Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Chiusura Centrali Operative Regionali della Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - Chiusura Centrali Operative Regionali della Polizia Penitenziaria

Notizia del 06/11/2017

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 297 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18342
presentato da
SANTELLI Jole
testo di
Lunedì 6 novembre 2017, seduta n. 881

SANTELLI. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che:

la legge 15 dicembre 1990, n. 395, ha istituito il Corpo di polizia penitenziaria, prevedendo la confluenza degli appartenenti e delle dotazioni dell'ex Corpo degli agenti di custodia nel nuovo Corpo ormai smilitarizzato;

la polizia penitenziaria svolge compiti di polizia giudiziaria, pubblica sicurezza e gestione delle persone sottoposte a provvedimenti di restrizione o limitazione della libertà personale. Espleta inoltre attività di polizia stradale ai sensi dell'articolo 12 del codice della strada, partecipa al mantenimento dell'ordine pubblico, svolge attività di polizia giudiziaria e pubblica sicurezza anche al di fuori dell'ambiente penitenziario, così come tutte le altre forze di polizia, nonché attività di scorta a tutela di personalità istituzionali e di magistrati. Di recente, in quanto forza di polizia a competenza generale, la polizia penitenziaria è entrata a comporre la direzione investigativa antimafia e l'Interpol;

malgrado il quadro normativo sinteticamente descritto, la polizia penitenziaria è stata di recente oggetto di interventi che vanno ad incidere massicciamente sulle funzioni di polizia e che si ripercuotono direttamente sulla sicurezza delle carceri, come testimoniano le numerose evasioni, oltre che gli atti di aggressione verso il personale;

in primis, si fa riferimento alla chiusura delle centrali operative regionali della polizia penitenziaria che saranno chiuse a partire dal 2018, determinando un rischio crescente nelle carceri e abbassando notevolmente il livello di sicurezza dei centri detentivi, oltre che dell'intero territorio nazionale;

le competenze operative della polizia penitenziaria venivano svolte in sicurezza proprio grazie alle centrali operative regionali, che costituiscono non soltanto dei presidi di sicurezza, ma anche dei ponti di coordinamento tra i corpi impiegati nelle operazioni di sicurezza;

chiudere le centrali operative significa minare al funzionamento dell'attività delle forze dell'ordine, mettendo a repentaglio indagini in corso e future impedendo una corretta programmazione degli interventi e una efficace sorveglianza;

altro intervento nefasto risulta quello che dispone il rientro nelle rispettive sedi di lavoro tra i reparti delle varie carceri del personale di polizia penitenziaria impiegato a garantire la sicurezza dei varchi dei palazzi di giustizia. Una decisione per «recuperare» poco più che un centinaio di agenti per distribuirli nei reparti delle carceri con meno personale. Tale provvedimento appare in evidente antinomia con quanto emerso in sede di «Stati generali dell'esecuzione penale», istituiti con decreto ministeriale 8 maggio 2015 (integrato dal decreto ministeriale 9 giugno 2015), in particolare attraverso il «tavolo 15», e soprattutto con il progetto pubblicato nel 2015 da una commissione presieduta dal super procuratore Nicola Gratteri e voluta dal Presidente del Consiglio dei ministri pro tempore Matteo Renzi che voleva attribuire nuove funzioni esterne alla polizia penitenziaria, in tutto il sistema dell'esecuzione penale esterna, compresa la sicurezza di tutti i palazzi di giustizia, facendo diventare il Corpo di polizia penitenziaria alla stregua dei «Marshall americani» –:

quali siano, anche alla luce dei recenti accorpamenti tra forze di polizia, le ragioni per cui si stia andando in controtendenza rispetto a quanto previsto in sede da Stati generali dell'esecuzione penale e soprattutto di quanto previsto dalle disposizioni di delega contenute nella recente legge n. 103 del 2017 recante «Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all'ordinamento penitenziario» che, all'articolo 1, comma 85, indica, tra i princìpi e criteri direttivi, la «previsione di misure per rendere più efficace il sistema dei controlli, anche mediante il coinvolgimento della polizia penitenziaria»;

considerato l'inopportuno ridimensionamento delle funzioni di polizia della penitenziaria, soprattutto a scapito dei 40 mila uomini del Corpo, se intendano assumere iniziative per pervenire all'accorpamento della polizia penitenziaria nella polizia di Stato, quale specializzazione dell'intera polizia dell'esecuzione penale. 
(4-18342)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Si è tolto la vita impiccandosi il Poliziotto penitenziario accusato dalla figlia di averla violentata
Agenti con gastroenterite nella scuola di Cairo Montenotte: le analisi hanno appurato che era influenza
Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi
Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo
Record di sequestri di telefonini nelle carceri italiane. Aumento del 58 per cento nel 2017
Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione
Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà
Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Sei in errore chi scrisse il commento 1 e 2 non è altro che un collega tale e quale come lo sei te . Forse non ritieni cosa è buona e giusta lodare il ministro Orlando che finalmente si adopera per togliere privilegi e sprechi in questa amministrazione e comunque ripeto forza ministro sia più corposo dia seguito alla mobilità elimini tutto lo spreco che gravita nel mondo penitenziario e faccia tutto il possibile affinché ogni singolo sia impiegato nei soli compiti istituzionali .

Di  Anonimo  (inviato il 02/12/2017 @ 12:19:15)


n. 4


Commenti 1 e 2 danno a capire che siano persone accamosciate

Di  Io  (inviato il 02/12/2017 @ 01:22:55)


n. 3


Il fatto che la Redazione di questo sito pubblichi qualunque commento è lodevole, ma andrebbe condizionato ad una qualche forma di dichiarazione di identità di chi inserisce il commento altrimenti, come in questo ultimo caso, si "rischia" che a commentare sia qualche Direttore Generale "in incognito" !!! AH AH AH

Di  Poliziotto Penitenziario  (inviato il 15/11/2017 @ 19:22:08)


n. 2


Ministro Orlando vada avanti non si fermi recuperi quante più unità possibili faccia il modo che ogni singolo sia impiegato nei soli compiti d'istituto penitenziario dentro l'istituto .

Di  Anonimo  (inviato il 15/11/2017 @ 18:25:14)


n. 1


C'è crisi e quindi trovo più che giusto recuperare il più possibile , concordo con il ministro Orlando diminuire componenti banda musicale eliminare tutti i distacchi sindacali rimandare tutti dal primo all'ultimo in miniera .

Di  Anonimo  (inviato il 15/11/2017 @ 18:21:50)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.226.179.247


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

3 Dopo dieci anni di blocco contrattuale, un rinnovo da sfigati ... un misero caffè al giorno

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

7 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

8 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria

9 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione

10 Il martirio di Germana Stefanini





Tutti gli Articoli
1 Si è tolto la vita impiccandosi il Poliziotto penitenziario accusato dalla figlia di averla violentata

2 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

3 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

4 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

9 Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi

10 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà


  Cerca per Regione