Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
C’è voluta una Legge per mandare in pensione Di Somma


Polizia Penitenziaria - C’è voluta una Legge per mandare in pensione Di Somma

Notizia del 26/09/2013

in Houston abbiamo un problema

(Letto 5251 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Alla fine c’è voluta una legge – il D.L. n. 101 del 2013 – per mandare in pensione Emilio Di Somma.

Nel decreto legge emanato dal Governo il 31 agosto scorso ed in vigore dal primo settembre, infatti, è ricompresa un’interpretazione autentica all’articolo 24, comma 3, del Dl 201/2011 laddove l’articolo 2 precisa che il conseguimento da parte di un lavoratore dipendente delle pubbliche amministrazioni di un qualsiasi diritto a pensione entro il 31 dicembre 2011 comporta obbligatoriamente l’applicazione del regime di accesso e delle decorrenze previgente la Riforma Monti-Fornero.

In altri termini, il possesso del diritto entro il 2011 – ancorché non esercitato dall’interessato - comporterà l’obbligo in capo all’Amministrazione di procedere alla risoluzione del rapporto di lavoro - di norma - al Compimento del 65esimo anno di età o al raggiungimento dell’anzianità massima contributiva di 40 anni.

La questione interpretativa è scaturita dalla sentenza n. 2446/2013 del Tar Lazio, conseguente al ricorso dello stesso Di Somma contro il pensionamento disposto dal Dap. Sentenza che aveva annullato la circolare n. 2 del Dipartimento della Funzione Pubblica nella parte in cui prevedeva il collocamento a riposo d’ufficio al compimento del 65esimo anno di età nei confronti di quei dipendenti che entro il 2011 erano già in possesso della massima anzianità contributiva, o comunque dei requisiti prescritti per l’accesso ad un trattamento pensionistico diverso dalla pensione di vecchiaia.

La sentenza del Tar Lazio a favore di Di Somma, considerando che l’articolo 24 del Dl 201/2011 si prestava a due interpretazioni, optò per quella a favore del dipendente che voleva essere mantenuto in servizio oltre i limiti ordinamentali  vigenti, ancorché avesse già maturato entro il 31dicembre 2011 un diritto a pensione di anzianità con oltre 40 anni di contributi e fino al raggiungimento dei nuovi requisiti pensionistici introdotti dalla riforma Monti-Fornero.

Il Tar si è così pronunciato nonostante  la circolare 2/2012 del Dipartimento della Funzione Pubblica avesse sostenuto l’impossibilità in capo al dipendente, con diritti pensionistici già maturati entro il 2011, di optare per i più elevati requisiti pensionistici.

Ovviamente, sia il Dap che la Funzione Pubblica, per il tramite dell’Avvocatura dello Stato, avevano impugnato avanti il Consiglio di Stato la sentenza 2446.

Peraltro, lo stesso articolo 2, comma 5, del D.L. 101/2013 fornisce anche una interpretazione in merito alla prosecuzione dell’attività lavorativa nelle pubbliche amministrazioni oltre i rispettivi limiti ordinamentali.

In questo verso si specifica che  l’articolo 24, comma 4, del Dl 201/2011 deve essere interpretato nel senso che per i  pubblici dipendenti  il limite ordinamentale, previsto dai singoli settori di appartenenza per il collocamento a riposo d’ufficio e vigente alla data di entrata in vigore del Dl 201, non è modificato dall’elevazione dei requisiti anagrafici previsti per la pensione di vecchiaia e costituisce il limite non superabile, se non per il trattenimento in servizio o per consentire all’interessato di conseguire la prima decorrenza utile della pensione ove essa non sia immediata, al raggiungimento del quale il datore di lavoro pubblico deve far cessare il rapporto di lavoro o di impiego se il lavoratore ha conseguito, a qualsiasi titolo, i requisiti per il diritto a pensione.

In conclusione, come detto, il D.L. 101/2013 è entrato in vigore il primo settembre scorso e dovrà essere convertito in legge entro il prossimo trenta ottobre.

Ora è rimasto un solo dubbio: il dott. Emilio Di Somma  dovrà essere collocato a riposo dal primo settembre 2013 per legge oppure la norma dovrà essere fatta valere in sede giurisdizionale al Consiglio di Stato (essendo ancora pendente il procedimento) ?

 

Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La pretesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni
Rapporto segreto del DAP: gli imam nelle carceri? Assasini, rapinatori, stupratori
Due minorenni tentano l''evasione da Nisida approfittando della lezione di teatro
Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma
Un detenuto su cinque è musulmano, la denuncia del sindacato: lingua araba e celle aperte mix pericoloso


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 12


Ciao Mirella ok masset.t

Di  Ramon  (inviato il 28/09/2013 @ 21:48:11)


n. 11


RAMON VOLEVI FARE IL CAPO DELLO STATO, PCHE' NON TI STA BENE QUESTA POLTRONA SI STA BENE E DAI ASSET,T.

Di  MIRELLA  (inviato il 28/09/2013 @ 10:15:09)


n. 10


Ma lasciatelo in pace, d'altronde era uno che la gavetta l'aveva iniziata in Carcere, conosceva il bene e il male della pol,pen. ma adesso in che mani stiamo, vi rendete conto che bruta fine abbiamo fato?????????????? ciao

Di  LUI  (inviato il 27/09/2013 @ 23:10:05)


n. 9


state tranquilli chi lo sostituirà sarà peggio di lui.

Di  Anonimo  (inviato il 27/09/2013 @ 22:31:07)


n. 8


ANCORA TU, MA NON DOVEVAMO VEDERCI PIU'................ORMAI E' ANDATO IN PACE!!!!!!!!!!!!!!!!

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 27/09/2013 @ 15:58:28)


n. 7


AVANTI A CHI TOCCA SI LIBERA UNA POLTRONISSIMA NON SI PAGA.

Di  MIRELLA  (inviato il 27/09/2013 @ 10:25:14)


n. 6


A parte la giusta considerazione del collega cairo 74°, ma non ha altro che il lavoro? Non ha famiglia, hobby, passioni, interessi, che lo prendano per la sua giornata? Alzarsi alle dieci, fare colazione, portare a spasso il cane...Guardare il cielo azzurro, il sole...andare per boschi immerso nel verde...Che brutta cosa la malattia del potere e dei soldi...un povero ricco...
Come dice Francesco I...il sudario non ha tasche...

Di  Alessandro  (inviato il 26/09/2013 @ 23:19:50)


n. 5


--per alcuni poltrosauri essere collacati a riposo costituisce una limitazione d'immagine o una lkimitazioni di situazioni convenevoli......... o d'immunità vista l'ultima inchiesta del TEMPO su determinati privilegi di casta.
alla fine è la stessa amministrazione che deve difendersi da coloro che per anni hanno difeso l'amministrazione !
pazienza dicett vicienz, tanta pacienz ce vole cu amministrazione ra pol pen . mica ciamm scandalizza pe di somma emilio ? ci stanno altri priilegiati che non vengono toccati figli della politica intrecciata .

Di  gnam gnam  (inviato il 26/09/2013 @ 22:28:38)


n. 4


ho ma se vuole rimanere fino a 75 anni lasciatelo stare a gratis naturalmente

Di  MIRELLA  (inviato il 26/09/2013 @ 17:04:16)


n. 3


Un altro dinosauro si è estinto!!!!

Di  baldo degli ubaldi  (inviato il 26/09/2013 @ 16:25:53)


n. 2


Se avesse lavorato in sezione per 31 anni come lo scrivente, non avrebbe sentito la neccessità di riccorrere al Tar.
E' dura lasciare il nido ben protetto e non esposto alle intemperie , si consoli pensando a quanti di noi lascerebbero volentieri e non lo possono fare.

Di  cairo74°  (inviato il 26/09/2013 @ 14:09:52)


n. 1


L'interpretazione autentica di qualsiasi norma, è di fatto una legge.
Non può essere retroattiva, e non può inificiare una sentenza che ha chiarito una posizione giuridica dubbia antecedente alla interpretazione autentica.
Dovrebbe, vigere peraltro il principio (causa adquirendi) della particolare situazione giuridica soggettiva che è, il fatto o l'atto giuridico dal quale deriva l'acquisto della stessa da parte del soggetto giuridico che ne è titolare.
Per estensione, è detto titolo anche il documento che comprova tale fatto o atto e, quindi, l'appartenenza della situazione giuridica soggettiva al titolare.
Si può parlare di titolo in riferimento a qualsiasi situazione giuridica soggettiva, ma il termine tende ad essere usato prevalentemente con riferimento al diritto soggettivo.
Quindi, la norma non dovrebbe essere applicabile nei confronti dell'ex Vicario titolare appunto di un diritto soggettivo concesso da una sentenza

Di  Pasquino  (inviato il 26/09/2013 @ 11:41:01)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.13.200


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta

10 Detenuti decapitati e lanciati fuori dalle finestre: è di 60 morti il bilancio della rivolta nel carcere brasiliano


  Cerca per Regione