Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Cenni sull’organizzazione e sulla gestione degli Istituti Penali per Minorenni


Polizia Penitenziaria - Cenni sull’organizzazione e sulla gestione degli Istituti Penali per Minorenni

Notizia del 19/10/2016

in Giustizia Minorile

(Letto 1103 volte)

Scritto da: Ciro Borrelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


L'introduzione del D.P.R. 230/2000, ben 16 anni fa, segnò un elemento di novità rilevante nell’ambito del Diritto Penitenziario. Tuttavia tale decreto non poteva supplire alla mancanza (come non può tutt’oggi) di un Ordinamento Penitenziario per i minorenni. 

Pertanto, la Giustizia Minorile, in questi anni, ha ritenuto opportuno focalizzare ed approfondire alcuni elementi del modello di intervento alla luce della normativa emanata da Organismi Europei – Regole minime per l’amministrazione della giustizia minorile - (ONU, Regole di Pechino) sulla Convenzione di New York sui diritti del fanciullo e della recente giurisprudenza italiana in materia.

A quanto pare, negli anni, si è reso necessario rivedere l’organizzazione degli Istituti Penali per Minorenni perché i mutamenti sociali hanno costretto ad adeguare il modello operativo al fine di contrastare una devianza minorile con rilevanti problemi anche di disagio psichico. 

In sostanza, nelle ultime circolari si è ritenuto sempre di riconfermare la suddivisione in gruppi d’utenza, del valore del lavoro in gruppo come strumento pedagogico indispensabile per un’azione psico-educativa efficace. Il principio fondamentale che deve permeare l’organizzazione e il funzionamento a tutti i livelli dell’Istituto Penale per i Minorenni è quello di garantire, ai detenuti e al personale, un ambiente fisico e relazionale improntato al rispetto della dignità della persona e dei suoi bisogni. 

Le circolari dicono che si riconosce al contesto il potere di orientare la qualità della vita relazionale e di rappresentare una cornice indispensabile per avviare processi di cambiamento nei detenuti. L’I.P.M. quindi luogo deputato ad eseguire le misure penali maggiormente afflittive, deve garantire, per la specificità delle caratteristiche dell’utenza minorile, un contesto informato al principio della legalità, quale presupposto indispensabile per promuovere la riflessione ed il cambiamento rispetto ad un percorso di vita deviante. 

La qualità delle relazioni, l’autorevolezza del personale di Polizia Penitenziaria e l’esempio del civile svolgersi della vita quotidiana rappresentano i presupposti sui quali si fonda un’efficace azione educativa. In tale prospettiva, azione educativa e azione sanzionatoria rappresentano aspetti complementari e non contrapposti. La regola costituisce un elemento per la salvaguardia dell’individuo e della collettività a cui appartiene ed è una condizione indispensabile per la promozione e la realizzazione di un contesto in grado di garantire un clima di civile convivenza. 

Organizzazione in gruppi - Gli Istituti Penali per Minorenni, per loro specificità istituzionale, hanno una capienza limitata. Questa caratteristica strutturale è funzionale all’individualizzazione del trattamento. L’ulteriore suddivisione dei detenuti in piccoli gruppi va incontro, da un lato, all’esigenza di garantire un clima relazionale attento ai diritti dei minori e, dall’altro, alla necessità di realizzare un trattamento/intervento educativo che risponda più direttamente a tutti i bisogni dei detenuti minorenni, in particolare a quelli di socializzazione tipici delle personalità in evoluzione. 

La suddivisione in gruppi consente agli operatori di approfondire meglio l’osservazione e la conoscenza del minore. I detenuti minorenni, pertanto, dovranno essere suddivisi in piccoli gruppi, non superiori alle 10/12 unità, compatibilmente con le caratteristiche strutturali degli Istituti e con l’effettiva disponibilità di personale. Secondo le circolari della Giustizia Minorile, fatte salve le disposizioni di Legge di cui agli articoli 14 della Legge 354/75 e 31 del D.P.R. 230/2000, ordinariamente la suddivisione dei ragazzi nei gruppi dovrà ispirarsi ai seguenti principi:
• Separazione dei minorenni dai maggiorenni; 

• Integrazione tra detenuti italiani e stranieri; 

• Contrasto alla strutturazione spontanea di gruppi fondata su dinamiche di preminenza e di sopraffazione; 

• Ammissione al lavoro all’esterno 

• Ammissione alla semilibertà o fruizione della semidetenzione. 

La suddivisione in gruppi deve essere garantita soprattutto in alcuni momenti specifici della giornata: pernottamento, consumazione dei pasti, attività ludico-ricreative. 

 


Scritto da: Ciro Borrelli
(Leggi tutti gli articoli di Ciro Borrelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria
Biella, agente di Polizia Penitenziaria Aggredito da un Detenuto
Evasione da Sollicciano: due dei tre evasi erano stati arrestati qualche giorno prima
Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento
Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Concordo pienamente Seby.
Il tuo discorso non fa una grinza.
Ma si potrebbe dire tanto altro ancora.
Ma questo vale per i minori come negli istituti per adulti.

Di  Totò da Palemmo  (inviato il 19/10/2016 @ 14:51:48)


n. 1


Belle parole ma la realtà molte volte è totalmente difforme da ciò che la norma ha previsto, rendendola quasi del tutto inutilizzabile.

• Integrazione tra detenuti italiani e stranieri: (Normalmente non vanno d'accordo gli italiani di province diverse, figurarsi.....!).
SOLO BELLE PAROLE, LA REALTA' E' BEN DIVERSA E MOLTO LONTANA DAGLI OBIETTIVI PREFISSI.
Prova a mettere in cella uno straniero con detenuti italiani!
Probabilmente ci riesci e sembra che vada tutto bene, ma in realtà quello che accadrà (fatte salve alcune rarissime eccezioni) è solo questione di tempo.
Nove volte su dieci il detenuto straniero finisce per essere schernito, successivamente preso di mira anche fisicamente. Subito dopo, se non si è giunti allo scontro fisico, chiederà con domandina di essere spostato di cella con una scusa banale alla quale tutti puntualmente ed ipocritamente crederanno (gli altri ma non noi).
Oltre che ad ascoltare gli educatori, i direttori, gli assistenti sociali e (perfino i volontari) ecc, ogni tanto sentite anche le nostre opinioni sulle modalità gestionali dei minori, certamente le cose funzionerebbero meglio e si eviterebbero tanti momenti brutti, come quelli accaduti di recente in alcuni IPM della nazione.
Ma temo che ciò non accadrà mai, perchè la nostra presenza è ritenuta ingombrante, per via di tanti (forse anche eccessivi), programmi di trattamento individualizzato che non hanno alcun senso, già sul nascere, con un atteggiamento di ostinazione anche di fronte al fallimento palese che ne deriverà.
Intanto noi ci facciamo male e dobbiamo intervenire, magari solo per un capriccio di qualcuno.
Quindi si prendessero un pò più di tempo nel proporre e successivamente concedere misure alternative ed altro. Situazioni gestite diversamente darebbero certamente risultati egregi, sotto ogni profilo.
E perchè no, anche sotto il profilo della sicurezza del minore e del personale di Polizia Penitenziaria.





Di  SebyIPM  (inviato il 19/10/2016 @ 13:24:55)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.145.235.23


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

3 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

7 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Diventa anche tu Capo del DAP!





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

5 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

6 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

7 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

8 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

9 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

10 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti


  Cerca per Regione