Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Decreto Legislativo n.81/2008: Le norme tecniche, le buone prassi e le linee guida


Polizia Penitenziaria - Decreto Legislativo n.81/2008: Le norme tecniche, le buone prassi e le linee guida

Notizia del 06/03/2018

in Sicurezza sul lavoro

(Letto 2296 volte)

Scritto da: Luca Ripa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nello scorso numero abbiamo parlato degli aspetti giuridici legati alle norme tecniche, in questo, al fine di completare adeguatamente la tematica, vedremo come ha origine una norma tecnica e cosa si intende per “buone prassi” e “linee guida”.

Ed in particolare tenteremo di familiarizzare, attraverso un semplice compendio, con le sigle (acronimi) più comuni che sono sempre più spesso citate quando si parla di normative afferenti la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Una norma tecnica nasce dalla adozione di una norma armonizzata, cioè una specifica tecnica, adottata da un organismo di normalizzazione europea, operante su incarico della commissione Europea, in conformità di quanto disposto dalla Direttiva 98/34/ CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, e valida per tutti gli Stati Membri.

Gli organismi di normalizzazione europea sono:

• il CEN, Comitato Europeo di Formazione, dal francese Comitè Européen de Normalisation, ha lo scopo di produrre norme tecniche (EN);

• il CENELC, Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnico, dal francese Comitè Européen de Normalisation en électronique et en électrotechnique, è responsabile della normalizzazione europea per il settore dell’ingegneria elettrica;

• l’ETSI, Istituto Europeo per gli Standard nelle Telecomunicazioni, dall’inglese European Telecommunications Standards Institute, è responsabile della definizione e dell’emissione di standard europei nel campo delle telecomunicazioni, compresa la telefonia cellulare.

Le norme armonizzate europee, una volta emanate, sono pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea e, quindi, successivamente adottate dagli Stati Membri con la pubblicazione di successivi Decreti volti a “nazionalizzare” la norma.

Stando al Regolamento n. 1025/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2012 sulla normazione europea, per “norma” si intende: “una specifica tecnica, adottata da un organismo di normazione riconosciuto, per applicazione ripetuta e continua, alla quale non è obbligatorio conformarsi, e che appartenga a una delle seguenti categorie”:

• norma internazionale (ISO): rappresenta la norma che “è adottata da un’organizzazione internazionale di normalizzazione e che viene messa a disposizione del pubblico”. Va precisato che, benché in inglese l’ISO venga definito come International Organization for standardization, questo termine invero non è un acronimo, ma deriva da greco isos, vale a dire “uguale”.

Le norme ISO sono riconoscibili da una struttura formata prevalentemente da numeri composti rispettivamente dapprima dal numero della norma, successivamente, divisa da i due punti, l’anno di pubblicazione della stessa;

• norma europea  (EN): rappresenta la norma che “è adottata da un organismo europeo di normalizzazione e che viene messa a disposizione del pubblico”.

Le norme europee devono essere recepite a livello nazionale, attraverso gli strumenti giuridici dei singoli Stati Membri, le eventuali norme nazionali in conflitto con esse devono essere abrogate;

• norma nazionale  (UNI, CEI): rappresenta la norma che “è adottata da un organismo nazionale di normalizzazione e che viene messa a

disposizione del pubblico”.

In Italia, l’organismo preposto allo studio, alla pubblicazione ed alla diffusione delle norme tecniche nazionali relative a tutti i settori industriali è l’UNI, Ente Nazionale Italiano di Unificazione, ad esclusione dei settori elettronico ed elettrotecnico, che sono invece di competenza del Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI).

Le norme UNI sono documenti elaborati consensualmente dalle parti interessate (produttori, venditori, laboratori di prova, utilizzatori, pubblica amministrazione e consumatori) ed emanate dallo stesso UNI e definiscono lo “stato dell’arte” di prodotti, processi e servizi per migliorare l’economicità di produzione ed utilizzo, la commerciabilità, la sicurezza d’uso e il rapporto con l’ambiente.

Sono valide sul territorio nazionale e se necessario possono essere aggiornate con nuove edizioni.

Si definiscono, infine, “norme UNI CEI”  le norme elaborate e pubblicate congiuntamente fra l’Ente Nazionale Italiano di Unificazione ed il Comitato Elettrotecnico Italiano.

L’elaborazione delle norme tecniche avviene da parte di esperti che operano seguendo le procedure dettate dell’ente di normazione nazionale, che provvede al loro coordinamento mettendo a disposizione la propria struttura organizzativa.

Il D.Lgs. n. 81/2008, prevede, oltre alle norme tecniche per la realizzazione di impianti, conformi alle norme di sicurezza, l’impiego di buone prassi e di linee guida (art. 2, co. 1, lett. v) - z)].

Sono definite dal Testo Unico “buone prassi”, le soluzioni organizzative o procedurali coerenti con la normativa vigente e con le norme di buona tecnica, adottate volontariamente e finalizzate a promuovere la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro attraverso la riduzione dei rischi e il miglioramento delle condizioni di lavoro. Le buone prassi sono elaborate e raccolte dalle Regioni, dall’INAIL e dagli organismi paritetici per essere poi validate dalla Commissione consultiva permanente, previa istruttoria tecnica della stessa INAIL, che provvede ad assicurarne la più ampia diffusione.

Le “linee guida” sono invece “atti di indirizzo e coordinamento per l’applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza predisposti dai ministeri, dalle regioni e dall’INAIL ed approvati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano”.

 

 


Scritto da: Luca Ripa
(Leggi tutti gli articoli di Luca Ripa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto aggredisce due agenti a Pesaro durante la perquisizione
Carcere, l’inchiesta sull’ex direttore Il dubbio: lavori gratis in casa? «Batteva cassa due volte all’anno»
Detenuto tenta fuga da ospedale, un agente si ferisce per fermarlo. Bonafede: Coraggio e senso dovere agente
Reggio Emilia, allarme in carcere: dà fuoco alla cella e inneggia all''Isis
Detenuto aggredisce poliziotti penitenziari a Viterbo. Era tra i protagonisti della rivolta di Ariano Irpino
Una pistola TASER per gli Agenti di Polizia Penitenziaria contro le aggressioni
Il Prefetto in visita al Don Bosco: "Attività della Polizia Penitenziaria insostituibile"
Carceri, il Garante: detenuti salgono a 58mila. Il ministro Bonafede: 41 bis irrinunciabile


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Pensavo tutt'altra cosa e va bene avanti alla produzione

Di  Anonimo  (inviato il 06/03/2018 @ 07:38:53)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.159.91.117


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

6 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

7 L’elogio funebre di Nicolò Amato a Giuseppe Falcone

8 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook





Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

5 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

6 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

7 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi

10 Sicurezza: Salvini, chiesto a Tria fondi assunzioni. Troppo alta età media agendina,serve piano reclutamenti


  Cerca per Regione