Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Compiti di custodia e sicurezza nelle REMS: interrogazione parlamentare sulle mansioni di medici e infermieri


Polizia Penitenziaria - Compiti di custodia e sicurezza nelle REMS: interrogazione parlamentare sulle mansioni di medici e infermieri

Notizia del 05/08/2015

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 1820 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-10165
presentato da
GALLINELLA Filippo
testo di
Mercoledì 5 agosto 2015, seduta n. 476

GALLINELLA, CIPRINI e BARONI. — Al Ministro della salute . — Per sapere – premesso che: 
con la legge 30 maggio 2014 n. 81, si è dato il via ad un nuovo tassello della riforma dell'assistenza psichiatrica in Italia, iniziata con la legge 180 del 1978 (legge Basaglia), che prevede la chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari (OPG) e la contestuale attivazione delle REMS (residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza); 
le residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza sono strutture ricettive a carattere sanitario che dovranno però rispondere anche a criteri di custodia, poiché accoglieranno i pazienti con disturbo psichico, autori di reato, ritenuti non dimissibili dagli ospedali psichiatrici giudiziari; 
la necessità di cambiare la gestione dell'assistenza sanitaria in Italia è derivata dalle carenze dimostrate dagli ospedali psichiatrici giudiziari nel corso degli anni, carenze che sono state messe in luce dal lavoro svolto dalla Commissione Parlamentare di inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio Sanitario Nazionale, ma che non possono certo essere attribuite ad una mancanza di professionalità, quanto piuttosto ad una gestione dall'alto errata e alla mancanza delle necessarie risorse economiche destinate a questi Ospedali dalle regioni; 
gli ospedali psichiatrici giudiziari ancora attivi oggi in Italia sono 6 e detengono circa 700 pazienti, a fronte di una loro completa dismissione la criticità per le nuove residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza sarà la gestione da parte del personale medico e infermieristico dei pazienti oggi detenuti negli, ospedali psichiatrici giudiziari che necessitano comunque di misure cautelari; 
la nuova norma sancisce, infatti, che tutti i diritti della persona internata nelle residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza siano disciplinati dalla normativa penitenziaria, ma la custodia passa dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria alla Sanità (dipartimento salute mentale), ponendo una serie criticità sulla garanzia di sicurezza sia dei pazienti che del personale che lavora nelle residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza; 
rispetto alla questione sicurezza è, infatti, sancito che "[...] i servizi di sicurezza e vigilanza perimetrale sono attivati sulla base di specifici Accordi con le Prefetture, anche sulla scorta delle informazioni contenute nel fascicolo dell'internato"; ne consegue che internamente alle residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza) le misure di sicurezza sono totalmente a carico del personale sanitario, ma è importante ricordare che il personale sanitario ha un dovere di cura e non un obbligo di custodia nei confronti dei pazienti; 
molti medici e infermieri, ancor prima del 1o aprile 2015, giorno ufficiale della dismissione degli ospedali psichiatrici giudiziari, hanno manifestato le proprie perplessità di fronte a quella che sembra un'organizzazione troppo lasciata al caso e che non garantisce né la continuità di cura e recupero per i pazienti recuperabili, né la sicurezza del personale sanitario, in quanto alcuni pazienti detenuti possono essere pericolosi, sono spesso farmacoresistenti e tendenti a comportamenti non sempre facili da gestire da parte del personale sanitario, che non è certo demandato per professione a svolgere una vera e propria attività di custodia; 
la mescolanza tra competenze sanitarie e quelle di ambito giudiziario, tra cura e custodia, in un contesto nuovo come quello dalle residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza, può rischiare di alterare l'identità professionale dell'infermiere e del medico psichiatra, che stanno facendo fatica ad accettare queste nuovi compiti previsti dalla legge, tra l'altro senza un'adeguata chiarezza su tutti i protocolli da seguire; 
inoltre anche le stesse regioni hanno in questi mesi dato segnali di un adeguamento difficile alla nuova disciplina normativa e molti ospedali psichiatrici giudiziari sono ancora aperti anche per incertezza su dove e come trasferire i pazienti: –: 
se in base a quanto esposto in premessa, alle difficoltà riscontrate e manifestate da molti medici psichiatri e personale infermieristico, nonché dalle situazioni delle diverse regioni italiane che stanno faticosamente adeguandosi alla nuova riforma, non intenda assumere iniziative per chiarire in maniera più stringente le modalità di trasferimento dei pazienti ancora detenuti nelle ospedali psichiatrici giudiziari che si ritengono non dimissibili; 
se non intenda assumere iniziative per esplicitare meglio il ruolo di «custodia» che medici e infermieri dovranno esercitare nelle REMS, evitando di compromettere la professionalità del personale medico e infermieristico ma allo stesso tempo garantendo ai pazienti le cure migliori, nonché la sicurezza tout court delle nuove strutture. (4-10165)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Governo invia i militari per controllare le carceri: penitenziari brasiliani al collasso
Comunità ebraica di Milano: contro il radicalismo islamico nelle carceri, istituire corsi multi religiosi
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP
Ecco come avvengono i rimpatri degli stranieri clandestini e perché è così difficile attuarli
Andrea Orlando: il carcere non basta a garantire la sicurezza
Naso fratturato e denti rotti: Poliziotto penitenziario ferito da detenuto a Napoli Poggioreale
Infame spia degli sbirri: così è iniziato il tentativo di rivolta al carcere minorile di Milano


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.211.213.149


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

6 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

7 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

8 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

9 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Infame spia degli sbirri: così è iniziato il tentativo di rivolta al carcere minorile di Milano


  Cerca per Regione