Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Comandante torni sulla nave. E' un ordine.


Polizia Penitenziaria - Comandante torni sulla nave. E' un ordine.

Notizia del 22/01/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 4734 volte)

Scritto da: walter ego

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


È il passaggio di un tragicomico dialogo - legato ad una tragedia che di comico non ha nulla - che negli ultimi giorni è entrato nelle case di tutto il mondo e che ha fornito una immagine immeritata del nostro Paese. E così, da santi, poeti e navigatori quali eravamo, abbiamo perso, nel giro di una sola notte, una delle poche (forse una delle ultime) virtù che ci rendevano famosi agli occhi del mondo.
Non ho potuto fare a meno di pensare cosa succederebbe se una delle nostre "navi-istituto" (che purtroppo navigano in acque sempre più tempestose e che sempre più a fatica si tengono a galla) si dovesse improvvisamente arenare sotto il peso di un evento improvviso, catastrofico e violento. Come si comporterebbero i nostri Comandanti se la loro nave stesse per andare giù: quanti si porrebbero, così come dovrebbero, alla testa del proprio "equipaggio" per guidarlo e rassicurarlo e salvare, ove necessario, vite umane al costo della propria; quanti, invece, scapperebbero senza pensarci due volte?
Sono fermamente convinto che la stragrande maggioranza dei nostri Comandanti seguirebbe la prima strada e che senza tentennamenti affronterebbe coi propri uomini il pericolo, ponendosi alla loro testa e rischiando in prima persona. Sono altrettanto convinto che qualcun altro, colto da un egoistico istinto di autoconservazione, dalla incapacità di agire e reagire, ma soprattutto dalla convinzione che certamente altri faranno ciò che si deve fare, si darebbe alla fuga o, quantomeno, deciderebbe di assistere da una posizione tranquilla ciò che succede. Ognuno di noi prova paura, sano sentimento che porta a non sottovalutare il pericolo e le situazioni di allarme che aiuta ad affrontare queste ultime in maniera responsabile. Non è di questo che si discute, ma di quanto ciascuno, investito delle proprie responsabilità, sia in grado di rispondere agli altri ed a se stesso del suo operato in maniera adeguata agli eventi.
Il mio auspicio è che nel nostro Corpo non esistano "Comandanti Schettino" e che i nostri uomini, al momento opportuno, possano trovare sempre una guida in grado di sorreggerli e motivarli. Troppe volte, però, mi capita di vedere ufficiali che anziché mischiarsi tra gli uomini del proprio equipaggio preferiscono pavoneggiarsi nel salone delle feste con gli ospiti illustri, o peggio, in dolce compagnia, lontano dalle proprie responsabilità.
Che Nettuno, anzi San Basilide, ci assista sempre.
 


Scritto da: walter ego
(Leggi tutti gli articoli di walter ego)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Altri 26 telefonini trovati nel carcere di Padova, 20 dei quali occultati da un Poliziotto penitenziario nella suo alloggio di servizio
Skype per i 41-bis in carcere? Il Ministro Orlando: non riguarderà i capi mafia
Uno degli accusati dell''omicidio di Emanuele Morganti era stato arrestato la sera prima con più di 1000 dosi di droga ma subito rilasciato
Sequestrati telefoni e coltelli nel carcere di Cassino: operazione di Carabinieri e Polizia Penitenziaria
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


Una cosa hanno in comune i due comandanti, quello della nave Concordia e quello di Walter, entrambi i cognomi iniziano con la "S". Per Salvatore67, walter conosce molto bene anche i direttore a cui ha dedicato un post qualche tempo fa. Soprattutto il suo Direttore, un tappetto innocuo e caciarone, è stato mortificato ultimamente in pubblico da un rappresentate sindacale. Vi posso assicurare che anche in quella occasione il direttore/comandate è diventato un pecora al cospetto del sindacalista. Speriamo soltanto di non inciampare in qualche "scoglio"........

Di  Anonimo  (inviato il 24/01/2012 @ 22:45:21)


n. 3


Io ne conosco uno che di cognome non fa schettino ma sicuramente alle prime avvisaglie di deriva, con direttore al seguito, farebbe bagagli e burattini!!!!!!i

Di  viper  (inviato il 24/01/2012 @ 19:59:19)


n. 2


Lungi da me l’idea di sostenere i comandanti, quando ho provato a farlo, malissimo tra l’altro, ci stavo pure rimettendo. Tuttavia alcune riflessioni sul paragone Comandante della Nave - comandante di istituto carcerario mi sento in dovere di farle.
Il comandante della nave rappresenta l’alter ego del Direttore penitenziario (essi sono la centralità, così dicono se non ricordo male). Quindi, caro “walter ego”, attento che non ti querelino per sottrazione di centralità. Il comandante del carcere di comandante ha solo l’appellativo; in sostanza, norme alla mano, non comanda nulla.
In virtù di tale riflessione il tuo “egoistico istinto di autoconservazione”, annessi e connessi, dovresti, in aderenza al suddetto principio di centralità, commisurarlo ai direttori penitenziari.
Forse qualche commissario incapace di reagire ci sarà pure, penserà, da comandante, di percepire lo stesso stipendio della sua truppa, un po’ meno dei suoi “sottufficiali”, ed anni luce dal suo direttore promosso dirigente ex-lege. Penserà che se qualcosa va storto sarà l’unico a pagare, che quotidianamente dovrà essere mobizzato dal suo personale sindacalizzato. Che resterà commissario fino al suo ultimo giorno di servizio è non avrà alcuna prospettiva di carriera. Che dovrà recitare, ogni anno alla festa del Corpo, la parte di colui che crede che gli faranno il riallineamento. Che è comandante solo quando c’è da prenderle, in tutti gli altri casi comanda il Direttore. Che non è riuscito a tutelare i dipendenti più meritevoli che anche quest’anno si sono dovuti fare le notti di quelli con la 104 per la suocera. Che i suoi giudizi sul modello 7/dap sono stati stravolti dal Direttore, in aderenza a principi di cui a lui non è dato sapere. Che i detenuti lavoranti non si scelgono più tra quelli che con qualche “informazione” ti aiutano a garantire la sicurezza ma vengono selezionati dalle graduatorie tenute dall’educatore. Che le sentinelle ci dovevano essere pure se stavano in malattia. Che se ci sono troppe malattie è colpa sua e della sua inflessibilità. Che se non ci sono malattie ha contribuito a creare un clima di rilassatezza all’interno dell’istituto. Che la formazione della polizia penitenziaria è compito istituzionale di educatori ed assistenti sociali. Che ci sarà qualcuno pronto a paragonarlo a Schettino. Che il N.I.C. lo sta indagando, in quanto comandante, perché di ritorno da una riunione al P.R.A.P. ha perso cinque minuti al bancomat per prelevare del contante. Che se un detenuto evade quando lui non era in servizio è colpa sua che non ha vigilato con attenzione. Che se i detenuti si rivoltano perché manca tutto la colpa è sua che da lontano li ha istigati con la forza del pensiero. Che magari lo facessero entrare nel salone delle feste, rinuncerebbe pure alla dolce compagnia che non ha mai avuto. Che… Che… Che… Che qualcuno gli insegnasse come si fa a restare lontano dalle proprie responsabilità perché almeno ci prova. Con affetto ed immutata stima mariano salvatore67.

Di  mariano salvatore67  (inviato il 23/01/2012 @ 21:33:39)


n. 1


I Comandanti sono ne più ne meno uomini come i loro sottoposti, nella mia carriera ho visto uomini (di tutti i ruoli)senza paura e altri che quando c'erano delle situazioni critiche non erano ultimi, ma svanivano nel vero senso della parola, ossia si perdevano per strada non si trovavano nemmeno con il G.P.S.
Questo per dire che sotto una spallina che sia un Commissario o altro c'è sempre un uomo, quindi ci saranno ufficiali in grado di essere alla testa del loro reparto, ed altri che si metteranno al riparo dietro il reparto, e in tutta franchezza non ho visto tanti ufficiali all'altezza del loro compito, ma davvero bravi nell'apparire ai ricevimenti delle varie feste dei corpi.
In conclusione a mio modesto avviso non navighiamo nell'oro.
Mario64

Di  Mario64  (inviato il 22/01/2012 @ 18:09:45)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.212.173


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Riordino: chi non vuole i vice questori della Polizia Penitenziaria?

9 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione