Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Chi vuole difendere Ionta con la sua lettera di protesta alla nostra Rivista? Rispedita al mittente!


Polizia Penitenziaria - Chi vuole difendere Ionta con la sua lettera di protesta alla nostra Rivista? Rispedita al mittente!

Notizia del 11/09/2011

in Il caso.

(Letto 4360 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


E alla fine, dopo l’ennesimo articolo di Enzima, il capo del dap Franco Ionta ha perso la calma. (Leggi la lettera di protesta di Franco Ionta a Donato Capece)

Purtroppo, però, non ha perso soltanto quella ... ha perso anche l’occasione per dimostrarsi all’altezza dell’incarico che ricopre.

Non che non ci fossero già state le avvisaglie della strana forma di allergia patita dal presidente Ionta nei confronti di Enzima e dei suoi articoli, ma niente faceva presagire una reazione così scomposta nei modi, nei toni e nelle argomentazioni.

Franco Ionta aveva già indirizzato una nota autografa alla nostra Redazione, per replicare (a modo suo) all’articolo “Il fascino della divisa conquista anche l'Agente Franco Ionta” e aveva veementemente contestato, a voce, l’articolo “Il Mega Direttore Galattico Franco Ionta requisisce mezza spiaggia di Maccarese”.

In entrambi i casi, però, pur fiutando l’acre odore della censura, abbiamo glissato sulla palese invasione di campo nella nostra redazione e sulla violazione del sacrosanto diritto di cronaca, per evitare ricadute sui buoni rapporti istituzionali con il capo del dap.

Pur rivendicando la paternità di entrambi gli articoli e ribadendone i contenuti, abbiamo preferito soprassedere sulle due vicende riconoscendo il diritto di replica al capo del dap, che era direttamente oggetto degli scritti.

Ma questa volta, il presidente Franco Ionta ha davvero superato il limite e lo ha superato soprattutto nell’aver pubblicato online la sua replica sul sito ufficiale della Polizia Penitenziaria.

Ha superato il limite delle sue prerogative, ha superato il limite dei suoi poteri ed ha, soprattutto, superato il limite del politicamente corretto.

Chi intendeva difendere il capo del dap avvalendosi del sito istituzionale della Polizia Penitenziaria?

Non può trattarsi del personale delle scorte, poiché l’autore dell’articolo ha specificato più volte di non essere loro l’oggetto della critica.

Non può trattarsi di se stesso, perché non è stato mai tirato in ballo dall’autore.

E allora chi ?
I dirigenti che si fanno refrigerare la mega automobile “di servizio” prima di salire a bordo ?

Oppure i dirigenti che “dirigono” una rivista mensile aziendale che costa centinaia di migliaia di euro l’anno (soldi nostri), che serve solo ad autocelebrare amministrazione ed amministratori penitenziari mentre negli istituti è utilizzata per  mantenere aperte le porte per poi finire, ancora incellophanata, nei cassonetti ?

Ci aspettiamo che il capo dell’amministrazione penitenziaria sveli il mistero; ce lo aspettiamo perché riteniamo di avere il diritto di sapere così come lui ha il dovere di rivelare.

E, per l’amor del cielo, non provi di nuovo a nascondersi dietro improbabili paraventi come “l’Istituzione”, “il Corpo” o altre vaghezze del genere ....

Vogliamo i nomi e i cognomi di coloro che ha inteso difendere usando toni così forti e utilizzando il sito istituzionale del Corpo come veicolo mediatico.

Per quello che mi riguarda, in qualità di Direttore Editoriale della Rivista Polizia Penitenziaria–Società Giustizia & Sicurezza, e della sua versione web www.poliziapenitenziaria.it , non posso sottrarmi dal replicare – puntualmente – alla nota indirizzataci lo scorso 3 agosto (avrei voluto farlo prima ma come certo anche Ionta saprà siamo stati oggetto di un attacco informatico che ci ha defacciato – più o meno quello che vorrebbero fare il capo del dap e l’intera nomenclatura dipartimentale – N.d.A.).

Senza alcun intento vanitoso, vorrei premettere, per dovere di cronaca, che la storica testata che mi onoro di dirigere vanta quasi venti anni di pubblicazione, nel corso dei quali ha sempre rappresentato la voce più autorevole del panorama editoriale penitenziario.

Questa autorevolezza, che rivendico con forza, è tutta ascrivibile alla qualità della Redazione del periodico e alla elevata professionalità dei collaboratori, fissi e occasionali, che scrivono per noi.

La Redazione ed i collaboratori della Rivista, sono gli stessi che scrivono sul blog.

La lettera pervenutaci il 3 agosto è oggettivamente offensiva per la Rivista, per la Redazione e per tutti i nostri collaboratori.

Polizia Penitenziaria–Società Giustizia & Sicurezza non ha mai fatto demagogia e il profilo dei suoi contenuti è sempre stato alto, anzi altissimo.

Ad ogni buon conto, non è certo prerogativa del capo del dap esprimere giudizi sulla Rivista del Sappe, in primo luogo perché non ne ha alcun diritto ed in secondo luogo perché non gli riconosciamo alcuna qualità professionale o culturale tale da poterci impartire lezioni di giornalismo.

Per questa ragione, e per le mille altre elencate prima, riteniamo che la nota del capo del dap inviata il 3 agosto è irricevibile.

Oltremodo, a nostro parere, è stata assolutamente inopportuna (ai limiti dell’illegittimità) la pubblicazione della stessa nota sul sito istituzionale della Polizia Penitenziaria che a ben altre cose dovrebbe essere deputato.

Condivo e sottoscrivo, infine, ogni parola, pensiero ed opinione espressa nelle altre repliche pubblicate in contemporanea sul blog in risposta alla stessa nota del capo del dap.

Leggi anche: Pseudonimi e nomi collettivi: ecco chi c'è dietro Enzima e tutti gli altri...

Al Capo Dap Franco Ionta. con immutata perplessità e delusione, Suo Enzima


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 18


Senza entrare nel merito di tutte leinfrazioni commesse dal capo del dap sull'informazione preventiva inerente l'assegnazione dei neo Agenti , nel leggere la nota del SAPPE inerente l'incontro avvenuto al DAP per l'assegnazione dei neo Agenti , si resta davvero sconcertati , per il fatto che la mobilita' viene fatta , riferendosi X ll'anno 2009 , e noN ad un nuovo interpello come dovrebbe essere .
Tutto cio' e' inaudito , e se passa questa decisone del DAP , portera' ulteriormente mlumori fra il personale , che e' davvero stanco di tutte queste decisoni dei capi .
NUOVO INTERPELLO , E MOBILITA' ANNO 2011 ...

Di  sappone  (inviato il 23/09/2011 @ 09:21:48)


n. 17


L' unica " coscienza" che per adesso deve essere premiata , e quella di tutti i colleghi della penisola , che h 24 con grande professionalita' portano avanti la " baracca carcere " , lo so , termine forte ma appropiato .
Sono troppe le problematiche istituzionali penitenziarie , che giornalmente affliggono , devastano , umiliano il personale di Polizia Penitenziaria .
I diritti , la carenza di organico , di fondi ,le carceri fatiscenti , i mezzi obsoleti , la casta degli uffici , il sovraffollamento arrivato ai limiti della sopportazione , e non dimentichiamo che in periferia ci sono sempre alcuni Direttori che continuano ad aggravare la situazione lavorativa di tutti noi , basti pensare che c'e' qualche istituto che ancora oggi non parla di interpelli interni , ci son colleghi che da decenni occuppano posti fissi , mentre la parte piu' disagiata da decenni svolge servizi nei reparti , di sentinella , ai cancelli , l'usura e' inevitabile , e nessuno si deve scandalizzare se lo stress da lavoro ci investe qutidianamente . ( a proposito , ma non c'era una legge sullo stress da lavoro ?? dove' finita ? non era in vigore dal 1-gennaio 2011 ??)
Molti di questi colleghi che sono , a volte anche in sovrannumero negli uffici , sono rappresentanti sindacali , e a mio modesto parere , il sindacalista deve difendere i diritti sacrosanti di tutti noi , iscritti e non , non puo' permettersi di rimanere da quando eì arruolato nell'uficio , senza mai proporre un' equa mobilita' interna , visto che e' sindacalista , deve pretendere il rispetto delle normi per la collettivita', non solo per il singolo .
E' ovvio che non sono contro ai sindacalisti negli uffici , non scherziamo ,non vi e' nessuna incopatibilita' , sono contro coloro che demagogicamente promettono , ma da decenni sono rinchiusi nei loro fortini degli istituti , e non hanno il coraggio di proporre gli interpelli previsti dalle normative vigenti .
Certo se il Direttore applicherebbe anche l'accordo quadro , e non solo le circolari che molte volte ci massacrano , sarebbe molto ben gradito da l personale di Polizia Penitenziaria .
Quindi la coscienza , non dimenticatela .

Di  sappone  (inviato il 19/09/2011 @ 11:46:57)


n. 16


----- ON.LE VITALI vs IONTA---------

Non so da dove cominiciare , ma evidentemente qualche responsabilità il nostro Presidente IOnta ce l'avrà o no ?
Capo del DAP, Capo della Polizia Penitenziaria, Commissario straordinario per l'emergenza carceri........con tanti bei soldini stanziati........e che assistiamo a quello di sempre e cioè a NULLAAAA!!!! Bravi...siete proprio bravi.....e noi nelle sezioni e in periferiia ci dobbiamo sgobbare senza i le più basilari forme di sicurezza e le regole del diritto del lavoro, ancorchè sindacale..........
----- tra un po spero di assitere ad altre note dell'ANSA tipo : IONTA dimettiti al pari del Presidente del Consiglio............
Quà non si vede luce ...stiamo scoppiando , siamo pieni di stress, squinternati........stiamo implodendo insieme al sistema e agli utenti !
Ma qualcuno ce l'avrà una coscienza ???

Di  il cinico  (inviato il 18/09/2011 @ 22:54:52)


n. 15


E' con enorme piacere leggere , che qualcuno al di sopra della Polizia Penitenziaria , di coloro che scrivono in questo blog , e del piu' grande Sindacato del corpo ,ossia il SAPPE , finalmente chiede un po il CONTO al capo del DAP .
L' Onorevelo Vitali chiaramente ha detto che bisogna dare risposte "IMMEDIATE " alle esigenze reali denunciate .
Si badi bene , stiamo parlando di problematiche gravissime , che da anni si denunciano , in primis , il sovraffollamento dei detenuti , le strutture fatiscenti , la sicurezza , la cronica carenza di organico della Polizia Penitenziaria ,dei mezzi , dei fondi , dei diritti piu' futili del personale .
Le carceri sono al collasso , e solo con la riapertura dei nuovi istituti , con le musre " alternative " al carcere , con le relative riforme strutturali , e con l'arruolamento urgente di altri Agenti , si puo' iniziare a dire che qualcosa si sta facendo per cercare di risolvere ' L ' " EMERGENZA CACERE ".
Si auspica davvero , che gli organi di stampa , non si soffermino solamente sulle auto di lusso , o sui i braccialetti elettronici , certo problemi non da poco conto .
Non dimentichiamoci pero' che ci sono i gravissime carenze nelle carceri Italiane , che non possono piu' attendere , ne tollerate , e che vanno portaete quotidianamente a conoscenza di tutti .
Ora la speranza e'che il Capo del DAP , non replichi all'On. Vitali con una lettera di protesta , come ha fatto con il Dott. Capece .

Di  sappone  (inviato il 16/09/2011 @ 09:45:59)


n. 14


Leggo sul sito del Sappe l'agenzia di stampa che segue.
Arriverà anche al deputato Vitali una dura reprimenda da parte del Capo Dap? E' quella di Vitali bassa demagogia? E' una offesa istituzionale al Capo Dap? E' bassa demagogia? Che lettera di risposta confezioneranno ora i solerti burocrati ministeriali al fianco di Ionta? O quella di Viatli è una opinione e, quindi, diritto di critica, che però per Enzima non vale?

CARCERI: VITALI (PDL), IONTA CAMBI PASSO O LASCI IL DAP (ANSA) - ROMA, 15 SET - ''Assistiamo ogni giorno a dure prese di posizione di sindacati di polizia penitenziaria. Al di la' dello stile rappresentano esigenze reali che necessitano di risposte immediate''. Lo sottolinea Luigi Vitali, responsabile nazionale dell'ordinamento penitenziario Pdl, secondo cui il capo del Dap, Franco Ionta, non si starebbe muovendo ''nei tempi e nei modi che la situazione emergenziale richiede''. ''Quello che non mi e' chiaro - afferma in una nota - e' l'attribuzione delle responsabilita'. A cio' si aggiunge una campagna denigratoria aperta da un quotidiano nazionale che sta snocciolando, una dopo l'altra, gravi pecche all'interno dell'amministrazione penitenziaria (auto di lusso, braccialetti elettronici, ecc..). Il ministro Alfano e meno ancora (per ovvi motivi temporali), il ministro Palma non hanno responsabilita' politiche''. Il governo, continua Vitali, ''ha reperito 800 milioni di euro per il piano carceri, Alfano ha spinto per l'assunzione straordinaria di 1.600 agenti di polizia penitenziaria mentre Palma sta difendendo questa legge dalle osservazioni del ministero dell'Economia''. ''La verita'- aggiunge- e' che esiste un capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria che e' anche commissario straordinario dell'emergenza carceraria che non si muove nei tempi e nei modi che la situazione emergenziale richiede. Se non si e' capito che la situazione e' drammatica e che necessita di risposte tempestive e efficaci evidentemente non si e' compreso appieno il ruolo che si e' stati chiamati a svolgere''. (ANSA). BAO 15-SET-11 17:19

Di  Vero eretico  (inviato il 15/09/2011 @ 21:59:37)


n. 13


Bravo sappone, bravi tutti!!!!! Evidentemente questo modo di essere e di fare sta funzionando. Cari dirigenti: toglietevi le cravatte ed entrate ad osservare, cercando di capire, cosa è diventato un carcere, anche grazie alla vostra disarmante inerzia. Che non siano però quelle tirate a lucido prima delle vostre inutili ed ingombranti visite. Sono convinto che dopo capirete molto di più.

Di  antonio  (inviato il 13/09/2011 @ 12:10:49)


n. 12


------ Al Caro Presidente IONTA ------

--- vengo a conoscenza da questo magnifico blog diretto da persone di elevata capacità cognitiva, professionale e competenza .....dell'amarezza del Capo del DAP, del Capo della Polzia Penitenziaria, del Commissario Straodinario per l'emergenza carceri ecc...... nel leggere tutta la verità che il sistema penitenziario e il dipartimento ( bel muro di gomma------chissà qualche Kamicaze se ci fa visita...) .......alla piena e totale deriva........implosione......
Caro Presidente ....ma quanti incarichi hai??? ma prendi soldi da più parti???? CHE BELLO PERò , VERO??? Forse siamo tornati al Medio Evo poichè siamo trattati come schiavi, plebei, in periferia....mentre a Roma tutto va bene ( straordinari, servizio fuori dalle carceri, tutti imboscati , autisti, portaborse, e chi più ne ha più ne metta) o peggio persone ignoranti che forse ignorano l'attività del DAP , ma noi poveri agenti che facciamo ?????:::::: ....ci portiamo le penne da casa per far servizio, ci compriamo le risme di carte per far servizio , dobbiamo cacciare soldi per andare a fare le traduzioni , le esercitazioni di tiro a fuoco, le missioni fatte ma non retribuite , le strumentazioni all'interno degli istituti ( computer, spazi da adeguare alla normativa sulla sicurezza, all'area sanitaria ecc.........)
Ma tutto ciò il Capo ne è al corrente.......o ha paura di prendere iniziative???? ci sono vecchi coccodrilli che aspettano........ son capaci di mangiarsi anche il DAP ......perchè ciò che hanno preso non gli basta ancora come benefit e quant'altro................
E noi poveri illusi ci aspettavamo tanto da Lei signor Presidente........è un boicottare continuo specie per la Polizia Penitenziaria .................. eppure abbiamo gli Ufficiali che sarebbero i Commissari.......e che fanno questi per il Corpo ??? si stanno adeguando o stanno prendere le misure ?????
Concludo dicendo al Capo del DAP ............. ce la faremo o no? la cosa è seria, con gli istitui di adesso....molti parlano troppo e male pure................. che ignobile persone!!!!!!!!!!!!
Grazie per l'attenzione ........tanto a me non mi interessa una mazza , siamo nella iena ed esclusiva deriva............con la speranza che campiamo bene ....altrimenti ci buttiamo a mare per senso di coscienza..............SIAMO E MI SENTO DEI FALLITI A PIù RIPRESE...............

IL CINICO

Di  Anonimo  (inviato il 13/09/2011 @ 00:31:20)


n. 11


Capo del DAP, vista l'impossibilità di risollevare le sorti della polizia penitenziaria, l'impossibilità di fare un discorso serio per svuotare le carceri e pensare a pene alternative, vista l'impossibilità di aprire nuove carceri per mancanza di tutte le figure professionali, viste le condizioni pietose in cui versano i nuclei, viste le vane promesse fatte pubblicamente di un riallineamento dei commissari mai avvenuto, visto il fastidio che le procurano le giuste e sacrosante critiche, ha mai pensato di dimettersi dalla carica?

Di  Miguel Cervantes  (inviato il 12/09/2011 @ 23:49:14)


n. 10


No si compremnde davvero questa lettera del CAPO del DAP al Dott Capece , mentre negli istituti Italiani i colleghi con mille difficolta' con senso del dovere , continuano a lavorare in condizioni estreme , per la cronica carenza di organico , per il sovraffollamento da paura dei detenuti , per le condizioni in cui molti istituti italiani versano strutturalmente e igienicamente , mentre ogni giorno si va alla conta numerica , ma no dei detenuti quella si fa oridinariamente , ma dei colleghi sempre di meno , e sempre a ricoprire tre quattro posti di servizio , mentre accade tutto questo , il Capo si e' amareggiato nel leggere quanto scrive enzima e gli altri , quanto viene denunciato per le auto blu .etc etc ?
Ma che coraggio , e' davvero inconcepibiletutto cio' , perche' il nostro CAPO del DAP , non scrive un commento qui , e ci aggiorna su tutte le sue iniziative correnti da capo di cui e' ?, magari informarmandoci , sull'emergenza carceri, sul sovraffollamento , sugli straordinari e sulle missioni non pagate a tutti noi , sul nucleo traduzioni , se si pensa che i Carabinieri facevano questi servizio con il triplo dei nostri colleghi di oggi , sull'apertura delle nuovi istituti, perche' non si fa mandare delle note sullo status vitale dei mezzi del nucleo ? sulla mobilita' a domanda , che fine ha fatto ?
Perche' il capo del dap non si preoccupa di rinnovare la convenzione con la " VITTORIA ASSICURAZIONI ", scaduta da piu' di un'anno , e ovviamente solo per la Polizia Penitenziaria, con notevli disagi anche per il portafoglio .
Perche' non accellera' i centri di sostegno psicologico per tutti i colleghi stressati , stanchi di subire e di arrangiarsi giornalmente .
Perche' non si interessa se la legge 626 viene applicata negli istituti ?
Potrei continuare , ma credo che il SAPPE giornalmente denunci queste gravi carenze delle carceri Italiane .
Il consiglio che do al CAPO , e' quello di affrontare le problematiche che giornalmete subisce tutto il personale della Polizia Penitenziaria , magari interessandosi seriamente sul perche' tanti colleghi perdono la vita ognii anno .
E inviando magari , le "veline" , al Ministro e a chi rappresenta il Parlamento e il Governo .

Di  sappone  (inviato il 12/09/2011 @ 18:05:50)


n. 9


Tutti noi stiamo esercitando il diritto di critica, il diritto alla cronaca, la libertà di esprimere giudizi, valutazioni e opinioni. C'è un interesse pubblico alla notizia, i fatti narrati corrispondano a verità e l'esposizione degli stessi, indipendentemente dalla sensibilità del Capo del DAP, appare corretta e serena, secondo il principio della continenza.

Il Conte di Montecristo

Di  Il Conte di Montecristo  (inviato il 12/09/2011 @ 13:51:25)


n. 8


Rientro dopo un breve periodo di ferie e cosa trovo? L'ennesima lettera intimidatoria del Capo DAP per un articolo pubblicato sul blog, che non è sfuggito ai sodali serventi il Capo Dap i quali hanno subito confezionato l'ennesima pubblica reprimenda ai 'cattivi demamoghi del Sappe' dopo avergli occultato tutte le volte in cui in questo sito è stato chiamato pubblicamente in causa, su vari argomenti, colui che è, se non altro economicamente, il Capo della Polizia Penitenziaria oltre ad essere Capo del Dipartimento, Commissario delegato per le carceri, Presidente dell'Ente di Assistenza, dell'Astrea calcio e di chissà cos'altro ancora. Vorrei solidarizzare con tutta la redazione di Polizia Penitenziaria, sasso nello stagno informativo e comunicativo del Dap, e con Enzima in particolare. Non saranno certo le lapidazioni e le 'veline' del DAP a fermare la Vostra meritoria attività. A Ionta e a chi gli confeziona lettere così sciocche ricordo che le critiche possono essere giuste o sbagliate, ma i poliziotti hanno diritto di farle. E se mi permette, sarebbe il caso ci fosse anche un lavoro culturale al DAP per impedire che osservazioni da parte dei cittadini vengano interpretate sempre e solo come “operazioni di lesa maestà”.

Di  Vero eretico  (inviato il 12/09/2011 @ 13:08:13)


n. 7


L'arroganza del potere contro il sacrosanto diritto di critica. la verità fa male. Essere circondati da adulatori e yes man è bellissimo ma fine a se stesso in quanto queste persone lo fanno per mestiere e per manetersi al poltroncina al Dap e stare vicini al potere (che bello quel detto siciliano suggeritomi dal mio amico commissario ultimo che aspetta ancora il riallineamento promesso proprio da Ionta: Vicinu o RE, beatu cu c'è!)

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 12/09/2011 @ 11:55:50)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.66.57


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione