Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Criticità per lo spostamento dei detenuti alta sicurezza dal carcere di Padova a quello di Parma


Polizia Penitenziaria - Criticità per lo spostamento dei detenuti alta sicurezza dal carcere di Padova a quello di Parma

Notizia del 24/06/2015

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 724 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-09579
presentato da
PAGLIA Giovanni
testo di
Mercoledì 24 giugno 2015, seduta n. 449

PAGLIA e DANIELE FARINA. — Al Ministro della giustizia . — Per sapere – premesso che: 
da notizie diffuse dalla stampa, nonché da segnalazione del Garante dei diritti delle persone private della libertà personale di Parma, Roberto Cavalieri, si apprende che, a fronte della paventata chiusura delle sezioni di alta sicurezza del carcere di Padova, alcuni detenuti di tali sezioni verrebbero trasferiti presso la sezione AS1 (detenuti appartenenti alla criminalità organizzata di tipo mafioso) del carcere di Parma; 
sembrerebbe che già due trasferimenti siano stati effettuati, con preoccupazioni circa il degrado delle condizioni detentive della popolazione carceraria di Parma; 
come noto, presso gli istituti di Parma è presente una sola sezione per detenuti AS1 sulle 6 sezioni presenti di alta sicurezza; le restanti 5 sono destinate a detenuti AS3 (condannati per reati associativi). A tale gruppo di detenuti in AS1, per comprensibili motivi organizzativi del reparto alta sicurezza, sono offerte poche occasioni di partecipazione ad attività che sono da considerarsi marginali rispetto a quelle destinate agli altri detenuti del circuito AS3; 
non è presente alcuna attività lavorativa significativa; solo ed unicamente, quando presente, ristretta ai lavori alle dipendenze dell'amministrazione penitenziaria per portavitto e poco più; 
sotto il profilo dello studio, questo è in gran parte rappresentato dalla autonoma iniziativa di alcuni detenuti iscritti a percorsi universitari; 
quanto alla collocazione nelle celle, questa è in parte soddisfatta in termini di assegnazione in cella singola, molto spesso sostenuta e obbligata anche da esigenze di salute, patologie psichiatriche e di studio dei detenuti; 
il trasferimento di detenuti della sezione alta sicurezza del carcere di Padova presso il carcere di Parma non può che rappresentare a giudizio degli interroganti una scelta assolutamente inopportuna, anche in quanto l'offerta trattamentale presente a Parma non è in alcun modo paragonabile a quella presente nel penitenziario di Padova; dunque, si penalizzerebbero le scelte dell'istituto, anche operate da anni, per il trasferimento di detenuti che a Parma non troverebbero che poche attività di trattamento, spesso senza disponibilità di posti, e con un'erogazione delle stesse assai rarefatta nel corso della settimana; 
inoltre, il carico sanitario caratterizzante il carcere di Parma — conseguente alla detenzione di persone con patologie complesse e che richiedono prestazioni già allo stato carenti sotto il profilo della tempestiva erogazione — si aggraverebbe con una ricaduta negativa per tutti i detenuti, oltre che per il personale sia sanitario, sia dell'amministrazione penitenziaria; 
quanto alla collocazione nelle celle, le condizioni di vita dei detenuti AS1 sarebbero compromesse con allocazione di più persone nella stessa cella, con ricadute negative sia sul piano delle relazioni, sia dello stato psico-fisico, dei detenuti, soprattutto in riferimento agli studenti e ai detenuti con problemi di salute; 
i detenuti del circuito AS1 e reclusi a Parma non hanno prospettive di sviluppo trattamentale e di partecipazione ad attività che, anche se proposte dal volontariato o dalla comunità esterna, non sono realizzabili per problemi organizzativi legati ai divieti di incontro con i detenuti in AS3, alla mancanza di spazi idonei, nonché alle note questioni di disponibilità di personale addetto alla sorveglianza che possa permettere una apertura alle attività che vada oltre al normale, e ristretto, orario vigente (dalle 9.00 alle 15.00 con un'ora di pausa); 
come illustrato, il trasferimento paventato dei detenuti della sezione alta sicurezza dal carcere di Padova a quello di Parma comprometterebbe dunque i percorsi trattamentali in corso presso l'istituto di Parma, nonché le generali condizioni di vivibilità all'interno della struttura carceraria, sia per la popolazione reclusa, sia per chi opera all'interno del carcere, con grave compromissione di quanto garantito dall'articolo 27 della Costituzione –: 
se il Ministro interrogato non ritenga di dover salvaguardare la condizione detentiva e i percorsi trattamentali delle persone ospitate nelle sezioni di alta sicurezza di Parma, non procedendo al trasferimento nella menzionata struttura dei detenuti ristretti a Padova. (4-09579)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.139.136


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione