Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Caso Federico Perna: il Sig. Tamburino "la ricerca spasmodica della verità" la dovrebbe fare al Dap !


Polizia Penitenziaria - Caso Federico Perna: il Sig. Tamburino

Notizia del 04/12/2013

in Accadde al penitenziario

(Letto 2703 volte)

Scritto da: Uomo Qualunque

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il Capo del DAP Giovanni Tamburino ha incontrato, presso la sede del Dipartimento, la madre del detenuto Federico Perna, il detenuto deceduto nei giorni scorsi nel carcere napoletano di Poggioreale per cause ancora da accertare.

La madre, la signora Nobila Scafuro, così come ha riferito uno dei legali della famiglia Perna, Fabrizio Cannizzo, ha espressamente rivolto le accuse all’amministrazione "Dove stavate quando Federico stava male e chiedeva aiuto?" e nei giorni scorsi le accuse le ha rivolte in particolar modo nei confronti della Polizia Penitenziaria per presunti maltratamenti in carcere ricevuti dal figlio da parte dei poliziotti penitenziari.

Nell’incontro Tamburino ha assicurato "l'impegno in merito ad una indagine interna che sarà condotta con la massima severità e celerità".

"Giovanni Tamburino ha anche espresso alla famiglia Perna la massima vicinanza - riferisce il legale Cannizzo - e ha anche manifestato il massimo impegno dell'amministrazione nell'indagine e ha sottolineato che all'interno dell'amministrazione c'è una ricerca spasmodica della verità".

Secondo il referto del medico della Asl che visitò il detenuto, le condizioni di quest'ultimo erano incompatibili con il regime carcerario: Perna andava pertanto, secondo il medico, ricoverato in una struttura ospedaliera. Al momento l'ipotesi di reato formulata dagli inquirenti nel fascicolo, in cui ancora non risultano persone indagate, è di omicidio colposo.

... io sono un uomo qualunque, non un insigne giurista né tantomeno un Capo del Dipartimento, però secondo me, il signor Tamburino, la “ricerca spasmodica della verità”, se la dovrebbe iniziare a fare nel suo ufficio, tra le sue carte, tra i suoi stretti collaboratori e, seguendo una linea immaginaria di comando (che nell’amministrazione penitenziaria non viene mai applicata), dovrebbe partire prima di tutto dal Magistrato di Sorveglianza competente per Poggioreale (magistratura dalla quale lo stesso Tamburino proviene e dove ha militato autorevolmente per tanto tempo), fino ad arrivare al Direttore del carcere napoletano, un carcere peraltro che ha già raggiunto gli "onori" della ribalta con le inchieste del quotidiano “Il Mattino” e le denunce del SAPPE.

E’ ora di smetterla di scaricare tutto sulla Polizia Penitenziaria rilasciando dichiarazioni di “massimo impegno” per la “ricerca spasmodica della verità", quando poi i principali responsabili di quanto avviene nelle carceri non vengono nemmeno sfiorati dalle “indagini” e non vengono mai chiamati, in virtù delle loro competenze, a rispondere dei fatti che accadono nelle carceri.

Chi è il vero responsabile del fatto che un detenuto in quelle condizioni di salute, certificate dal medico, fosse ancora rinchiuso a Poggioreale? Del poliziotto penitenziario? Della matricola del carcere? Dell’agente di sentinella? Mi pare (a me che sono un uomo qualunque) che in casi del genere bisognerebbe iniziare a farsi qualche domanda e mettere in fila certi avvenimenti.

Quest’estate ci si è scandalizzati tutti della fila (da bestie) fuori da Poggioreale, che i familiari dei detenuti dovevano subire per poter effettuare il colloquio con i detenuti. Scese addirittura in campo il Ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, che per l’occasione non si limitò a telefonare, ma impartì precise disposizioni affinché la fila fosse divisa per iniziali dei cognomi e dispose l’apertura di altri spazi per smaltirla più velocemente. Già allora scrivemmo da queste pagine che i casi erano due: o il Ministro Cancellieri è una donna di superiori qualità morali ed intellettuali, tali che le hanno consentito di trovare subito delle soluzioni rivoluzionarie, oppure (secondo caso), la catena di comando e di responsabiità dell’amministrazione penitenziaria fa acqua da tutte le parti e siccome le responsabilità non sono di figure mitologiche, ma di persone con nomi e cognomi e incarichi precisi, è ora di farli questi nomi e di richiamarli alle loro responsabilità per quanto avviene nelle carceri: ieri la fila disumana, oggi l’ennesimo decesso (forse evitabile) di un detenuto con problemi di salute in carcere.

Dia retta a me signor Tamburino, si affidi alla saggezza di un uomo qualunque: iniziate a guardarvi allo specchio, lei, i suoi amici Magistrati di Sorveglianza e i suoi sottoposti Direttori penitenziari.

Da oggi siamo noi poliziotti penitenziari che chiediamo la “ricerca spasmodica della verità”, partendo dai livelli più alti però ...

 

Carcere di Poggioreale: “incredibile” crollo della situazione in meno di un mese

 

CARCERI CAMPANE AL COLLASSO, GUIDA DAP FALLIMENTARE. AGENTI DEL SAPPE IN CATENE A POGGIOREALE

 

Video del Mattino su Poggioreale: adesso Tamburino la spieghi al Ministro la "sorveglianza dinamica"

 

Carcere di Napoli Poggioreale: "scandalo", anche la situazione sanitaria vacilla

 

 


Scritto da: Uomo Qualunque
(Leggi tutti gli articoli di Uomo Qualunque)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Malgrado tutto è profondamente mi dispiace per la morte di un uomo, però non capisco perché i media hanno pubblicata e fatto vedere la foto di un cadavere dopo essere stato sottoposta a normale autopsia, forse per accentuare in memore il mito di picchiatori, aguzzini, boia e quant’altro che i media etichettano vigliaccamente sull’onorabilità e a spesa del Corpo di Polizia Penitenziaria, e dare in pasto faziosamente e falsate le notizie all’opinione pubblica. Tengo a precisare che sono un Ispettore di Polizia Penitenziaria che presta servizio presso la Casa Circondariale di Napoli Poggioreale e mi sento onorato di prestare la mia opera lavorativa in quella Casa Circondariale di Napoli che oggi vilmente la gogna mediatica voglia impadronirsi senza alcun limite di pudore ancor prima di aspettare l’esito dell’autopsia, nel condannare e trovare il capo espiatori nella Polizia Penitenziaria per la morte del detenuto Perna e non guardare altrove nell’intero sistema della Giustizia Italiana sé vi fosse responsabilità. Premesso questo, dico che noi Ispettori mettiamo a disposizione le nostre forze e capacità al servizio dei detenuti ivi ristretti, la nostra opera di servizio è sempre stata e sarà improntata nel pieno rispetto di quelle che sono le norme imposte dall’Ordinamento Penitenziario nonché dal Regolamento di Servizio e soprattutto nel principio del nostro dovere etico morale e professionale, profuso e sanciti dall’articolo 27 della Costituzione Italiana “dove le pene devono tendere alla rieducazione e riabilitazione dei condannati” e soprattutto il nostro lavoro quotidiano è basato sui cardini fondamentali della fedeltà che abbiamo giurato allo Repubblica Italiana. Pertanto, mi sento in dovere di ribellarmi a tutto questo tam-tam dove tutti e dico tutti, stampa, the show e telegiornali, gratuitamente raccontano leggende mediterranee, senza curarsene di chi con sacrificio e abnegazione si presta a far rispettare in quelle trincee la legalità che lo Stato impone ad ogni comune cittadino e soprattutto da quei cittadini detti perbene che metaforicamente parlando li vuole tenere chiusi nell’immondezzaio della città. Ancor più rattristare è, sentire affermare, il Ministro della Giustizia, che anziché difenderci, proporre al primo consiglio dei Ministri la Figura del Garante in tema di Giustizia per creare un Ufficio legale negli Istituti Penitenziari per dare voce a chi non c’è l’ha, proprio sembra ridicolo, Ministro oggi più che mai negli Istituti Penitenziari occorre assumere personale di Polizia Penitenziaria e non assumerli dagli ex militari che a mio giudizio sono formati mentalmente per la difesa della patria e quindi per riflesso improntati nel considerare il detenuto un nemico e non da rieducare? Poi Ministro, se realmente vuole lasciare un suo tangibile segno si impegni nel fare attuale dal Parlamento un Ruolo Speciale, cosi da transitare l’attuale sistema Sanitario ASL Penitenziario nel Corpo di Polizia Penitenziaria, cosi quelle figure professionali tra psicologi, psichiatri e medici, indossino l’uniforme della Polizia Penitenziaria. Inoltre assumere un congruo contingente di educatori e inserirli in questo ipotetico Ruolo Speciale e di avere anche il coraggio di fare transitare tutto l’attuale Comparto Ministero nel Ruolo Speciale per il Corpo di Polizia Penitenziaria. Questo bisogna fare Signor Ministro, perché oggi i detenuti per i loro diritti già sono garantiti dalla vigente normativa dell’Ordinamento Penitenziario.
Cordiali Saluti Crispino da Napoli

Di  Rosario  (inviato il 13/12/2013 @ 18:36:44)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.43.70


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 La protesta di Rebibbia: il Dap preannuncia trattativa sugli organici intra ed extra moenia

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 I NAS dei Carabinieri chiudono la mensa del carcere di Terni

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione