Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Confessioni di un ex Capo Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria al momento della sua partenza


Polizia Penitenziaria - Confessioni di un ex Capo Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria al momento della sua partenza

Notizia del 12/05/2011

in Dal buco della serratura

(Letto 3773 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Queste sono le ultime parole (nella sua veste di Capo Dipartimento) che ho raccolto da un magistrato mentre assistevo al confezionamento degli scatoloni contenenti gli effetti personali da riportare in Procura, dopo il “licenziamento” da Capo DAP.

“Il mio più grande rammarico è di non essere rimasto un altro anno qui al DAP. Proprio ora che avevo finalmente capito come funzionava questo carrozzone, devo fare le valigie perché mesi fa il Governo è cambiato. Questa da Capo DAP è una carica politica e, dopo aver scelto i Ministri, passato il turno dei Sottosegretari. È arrivato il tempo di mettere al posto giusto anche quelli del mio livello e si sta procedendo all’avvicendamento dei Capi Dipartimento.

E’ un vero peccato, proprio ora…

IL PRIMO ANNO DA CAPO DAP
Il primo anno non c’ho capito nulla. Non avevo idea realmente di come funzionasse l’amministrazione penitenziaria. Certo, da magistrato conoscevo le competenze, le attività del DAP e conoscevo pure i direttori delle carceri del mio circondario, ma è solo quando ci sei dentro che ti accorgi di quanti uffici e singole persone possano condizionare il funzionamento dell’amministrazione penitenziaria. Questo è un luogo in cui il segretario del capo del personale conta più di un Sottosegretario. E’ così in molte altre amministrazioni, ma qui si raggiunge l’eccesso. Qui non ci sono regole o meglio le regole, quelle vere, sono molto più difficili di una Procura.

I FACCENDIERI
I primi mesi si è subito circondati dai “faccendieri”, quelli che ti sommergono di “regali” ed opportunità: modifiche all’alloggio di servizio, macchine, visite, restailing dell’ufficio compresi gli accessori tecnologici… sono molte le sirene da ascoltare ed è facile perdersi.

IL TEMPO DEI CONSULENTI
Poi arriva il tempo dei “consulenti”, quelli che qui dentro ci sono cresciuti, ma cresciuti fisicamente, non professionalmente, quelli che si sono occupati sempre e solo di amministrazione penitenziaria e che oggi, ho capito che potrebbero fare solo quello tanto è complesso l’argomento e tante sono le peculiarità di questa amministrazione. Altrove non sarebbero capaci di nulla. Ti fidi dei consulenti, hanno le soluzioni pronte e poi sei costretto a farlo, a qualcuno ti devi pur appoggiare/fidare.

Con il passare del tempo, ma intanto i primi dieci/quindici mesi sono trascorsi, inizi a renderti conto che le soluzioni che ti avevano prospettato, non risolvono nulla. In genere sono vendette e faide che si trascinano da anni qua dentro. Inizi a non fidarti più così ciecamente di quelle persone che pure ti erano state consigliate da amici fidati, inizi anche a comprendere di come questi “consulenti” presentino una faccia rispettabilissima all’esterno, mentre in realtà qui dentro sono degli autentici “capi-banda”.  Inizi a cercare i riscontri di quanto ti è stato detto, inizi a sospettare di tutti, rallenti e passa un altro anno.

IL TEMPO DELLA CHIAREZZA
Dopo arriva il tempo in cui tutto è più chiaro, più semplice. Il terzo anno avevo finalmente capito come funziona questo DAP, quali sono gli uffici realmente importanti, quali sono le persone di cui mi potevo fidare e quelle che è meglio lasciar perdere, anzi, semmai quelle da emarginare.

Ma arrivati a quel punto è troppo tardi. Nonostante ora abbia le soluzioni in tasca e saprei come attuarle con l’aiuto delle persone oneste, ecco che mi devo congedare.

Un vero peccato…”

Leggi anche: Il discorso che Ionta pronuncierà domani alla festa della (alla) Polizia Penitenziaria


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Sequestrati telefoni e coltelli nel carcere di Cassino: operazione di Carabinieri e Polizia Penitenziaria
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Parole sacrosante. E i burocrati, i notabili e la vecchia nomenclatura del DAP - che giustamente combatte il SAPPE, e solo il SAPPE... - è sempre lì

Di  Vero eretico  (inviato il 15/05/2011 @ 11:16:40)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.130.93


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione