Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Che fine ha fatto il "Piano Carceri" ?


Polizia Penitenziaria - Che fine ha fatto il

Notizia del 09/04/2015

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 3929 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Carceri che cadono a pezzi; l’acqua che si infiltra dai tetti, seguendo itinerari misteriosi rispunta dopo decine di metri sotto forma di macchie giallastre di umidità o facendo staccare gli intonaci inzuppati, provocando pericoli per la sicurezza si dei detenuti che degli operatori penitenziari. Cornicioni che si sbriciolano. Tetti che si spaccano per la mancanza di manutenzione. Cessi delle celle otturati nei quali l’acqua, non potendo trovare lo sfogo naturale – ovvero attraverso i tubi di scarico – sfonda le tubazioni marce andando  ad infiltrarsi nelle intersezioni dei piani detentivi causando danni in altre celle, nei pavimenti e sui tetti sottostanti. Poliziotti Penitenziari che lavorano in uffici in cui si raccoglie l’acqua piovana che cola dai tetti colabrodo, con catini e bacinelle poste sulle scrivanie (ci sono le foto che parlano!!!).

Potrei continuare ancora con esempi di mura di cinta pericolanti ed impraticabili  e ambienti di lavoro malsani, ma mi voglio fermare qui.

Questa è l’immagine impietosa delle carceri italiane, della maggior parte delle carceri (salvo alcune eccezioni). Ci chiediamo come si sia potuti arrivare a questo disastro, e la sola risposta che ci viene in mente è sempre una: colpa della politica e dei continui tagli di bilancio alla manutenzione ordinaria dei fabbricati. Colpa di una politica dissennata che da un lato si affanna a mettere le pezze per adeguarsi al dettato della Sentenza Torreggiani e dall’altro- sotto la spinta del sovraffollamento e della ricerca di soluzioni allo stesso -  stanzia milioni di euro  per la costruzione di nuove carceri o nuovi padiglioni all’interno di altre carceri al fine di decongestionare il numero dei detenuti e offrire loro condizioni detentive migliori e farli rientrare nei parametri dei metri quadrati previsti dalla Torreggiani (pena provvedimenti disciplinari per Direttori e Comandanti – come se questi da soli fossero i colpevoli di questo scempio).

Il Piano carceri, deliberato il 24 giugno 2010 prevedeva la creazione di nuovi 9.150 posti detentivi, aggiornandolo poi nel giugno 2011 con l’aggiunta di 150 posti relativi alla rifunzionalizzazione del nuovo istituto di Reggio Calabria. In seguito,  nonostante i tagli di risorse al Piano carceri deliberati con delibera C.I.P.E. 20 gennaio 2012 (- 228 milioni di euro), un ripensamento delle esigenze da parte dell'amministrazione carceraria ha portato alla previsione di realizzare 11.573 posti detentivi, rispetto ai 9.300 posti già previsti, con un incremento pari a 2.273 posti detentivi.

Dall'originario Piano carceri vennero eliminati i nuovi Istituti previsti nelle città di Bari, Nola, Venezia, Mistretta, Sciacca, Marsala per un totale di 2.700 posti e i nuovi padiglioni nelle città di Salerno, Busto Arsizio, ed Alessandria per un totale di 600 posti; vennero, invece, inseriti lavori di completamento e di ristrutturazione per complessivi 5.573 posti detentivi.

Secondo quanto si legge nel sito Internet del nuovo Piano Carceri, la creazione di un maggior numero di posti a fronte di una diminuzione di risorse è stato possibile "ripensando all'opportunità di realizzare i nuovi istituti e i nuovi padiglioni in una logica progettuale diversa, che risponda appieno all'esigenze, ma che tenga debitamente conto sia delle localizzazioni a costi contenuti, sia della possibilità, principalmente per i nuovi padiglioni, di sfruttare economie di scala in termini di utilizzo di servizi comuni già esistenti, il che consente altresì una ottimizzazione dell'impiego di risorse umane, avuto riguardo alle esigenze di pronto utilizzo delle strutture realizzande".

Ma nel frattempo, come sempre più spesso succede in Italia, si cancella con un colpo di spugna il Commissario Straordinario e la direzione dei lavori passa al Ministero delle Infrastrutture (ultimamente nella bufera per le solite storie di corruzione e concussione), un passaggio di consegne che dura da sette mesi e che ha di fatto bloccato i lavori in varie città d’Italia, con il risultato di centinaia di operai in cassa integrazione, ditte fallite o in grossa difficoltà economica, le opere lasciate incompiute (almeno per ora) preda degli agenti atmosferici. Ma è un paese normale quello in cui si stanziano centinaia di milioni di euro, si iniziano le opere (in questo caso nuove carceri e padiglioni) si da una boccata d’ossigeno alla asfittica economia del territorio coinvolto e poi per un passaggio di carte (valutabile in ordine di qualche chilometro – da Ministero della Giustizia a quello delle Infrastrutture) si bloccano per sette lunghissimi mesi i lavori, gettando nella disperazione centinaia di famiglie e imprenditori volenterosi?

In mezzo a tutte queste incertezze, le carceri continuano a cadere a pezzi, preda di facili interrogazioni parlamentari da parte di quei pochi deputati (sempre gli stessi) che girano le carceri con il metro in mano. Mi chiedo: ma non era più semplice dividere i 450 milioni di euro (circa) per il numero di carceri esistenti e farli ristrutturare in economia utilizzando mano d’opera dei detenuti?

Nel frattempo l’oramai famosissimo “gruppo Torreggiani” fa un attento monitoraggio sul territorio italiano dei posti e delle celle disponibili; ma i conti non tornano più perché giornalmente vengono chiuse celle per inagibilità, e i cui tempi di riparazione sono difficili da quantificare in assenza di fondi.

 

I ragazzi della Torreggiani, Santi Consolo e la Sala Situazioni

 

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


x Nuvola rossa: condivido in pieno il tuo autorevole commento!!

Di  Antonio  (inviato il 13/04/2015 @ 15:09:40)


n. 3


@ Antonio
Non sono un tecnico. Era semplicemente una riflessione saggia. Le regole si possono sempre cambiare. In Italia si fanno le leggi ad personam figurarsi se non è possibile far lavorare i detenuti in economia anche per lavori più importanti come rilevanza.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 11/04/2015 @ 11:08:35)


n. 2


Era il 5 dicembre del 2012, presente anche il commissario straordinario per il piano carceri Ninni Sinesio, intervenuto nella seconda sessione dei lavori.
Spending review....una parte delle mie perplessità recitava così: "... come si giustifica la creazione di un ‘Comitato di controllo‘ che include Ministero della Giustizia, dell’Interno, delle Infrastrutture e Protezione civile, quando si continua a parlare di semplificazione e di riduzione della burocrazia?"
Quando si parla di trasparenza, si mette in moto un meccanismo cinico che finisce sempre per stritolare il più piccolo, se pur coraggioso.
Qualcuno anni fa, ci considerava: brutti, sporchi, cattivi ed ignoranti.
Oggi non credo più, anzi...come in ogni specie, l'evoluzione è un fatto naturale....la nostra EVOLUZIONE è stata pericolosamente (naturale e silente), tanto da creare un certo timore.
Ho sempre sostenuto che siamo i migliori dei cinque Corpi di Polizia. La nostra vera crescita è legata a molteplici fattori che tutti conosciamo... Un intero Corpo, composto di gente con le palle, in servizio e non che, si è dovuta sempre rimboccare le maniche per tirare avanti la baracca....pur quasi sempre con strumenti scarni e con l'ABS attivato per paura di farti correre troppo!
Un intero Corpo che poggia le propria fondamenta su un'unica qualifica...del resto come come è sempre stato.
Ringrazio pubblicamente tutti i colleghi, in particolar modo gli appartenenti al ruolo Assistenti del territorio nazionale per il prezioso contributo lavorativo.-

Di  Ispettore G. Trumino  (inviato il 10/04/2015 @ 17:59:22)


n. 1


scusami Nuvola Rossa, al fine di evitare di alimentare demagogiche aspettative, mi permetto di precisare che è non è tecnicamente e legalmente possibile impiegare i detenuti in lavori che non siano di modesto importo e rilevanza.

Di  Antonio  (inviato il 09/04/2015 @ 12:50:41)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.130.145


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione