Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Corte Costituzionale da ragione a Magistrato di Sorveglianza: il DAP non può discutere le sue decisioni


Polizia Penitenziaria - Corte Costituzionale da ragione a Magistrato di Sorveglianza: il DAP non può discutere le sue decisioni

Notizia del 16/06/2013

in Diritto e Diritti

(Letto 55502 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


 

I detenuti hanno diritto a vedere la tv in carcere e il DAP non può ostacolare le decisioni del Magistrato di Sorveglianza.

LEGGI LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE RIGUARDANTE DIRITTO DEI DETENUTI  A VEDERE TV

"L’estensione e la portata dei diritti dei detenuti può infatti subire restrizioni di vario genere unicamente in vista delle esigenze di sicurezza inerenti alla custodia in carcere. In assenza di tali esigenze, la limitazione acquisterebbe unicamente un valore afflittivo supplementare rispetto alla privazione della libertà personale, non compatibile con l’art. 27, terzo comma, Cost.". Con queste parole la Corte Costituzionale, in un procedimento per conflitto di attribuzioni ha ritenuto illegittimo impedire la visione di alcuni programmi tv ai detenuti del Carcere di Rebibbia in regime di 41-bis, il cd. 'carcere duro'.

La Corte, accogliendo il ricorso del magistrato di sorveglianza e stabilendo che un provvedimento ministeriale non può sconfessare la decisione di un giudice, ha spiegato che "le decisioni del magistrato di sorveglianza, rese su reclami proposti da detenuti a tutela di propri diritti (...) devono ricevere concreta applicazione e non possono essere private di effetti pratici da provvedimenti dell’Amministrazione penitenziaria o di altre autorità" stabilendo così che non spettava al Ministro della giustizia disporre di non dare esecuzione ad un’ordinanza del magistrato di sorveglianza in materia di 41-bis.

Secondo la ricostruzione della vicenda, il magistrato di sorveglianza annullava l'atto del direttore generale per i detenuti presso il Ministero della Giustizia che inibiva a tutti i soggetti in regime di detentivo di cui all'art. 41-bis della legge sull'ordinamento penitenziario, la visione dei canali televisivi, in particolare, Rai Sport e Rai Storia. Il Ministero disponeva però di non dare esecuzione a questa ordinanza e il magistrato promuoveva ricorso per conflitto di attribuzioni.

Al di là della risoluzione del conflitto di attribuzione tra poteri che ha visto 'vincere' il potere giudiziario su quello esecutivo, quello che qui interessa è che la Corte Costituzionale ha sostanzialmente avallato la decisione del magistrato di sorveglianza che aveva ritenuto la visione di alcuni programmi televisivi (rai sport e rai storia) assolutamente compatibile con il regime di carcere duro. L'eventuale limitazione della visione dei programmi violerebbe , secondo il giudice delle leggi, non solo l'art. 21 della Costituzione ma anche l'art. 27, in quanto incompatibile con il diritto costituzionalmente garantito all'informazione e con l'altro fondamentale principio della rieducazione del detenuto.

Attribuendo il potere al magistrato di sorveglianza, la sentenza avrà così l'effetto di permettere ai detenuti del carcere di Rebibbia di vedere i programmi televisivi censurati dall'amministrazione penitenziaria.

"Nel caso oggetto del presente conflitto, - si legge nella parte motiva della sentenza del giudice delle leggi - il Magistrato di sorveglianza di Roma, con ordinanza del 9 maggio 2011, aveva ordinato all’Amministrazione penitenziaria (Casa circondariale Rebibbia di Roma) il ripristino della possibilità per un detenuto – sottoposto al regime di cui all’art. 41-bis ord. pen. – di assistere ai programmi trasmessi dalle emittenti televisive 'Rai Sport' e 'Rai Storia', in quanto il relativo 'oscuramento' aveva leso il diritto soggettivo all’informazione del detenuto medesimo.

Non solo l’Amministrazione penitenziaria non aveva provveduto di fatto alla riattivazione dei segnali provenienti dalle suddette emittenti televisive, ma era intervenuto successivamente, in data 14 luglio 2011, un provvedimento del Ministro della giustizia – adottato su conforme proposta del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria – con cui si manifestava formalmente la volontà di 'non ottemperare' alla decisione del Magistrato di sorveglianza. Il confronto tra le conclusioni ricavabili dalle norme e dalla giurisprudenza costituzionale prima richiamate e gli atti che hanno dato origine al presente conflitto non può che avere l’esito di una dichiarazione di non spettanza al Ministro della giustizia del potere di non dare esecuzione all’ordinanza del Magistrato di sorveglianza di Roma del 9 maggio 2011. Nel caso di specie, infatti, non viene in rilievo una doglianza su aspetti generali o particolari dell’organizzazione penitenziaria, ma la lesione del diritto fondamentale all’informazione, tutelato dall’art. 21 Cost., che il giudice competente ha ritenuto ingiustificatamente compresso da un provvedimento limitativo dell’Amministrazione penitenziaria.

L’estensione e la portata dei diritti dei detenuti può infatti subire restrizioni di vario genere unicamente in vista delle esigenze di sicurezza inerenti alla custodia in carcere. In assenza di tali esigenze, la limitazione acquisterebbe unicamente un valore afflittivo supplementare rispetto alla privazione della libertà personale, non compatibile con l’art. 27, terzo comma, Cost.", ha concluso la Corte.

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia
Carcere di Teramo: rientra la protesta, trasferiti 120 detenuti
Governo invia i militari per controllare le carceri: penitenziari brasiliani al collasso
Comunità ebraica di Milano: contro il radicalismo islamico nelle carceri, istituire corsi multi religiosi
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP
Ecco come avvengono i rimpatri degli stranieri clandestini e perché è così difficile attuarli
Andrea Orlando: il carcere non basta a garantire la sicurezza


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Come sempre il DAP viene viene sconfessato da una sentenza, ovviamente con le relative spese a carico. Ormai è chiaro che al DAP non c'è piu' ne testa e ne coda, perdono continuamente su ogni cosa che fanno che di fatto dimostra l'incompetenza e il fallimento totale di questa classe dirigente. Io proporrei di far pagare tutte queste spese di giustizia al capo del dipartimento, nella persona del Signor Tamburino.

Di  Paolo  (inviato il 17/06/2013 @ 11:58:58)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.9.146


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

6 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Infame spia degli sbirri: così è iniziato il tentativo di rivolta al carcere minorile di Milano


  Cerca per Regione