Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Ciao Marcello, collega ucciso due volte!


Polizia Penitenziaria - Ciao Marcello, collega ucciso due volte!

Notizia del 21/08/2013

in Houston abbiamo un problema

(Letto 5576 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Sono letteralmente sconvolto. La visione dell’agghiacciante video messaggio, postato su you tube dal compianto collega Marcello Pesiri, ai propri figli mi ha lacerato l’anima per il dolore provato.

Un suicidio lucido, premeditato il cui messaggio ai familiari viene aggiornato ai tempi in cui viviamo. La classica lettera, o il biglietto d’addio, che in molti lasciano prima di suicidarsi, viene sostituita da un video messaggio struggente, con il sottofondo de “il mio canto libero” di Lucio Battisti, le cui parole, alla luce del suicidio assumono un significato inquietante.

La fredda statistica ci consegna ormai dei numeri terrificanti: un suicidio al mese; 10 – 12 poliziotti penitenziari che decidono di uccidersi per i più svariati motivi. Un fenomeno allarmante che in altri paesi Europei, sicuramente più civili del nostro, avrebbe costituito motivo di istituzione di una commissione d’inchiesta. In paesi più civili dell’Italia, ad esempio, probabilmente, i vertici dell’Amministrazione Penitenziaria di fronte ad un fenomeno così preoccupante, si sarebbero dimessi (…ma come si fa a rinunciare a quei stipendi da favola??) per non aver formulato nessuna proposta seria in tanti anni di stillicidio penitenziario, se non l’attivazione di una “help line” cui nessuno mai telefonerà, conscio delle conseguenza personali e sul servizio cui potrebbe andare incontro confessando al telefono, ad un interlocutore sconosciuto, le proprie debolezze o il proprio momento di difficoltà.

Ha ragione Donato Capece quando parla di un’Amministrazione matrigna, capace di scontentare tutti i suoi “figli”, con i suoi provvedimenti talvolta illogici, talvolta autoritari nonostante le contestazioni della base, talvolta irrispettosi del ruolo o delle funzioni dei suoi appartenenti.

Un’amministrazione che lascia il proprio patrimonio edilizio alla mercè degli agenti atmosferici e dell’usura del tempo, non sfruttandoli nemmeno come foresteria e con i soldi incamerati permettere agli agenti di dormire in caserma senza dover pagare questa ennesima odiosa tassa di soggiorno senza che in tanti casi, causa la fatiscenza delle caserme (ma Tamburino ha mai visto la caserma dell’Ucciardone???) la quota pagata non corrisponde ai servizi offerti.

Un’amministrazione che non vende le proprie auto blu (i famosi freelander da 100.000 euro ciascuno) per investire i soldi nelle caserme, ma che continua a succhiare il sangue dei propri figli (gli agenti) i più indifesi e quelli con meno voce in capitolo, pur rappresentando la parte preponderante di questa “amministrazione matrigna” che, con la scusa della spending rewiew vuol far pagare ai colleghi pendolari o a coloro che sono costretti a soggiornare in caserma poiché, ad esempio a causa di una separazione con il coniuge non riescono più a pagare l’affitto di una casa.

Un’amministrazione che non batte ciglio se, per assicurare le vacanze di persone, che a qualsiasi titolo sono sottoposte a protezione con a seguito le scorte, spende migliaia di euro (in un solo mese) in missioni forfettarie, buoni benzina, fatture ecc. per la corte a loro seguito: per queste cose non esiste la spending rewiew? I conti dello Stato chi li deve sanare? Gli agenti aggrediti, umiliati e offesi che dormono in caserma?

Un’amministrazione che dovrebbe sfornare nuove idee sul suo futuro e nella commissione all’uopo costituita non nomina né un commissario, né un direttore, né un educatore ma nomina una persona che coltiva piante di cannabis a casa (per scopo terapeutico e per disobbedienza civile, così scrive sulla sua pagina fb che a quanto pare vedo solo io) senza che questo indigni minimamente il nostro Capo del DAP che dovrebbe almeno rimuovere questa persona, visto che nella punta estrema dello stivale in questi giorni, un ragazzo per aver coltivato qualche piantina di cannabis nel suo giardino è stato arrestato e condannato per direttissima a 10 mesi di reclusione……mentre altre persone, ex politicanti, vengono premiate con incarichi prestigiosi.

Un'amministrazione che somiglia sempre più a quella sovietica dei tempi di Stalin, che codifica persino le esequie degli appartenenti al Corpo di P.P., stabilendo come e quando devono avvenire i funerali e il numero delle unità previste (sempre dietro richiesta del familiare e non per iniziativa di un direttore o di un comandante) per partecipare ai funerali, chiaramente a secondo del “rango” del morto; e se poi i funerali dovessero svolgersi fuori dal comune ove è situato l’istituto è probabile che la partecipazione della rappresentanza non venga autorizzata a causa della spending rewiew, salvo andarci liberi dal servizio, a proprie spese (possibilmente in divisa così l’amministrazione fa figura!!!). E’ per questo che l’aver negato una rappresentanza ufficiale alle esequie del povero Marcello morto suicida per “motivi personali” (così non strumentalizziamo la sua morte come chiede un noto sindacalista “brutta copia di Capece”) mi lascia una profonda amarezza e che ogni giorno di più, come migliaia di colleghi delusi, ci fa anelare l’agognato giorno della pensione.

DAP nega picchetto d'onore ai funerali del collega suicida ad Ariano Irpino

 

Benessere del Personale e suicidi nella Polizia Penitenziaria.

 

 

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria
Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer
Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia
Carcere di Teramo: rientra la protesta, trasferiti 120 detenuti
Governo invia i militari per controllare le carceri: penitenziari brasiliani al collasso
Comunità ebraica di Milano: contro il radicalismo islamico nelle carceri, istituire corsi multi religiosi
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


siamo agli sgoccioli. Non esiste un'altra amministrazione pubblica più disastrata della nostra. Tutti i signori del dipartimento giocano con i fogli di carta e con i conti da far quadrare, ma non si rendono conto che la situazione del nostro corpo di polizia (in minuscolo perché siamo gli ultimi in considerazione) è dappertutto allo sfascio e chi può cerca di scappare via quanto prima.Non ci sono parole per definire l'inadeguatezza e incapacità nel gestirci da parte dei suddetti.

Di  vin.  (inviato il 26/08/2013 @ 12:43:22)


n. 3


pikkolo minatore campano

caro michele delle volte l'eccezione non è la regola diceva il grande pikkolo macchiavelli!
Il fatto che l amministrazione e la politica vanno di pari eguali.
Ognuno ha il proprio carozzone, che poi non c'è personale , ci sono più posti di servizio o meno, ti preoccupi di non far accadere nulla e così via ............................ non serve proprio ad una beata.........m.......a !!!
O ti ammali o non ti ammali è la stessa cosa , ma un consiglio lascialo scrivere: adesso sono più rispetttati gli assenteisti e i prepotendo che npon le persone oneste!
Quindi farti il problema della malattia o meno oggi il gioco non vale la candela , viso il rispetto che hanno questi signori che sulla nostra pelle hanno guadagnato stipendi e progressioni di carriere.
Con stima e rispetto sempre .....WWW il SAPPe !!

Di  Anonimo  (inviato il 22/08/2013 @ 19:04:59)


n. 2


All'inizio infuriato ora alla ricerca spasmodica di mollare tutto se ben a malincuore e, dopo tanti anni costretto a mollare e trovare qualsiasi spiraglio utile per fuggire dalla matrigna...

Di  Deluso  (inviato il 22/08/2013 @ 14:29:21)


n. 1


Gli interessi personali partono dagli Istituti e prima di intervenire sul Dap bisogna farlo sulle carceri...le mele marce partono dal basso!!!

Di  Michele da Campobasso  (inviato il 22/08/2013 @ 08:54:22)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.75.80


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera

10 Gli Uffici per l’Esecuzione Penale Esterna (UEPE)





Tutti gli Articoli
1 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

2 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

3 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

4 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

5 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

6 Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria

7 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

8 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

9 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

10 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone


  Cerca per Regione