Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Confessioni di un ex Capo Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria al momento della sua partenza


Polizia Penitenziaria - Confessioni di un ex Capo Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria al momento della sua partenza

Notizia del 12/05/2011

in Dal buco della serratura

(Letto 3666 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Queste sono le ultime parole (nella sua veste di Capo Dipartimento) che ho raccolto da un magistrato mentre assistevo al confezionamento degli scatoloni contenenti gli effetti personali da riportare in Procura, dopo il “licenziamento” da Capo DAP.

“Il mio più grande rammarico è di non essere rimasto un altro anno qui al DAP. Proprio ora che avevo finalmente capito come funzionava questo carrozzone, devo fare le valigie perché mesi fa il Governo è cambiato. Questa da Capo DAP è una carica politica e, dopo aver scelto i Ministri, passato il turno dei Sottosegretari. È arrivato il tempo di mettere al posto giusto anche quelli del mio livello e si sta procedendo all’avvicendamento dei Capi Dipartimento.

E’ un vero peccato, proprio ora…

IL PRIMO ANNO DA CAPO DAP
Il primo anno non c’ho capito nulla. Non avevo idea realmente di come funzionasse l’amministrazione penitenziaria. Certo, da magistrato conoscevo le competenze, le attività del DAP e conoscevo pure i direttori delle carceri del mio circondario, ma è solo quando ci sei dentro che ti accorgi di quanti uffici e singole persone possano condizionare il funzionamento dell’amministrazione penitenziaria. Questo è un luogo in cui il segretario del capo del personale conta più di un Sottosegretario. E’ così in molte altre amministrazioni, ma qui si raggiunge l’eccesso. Qui non ci sono regole o meglio le regole, quelle vere, sono molto più difficili di una Procura.

I FACCENDIERI
I primi mesi si è subito circondati dai “faccendieri”, quelli che ti sommergono di “regali” ed opportunità: modifiche all’alloggio di servizio, macchine, visite, restailing dell’ufficio compresi gli accessori tecnologici… sono molte le sirene da ascoltare ed è facile perdersi.

IL TEMPO DEI CONSULENTI
Poi arriva il tempo dei “consulenti”, quelli che qui dentro ci sono cresciuti, ma cresciuti fisicamente, non professionalmente, quelli che si sono occupati sempre e solo di amministrazione penitenziaria e che oggi, ho capito che potrebbero fare solo quello tanto è complesso l’argomento e tante sono le peculiarità di questa amministrazione. Altrove non sarebbero capaci di nulla. Ti fidi dei consulenti, hanno le soluzioni pronte e poi sei costretto a farlo, a qualcuno ti devi pur appoggiare/fidare.

Con il passare del tempo, ma intanto i primi dieci/quindici mesi sono trascorsi, inizi a renderti conto che le soluzioni che ti avevano prospettato, non risolvono nulla. In genere sono vendette e faide che si trascinano da anni qua dentro. Inizi a non fidarti più così ciecamente di quelle persone che pure ti erano state consigliate da amici fidati, inizi anche a comprendere di come questi “consulenti” presentino una faccia rispettabilissima all’esterno, mentre in realtà qui dentro sono degli autentici “capi-banda”.  Inizi a cercare i riscontri di quanto ti è stato detto, inizi a sospettare di tutti, rallenti e passa un altro anno.

IL TEMPO DELLA CHIAREZZA
Dopo arriva il tempo in cui tutto è più chiaro, più semplice. Il terzo anno avevo finalmente capito come funziona questo DAP, quali sono gli uffici realmente importanti, quali sono le persone di cui mi potevo fidare e quelle che è meglio lasciar perdere, anzi, semmai quelle da emarginare.

Ma arrivati a quel punto è troppo tardi. Nonostante ora abbia le soluzioni in tasca e saprei come attuarle con l’aiuto delle persone oneste, ecco che mi devo congedare.

Un vero peccato…”

Leggi anche: Il discorso che Ionta pronuncierà domani alla festa della (alla) Polizia Penitenziaria


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Parole sacrosante. E i burocrati, i notabili e la vecchia nomenclatura del DAP - che giustamente combatte il SAPPE, e solo il SAPPE... - è sempre lì

Di  Vero eretico  (inviato il 15/05/2011 @ 11:16:40)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

50.16.52.237


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

4 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

5 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

6 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

7 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione