Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Decreto Legislativo n.81/2008: Priorità all''ordine e alla disciplina ma senza tralasciare la sicurezza del posto di lavoro


Polizia Penitenziaria - Decreto Legislativo n.81/2008: Priorità all''ordine e alla disciplina ma senza tralasciare la sicurezza del posto di lavoro

Notizia del 05/12/2017

in Sicurezza sul lavoro

(Letto 1229 volte)

Scritto da: Luca Ripa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Era il settembre del 2016 quando ho iniziato a scrivere sulle pagine di questa nostra rivista, affrontando la delicata tematica relativa alla sicurezza sul luogo di lavoro.

Dell’argomento in questione abbiamo toccato numerosi temi, qualcuno dei quali lo abbiamo fatto con maggiore rigore, qualcun altro, invece, complice la difficoltà ed il tecnicismo della materia, con minore dovizia di dettagli. Sta di fatto, però, che molte altre tematiche, di questa complessa materia, dovranno ancora essere affrontate.

E’ mio intendimento in questo numero, non entrare nel merito di uno specifico argomento ma, in considerazione anche dell’anno trascorso, esortarvi a fare una riflessione.       

Cercare di capire cosa, al di là della norma e della conoscenza della stessa, ognuno di noi, lavoratore o datore di lavoro che sia, possa impegnarsi a fare all’interno del nostro ampio e diversificato ambito lavorativo.

Occupandomi da tempo della materia in qualità di rappresentante della sicurezza per i lavoratori, ho potuto constatare, infatti, che nei vari settori lavorativi dell’Amministrazione Penitenziaria molte cose debbono essere ancora realizzate per innalzare il livello di sicurezza sul posto di lavoro.

Negli ultimi anni, in campo carcerario, ad esempio, si vive, a mio avviso, una situazione molto preoccupante.

Ne sono testimoni ogni giorno i nostri colleghi, donne e uomini della Polizia Penitenziaria, che prestano la loro attività lavorativa presso i reparti detentivi di tutta Italia, in particolare dove è stata adottata la cosiddetta vigilanza dinamica.

Nei penitenziari, difatti, il concetto di sicurezza sul posto di lavoro viene identificato da tutti con la sola, così come prescritto dal Ordinamento Penitenziario, necessità di mantenere l’ordine e la disciplina all’interno dell’istituto. Attuare, cioè, quelle norme e regolamenti che hanno prevalentemente l’obiettivo di prevenire i problemi di gestione della popolazione detenuta. Su questo vorrei dire: nulla quaestio.

Il problema è che esiste anche un altro tipo di sicurezza, che è evidentemente meno “considerata” dai vertici del DAP: la sicurezza sul posto del lavoro. Il termine, dunque, è lo stesso, ma è la modalità di perseguirla che deve essere diversa.

Non vi è dubbio che un luogo di lavoro in cui un agente penitenziario è costretto a svolgere il suo dovere, lasciato spesso solo, ed in alcuni casi a vigilare perfino sezioni dislocate su più piani, per giunta con i ristretti lasciati liberi di “passeggiare” tutto il giorno per la sezione, sia poco, o per nulla, rispondente ai principi sanciti dal D.Lgs. n. 81/2008. Sono sempre più numerosi, infatti, i casi di aggressione che si verificano a danno di poliziotti penitenziari, e che avvalorano la tesi di una precaria sicurezza rivolta a chi presta la sua quotidiana attività lavorativa.

Nessuno può più celare questi episodi, così come non si può negare che queste nuove, discusse e discutibili, modalità di custodia hanno compromesso, e non poco, le condizioni lavorative di chi in carcere svolge la sua attività.

Questi casi, dunque, debbono far riflettere sulla necessità di mettere in campo più idonei ed efficaci strumenti che consentano a chi opera nei penitenziari di percepire, ed avere, una maggiore tutela della propria incolumità, sia fisica che psichica, così come novellato dalla norma in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Magari partendo dall’incremento del numero del personale di polizia operante. Incremento, certo, che non può essere realizzato solo con il recupero di qualche decina di unità “distratte” in compiti diversi da quelli d’istituto, ma perseguito con una serio programma di assunzione di nuove e più numerose leve di agenti penitenziari.

Contemporaneamente, destinando concreti ed adeguati fondi volti ad un, oramai improcrastinabile, ammodernamento dei luoghi di lavoro, e, in taluni casi, a realizzare nuovi posti di servizio con una architettura più rispondente alle attuali modalità lavorative.

Arrivare, pertanto, a generare nel nostro ambiente lavorativo un vero, reale ed unanime concetto di sicurezza che contemperi da un lato l’indispensabile esigenza di governo e di buona custodia degli istituti penitenziari, più note come “ordine e disciplina”, e dei loro “utenti” detenuti e, dall’altro, l’altrettanto imprescindibile necessità di fare di ogni luogo di lavoro, quindi anche il carcere, un luogo sicuro dove poter lavorare.

 


Scritto da: Luca Ripa
(Leggi tutti gli articoli di Luca Ripa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia
Protesta nel carcere di Reggio Calabria: battitura delle inferriate da parte di 80 detenuti in alta sicurezza
Detenuto di 22 anni non rientra nel carcere minorile di Airola dopo la partita di calcio
Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali
Ancora telefonini nel carcere di Avellino. Telefoni trovati nella sezione alta sicurezza
Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo
Così droga, cellulari e armi entrano nel carcere di Foggia
carcere di Brescia. detenuto tenta di colpire un medico con uno sgabello


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Videoconferenze ancora con queste richieste , cambia argomento qualche volta e goditi la pensione lascia che di servizi traduzione si occupino l'esperti responsabili ntp , le videoconferenze costano

Di  Anonimo  (inviato il 09/12/2017 @ 10:28:56)


n. 4


bravissimo bonzo. SUBITO LE VIDEOCONFERENZE....E CHIUDIAMO IL CARCERE DI fERMO

Di  AYEYE  (inviato il 09/12/2017 @ 09:23:17)


n. 3


Leggo di un mezzo in avaria durante una traduzione per udienza. VIDEOCONFERENZE per i processi a distanza ancora niente? Nessuno si decide a proporle?

Di  bonzo  (inviato il 08/12/2017 @ 22:18:33)


n. 2


Cosa aspettano a mandare tutti quanti a lavorare in istituti penitenziari diano un taglio agli sprechi e mandino tutti in miniera .

Di  Anonimo  (inviato il 05/12/2017 @ 12:20:31)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

50.19.34.255


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

4 Ma chi siamo?

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia





Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

5 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

6 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

9 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

10 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia


  Cerca per Regione