Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Corsi di formazione per il personale di Polizia Penitenziaria durante l’orario di servizio


Polizia Penitenziaria - Corsi di formazione per il personale di Polizia Penitenziaria durante l’orario di servizio

Notizia del 07/10/2015

in Accadde al penitenziario

(Letto 3246 volte)

Scritto da: Rita Argento

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il più delle volte accade che vengano a realizzarsi delle giornate formative dedite al personale di Polizia Penitenziaria: ogniqualvolta, si cerca di garantire una quanto più equa rotazione del personale, per consentire a tutti, di potervi partecipare, occorre però sottolineare che non sempre risulta essere così semplice.

La maggior parte dei corsi si realizza all’esterno dell’istituto penitenziario dove si lavora, ecco allora che talvolta parte del personale, incontra difficoltà nel partecipare, perché magari lontano dalla propria abitazione, per l’orario previsto, distante, dalle proprie possibilità organizzative nel contesto famiglia eccetera.

Ben utile invece sarebbe cercare di realizzare dei percorsi formativi che siano articolati in giornate singole ovvero in moduli a più riprese, con un orario che possa essere anche solo di poche ore e perché no, integrarlo proprio durante l’orario di servizio, magari privilegiando come sede lo stesso istituto penitenziario dove si lavora ovvero quello più attiguo.

Ipotizziamo una giornata lavorativa tipo di un collega che possa essere di sei o di otto ore, perché non pensare ad un corso di formazione articolato in un tot. di ore che possano essere distribuite durante la giornata lavoro?

Esempio, far si che il collega possa essere impegnato all’interno dello stesso istituto in una sala adibita allo svolgimento del corso anche solo per un’ora, una parte del servizio, per poi poter proseguire la restante nei reparti detentivi.

Prediligere corsi di formazione che siano un vero e proprio arricchimento professionale nel proprio quotidiano come corsi di lingua straniera, giuridici, di psicologia, criminologia, atti di polizia giudiziaria, informatica, difesa personale, gestione delle tensioni nel contesto lavoro,  eccetera.

Ancor di più agevolare nella partecipazione dei corsi, ogni appartenente alla qualifica, che siano Commissari, Ispettori, Sovrintendenti, Agenti ed Assistenti perché il più delle volte, manca proprio il confronto che invece è quanto di più necessario nel sistema carcere.

Ho sempre visto il penitenziario, come una “enorme catena ad incastro”, dove basta un tassello che poco funziona ed ecco che tutto l’ingranaggio ne risente ed il primo a risentirne è proprio il collega che lavora nella sezione detentiva.

L’importanza nella diversa qualifica è proprio quella di avere delle specifiche competenze e di mostrarsi attento a creare un metodo di lavoro che sia quanto più funzionale ecco perché ogni corso oltre che a formare dovrebbe diventare una vera e propria occasione di confronto tra i colleghi, perché ciascuno è padrone di un proprio bagaglio di esperienza personale che difficilmente trova la possibilità di poter emergere.

Ogni Poliziotto Penitenziario, ha le proprie qualità e per questo è quanto di più importante farle crescere progressivamente, con una formazione che sia sempre più funzionale e parte integrante del proprio orario di lavoro.

 

 


Scritto da: Rita Argento
(Leggi tutti gli articoli di Rita Argento)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


"...dove basta un tassello che poco funziona ed ecco che tutto l’ingranaggio ne risente ed il primo a risentirne è proprio il collega che lavora nella sezione detentiva".
Giuste e sacrosante considerazioni, complimenti.
Una sola considerazione personale che non vuole essere una critica, ma un personale desiderio che esce prepotentemente dal cuore e che spero vivamente IL DIRIGENTE GENERALE DELLA FORMAZIONE prima o poi legga.
Conosco colleghi che sono invecchiati in galera, colleghi che hanno operato con i terroristi det. sottoposti al 41/bis, Alta Sicurezza, soggetti psichiatrici, internati, comuni ecc... colleghi che hanno prestato servizio a Pianosa, Gorgona, Asinara, S. Vittore, Genova, Venezia ecc....ecc... negli anni 80/90. Colleghi che a distanza di 30/35 anni di servizio non sono mai più usciti dal carcere per un corso di formazione, se non in occasione dei tiri.....(a dire il vero manco quello più si fa a causa di questa dannata crisi).
Allora mi chiedo, SIGNORI e SIGNORE che leggete...."perchè continuare a spendere tanti quattrin, come ad esempio per i corsi di ((ALTA FORAMAZIONE per soli Commissari?"))....e i vecchi appuntati ancora a bocca sciutta?
Credo sarebbe giusto e Sacrosanto, pagare loro un biglietto aereo,farli pernottare presso una Scuola di Formazione e permettere loro di staccare del tutto con il carcere per TRE/QUATTRO giorni al massimo.
Sapete quanti si rincontrerebbero?
Sapete quanti pianti nel rivedersi non più diciottenni?.....quanti ricordi...belli o brutti che siano...
Potete immaginare le ricadute che ciò potrebbe apportare loro? Io lo immagino tutti i giorni.
Quelli che una volta erano considerati BRUTTI, SPORCHI e CATTIVI ancora oggi con la loro pregiata esperienza e professionalità, permettono a questa Istituzione che SERVIAMO di andare avanti!
Immaginate quanti di questi Uomini e Donne, dopo tanti anni di servizio ritroverebbero quello spunto per dire.....ed io che non ci credevo più....minch!....ma allora mi pensano ancora!
Valgo ancora!

"Certamente non tornerebbero dal periodo formativo dottori", ma certamente aiuterebbe a donare loro quel po di affetto che non si sente più.
Se dipendesse da me, spenderei fior Euro per questa categoria, per questo ruolo...l'unico che tiene in piedi tutto l'Ambaràdàn!!!
Scusate lo sfogo.....ma quannu ci vò...ci vò!

Di  Giulio G.M.  (inviato il 07/10/2015 @ 16:22:44)


n. 1


Peccato che per molti colleghi un corso di aggiornamento venga visto come un modo per fuggire dalla sezione e non per quello che è in realtà.
Infatti agli interpelli per quelli fuori sede partecipano sempre gli stessi...

Di  Alessandro  (inviato il 07/10/2015 @ 13:04:48)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.74.137


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione