del personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso le camere di sicurezza del Palazzo di Giustizia restituendone, così, la competenza alle altre Forze dell’Ordine, nonché la verifica in tutte le sedi del territorio nazionale dove vige tale prassi; al dott. Falzone la verifica del protocollo di gestione dei ricoverati all’ospedale romano Sandro Pertini, con particolare riguardo alle modalità di comunicazione del ricovero del paziente-detenuto ai familiari; al Cons. Consolo la verifica delle problematiche legate alla gestione sanitaria del detenuto; infine, al dott. De Pascalis e al dott. di Somma la verifica della gestione degli arrestati da parte della Polizia Penitenziaria.

 


Scritto da: Donato Capece
(Leggi tutti gli articoli di Donato Capece)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.238.168


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione