Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Depenalizzazione, messa alla prova e pena della reclusione presso abitazione


Polizia Penitenziaria - Depenalizzazione, messa alla prova e pena della reclusione presso abitazione

Notizia del 21/12/2011

in Attualita

(Letto 4665 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Depenalizzazione, sospensione del procedimento con messa alla prova, pene detentive non carcerarie, nonché sospensione del procedimento nei confronti degli irreperibili:

a)

depenalizzazione

: si prevede la trasformazione in illecito amministrativo dei reati puniti con la sola pena pecuniaria, con esclusione dei reati in materia di edilizia urbanistica, ambiente, territorio e paesaggio, immigrazione, alimenti e bevande, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, sicurezza pubblica. Sono inoltre escluse dalla depenalizzazione le condotte di vilipendio comprese tra i delitti contro la personalità dello Stato. Il termine per l’attuazione della delega è di diciotto mesi.

b) sospensione del procedimento nei confronti degli irreperibili: coerentemente con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo si tende a garantire l’effettiva conoscenza del processo. La delega prevede che la sospensione del dibattimento comporta una sospensione della prescrizione per un periodo pari a quello previsto per la prescrizione del reato; quindi se il reato si prescrive in 6 anni, il corso della prescrizione sarà sospeso per 6 anni, dopo i quali ricomincerà a decorrere. Questo periodo dovrà servire a portare il processo a conoscenza dell’imputato. La sospensione del processo non opera nei casi in cui si può presumere che l’imputato abbia conoscenza del procedimento, ad esempio quando è stato eseguito un arresto, un fermo o una misura cautelare o nei casi di latitanti (che si sono volontariamente sottratti alla conoscenza del processo). La sospensione del procedimento non opera nei casi di reato di mafia, di terrorismo o degli altri reati di competenza delle Direzioni distrettuali.

c) sospensione del procedimento con messa alla prova: è prevista in caso di reati non particolarmente gravi (puniti con pene detentive non superiori a quattro anni). La sospensione con messa alla prova è rimessa a una richiesta dell’imputato, da formularsi non oltre la dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado. La messa alla prova consiste in una serie di prestazioni, tra le quali un’attività lavorativa di pubblica utilità (presso lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato), il cui esito positivo determina l’estinzione del reato. Potrà essere concessa soltanto una volta (o due, purché non si tratti di reati della medesima indole) a condizione che il giudice ritenga che l’imputato si asterrà dal commettere ulteriori reati.

d) pene detentive non carcerarie: è prevista l’introduzione di due nuove pene detentive non carcerarie: la reclusione e l’arresto presso l’abitazione o altro luogo di privata dimora. Queste pene sono destinate a sostituire la detenzione in carcere in caso di condanne per reati puniti con pene detentive non superiori a quattro anni. Le nuove pene saranno applicate direttamente dal giudice della cognizione, con notevoli vantaggi processuali. Si tratta di modifiche in linea con gli obiettivi generali del provvedimento legislativo, che intende realizzare una equilibrata “decarcerizzazione” e dare effettività al principio del minor sacrificio possibile della libertà personale.

 

«Delega al Governo in materia di depenalizzazione, sospensione del procedimento con messa alla prova, pene detentive non carcerarie, nonché sospensione del procedimento nei confronti degli irreperibili» - Schema di decreto legge)


 

Schema di disegno di legge (*)
«Delega al Governo in materia di depenalizzazione, sospensione del procedimento con messa alla prova, pene detentive non carcerarie, nonché sospensione del procedimento nei confronti degli irreperibili».

Art. 1
(Delega al Governo in materia di depenalizzazione, sospensione del procedimento con messa alla prova, pene detentive non carcerarie, nonché sospensione del procedimento nei confronti degli irreperibili)

1. Il Governo è delegato ad adottare uno o più decreti legislativi in materia di depenalizzazione, sospensione del procedimento con messa alla prova, pene detentive non carcerarie, nonché sospensione del procedimento nei confronti degli irreperibili, secondo i principi e criteri direttivi specificati negli articoli 2, 3, 4 e 5, realizzando il necessario coordinamento con le altre disposizioni vigenti.

Art.2
(Depenalizzazione)

1. Il decreto legislativo in materia di depenalizzazione è adottato nel rispetto dei seguenti principi e criteri direttivi:
a) trasformare in illeciti amministrativi tutti i reati per i quali è prevista la sola pena della multa o dell'ammenda, ad eccezione delle seguenti materie:
l) delitti contro la personalità dello Stato;
2) edilizia e urbanistica;
3) ambiente, territorio e paesaggio;
4) immigrazione;
5) alimenti e bevande;
6) salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
7) sicurezza pubblica;
b) trasformare in illeciti amministrativi le seguenti contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto o dell'ammenda:
1) art. 652, 659, 661, 668 e 726 del codice penale;
2) art. 11, comma 1 della L. 8 gennaio 1931 n. 234;
3) art. 171-quater, comma 1 della L. 22 aprile 1941 n. 633;
4) art. 3, comma 1 del D.lgs. lgt. 4 agosto 1945 n. 506;
5) art. 4, comma 7 della L. 221uglio 1961 n. 628;
6) art. 15, comma 2 della L. 28 novembre 1965 n. 1329;
7) art.4, comma 3 della L. 13 dicembre 1989 n. 401;
8) art. 16, comma 9 della L. 7 marzo 1996 n. 108;
9) art.18, comma 4 del d.lgs. 10 settembre 2003 n. 276;
10) art.7, comma 1 della L. 17 agosto 2005 n. 173;
11) art. 37, comma 5, 38, comma 4 e 55-quinquies, comma 9, del d.lgs. 11 aprile 2006 n. 198.
c) per i reati trasformati in illeciti amministrativi, prevedere come sanzione principale il pagamento di una somma di denaro compresa tra un minimo di Euro 300,00 ed un massimo di Euro 15.000 e, nelle ipotesi di cui alla lettera
b), eventuali sanzioni amministrative accessorie consistenti nella sospensione di facoltà e diritti derivanti da provvedimenti dell'amministrazione;
d) prevedere che le sanzioni di cui alla lettera c) siano graduate in ragione della gravità della violazione, della reiterazione dell'illecito, dell'opera svolta per eliminare o attenuare le sue conseguenze, nonché della personalità dell'agente e delle sue condizioni economiche;
d) individuare l'autorità competente ad irrogare le sanzioni di cui alla lettera c) secondo i criteri di riparto indicati nell'art. 17 della legge 689/1981;
e) prevedere che, nei casi in cui sia stata irrogata la sola sanzione pecuniaria, il procedimento è estinto mediante il pagamento, anche rateizzato, di un importo pari alla metà della stessa.

Art.3
(Sospensione del procedimento con messa alla prova)

1. Il decreto legislativo in materia di sospensione del procedimento con messa alla prova è adottato nel rispetto dei seguenti principi e criteri direttivi:
a) prevedere che, nei procedimenti relativi a contravvenzioni o a delitti puniti con la pena pecuniaria o con la pena detentiva, sola o congiunta alla pena pecuniaria, non superiore a quattro anni, il giudice, su richiesta dell'imputato, possa disporre la sospensione del procedimento con messa alla prova;
b) prevedere che la richiesta di cui alla lettera a) possa essere effettuata fino alla dichiarazione di apertura del dibattimento;
c) prevedere che la messa alla prova consista nella prestazione di lavoro di pubblica utilità, nonché nell'osservanza di eventuali prescrizioni relative ai rapporti con il servizio sociale o con la struttura sanitaria, alla dimora, alla libertà di movimento, al divieto di frequentare determinati locali, all'eliminazione delle conseguenze dannose derivanti dal reato; prevedere che nel corso della messa alla prova, le prescrizioni possano essere modificate dal giudice, anche su segnalazione dei servizi sociali;
d) prevedere che la sospensione del procedimento con messa alla prova non può essere concessa più di due volte o più di una volta se si tratta di reato delitti della stessa indole;
e) prevedere che il lavoro di pubblica utilità consiste in una prestazione non retribuita, di durata non inferiore a dieci giorni, in favore della collettività da svolgere presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato. La prestazione deve essere svolta con modalità che non pregiudichino le esigenze di lavoro, di studio, di famiglia e di salute del condannato e la sua durata giornaliera non può superare le otto ore;
f) prevedere che al termine della messa alla prova, il giudice dichiara con sentenza estinto il reato se, tenuto conto del comportamento dell'imputato, ritiene che la prova abbia avuto esito positivo;
g) prevedere che la messa alla prova è revocata nei casi di grave o reiterata trasgressione alle prescrizioni imposte, di rifiuto alla prestazione del lavoro di pubblica utilità, o di commissione, durante la messa alla prova, di un nuovo delitto non colposo ovvero di un reato della medesima indole;
h) prevedere che in caso di esito negativo della messa alla prova, il processo riprenda il suo corso e che, ai fini della determinazione della pena, cinque giorni di prova sono equiparati a un giorno di pena detentiva ovvero a 38 Euro di pena pecuniaria.

Art.4
(Pene detentive non carcerarie)

1. Il decreto legislativo in materia di pene detentive non carcerarie è adottato nel rispetto dei seguenti principi e criteri direttivi:
a) prevedere che, per i delitti puniti con la reclusione non superiore nel massimo a quattro anni, la pena detentiva principale è la reclusione presso l'abitazione o altro luogo di privata dimora, anche per fasce orarie o giorni della settimana, in misura non inferiore a un mese e non superiore a quattro anni;
b) prevedere che per le contravvenzioni punite con la pena dell'arresto, la pena detentiva principale è l'arresto presso l'abitazione o altro luogo di privata dimora, anche per fasce orarie o giorni della settimana, in misura non inferiore a quindici giorni e non superiore a due anni;
c) prevedere che, nei casi indicati nelle lettere h) e i) il giudice possa prescrivere particolari modalità di controllo, mediante mezzi elettronici o altri strumenti tecnici;
d) prevedere che il giudice possa applicare la pena della reclusione o dell'arresto, in sostituzione delle pene previste nelle lettere h) e i), qualora non vi sia un'abitazione o altro luogo di privata dimora idonei ad assicurare la custodia del detenuto.

Art. 5
(Sospensione del procedimento nei confronti degli irreperibili)

1. Il decreto legislativo in materia di sospensione del processo nei confronti di imputati irreperibili, in attuazione del principio della effettiva conoscenza del processo, è adottato nel rispetto dei seguenti principi e criteri direttivi:
a) prevedere che quando la citazione a giudizio non è stata notificata all'imputato a mani proprie o di persona convivente o del domiciliatario, il giudice debba rinnovare la citazione e, se neppure in questo modo, è possibile la notifica all'imputato, sospendere il dibattimento;
b) prevedere che, a seguito della sospensione del dibattimento, la prescrizione è sospesa per un periodo pari al termine massimo previsto per la prescrizione del reato;
c) prevedere che nel processo sospeso il giudice possa disporre gli atti urgenti;
d) prevedere che il provvedimento di sospensione e il decreto di citazione a giudizio siano inseriti nella banca dati di cui all'art. 8 della legge 1 aprile 1981, n. 121, e nel casellario giudiziale, ai fini della loro notifica all'imputato;
e) prevedere che il meccanismo della sospensione del procedimento non operi nei seguenti casi: arresto, fermo o misura cautelare eseguiti nel corso del procedimento; quando vi è la prova che l'imputato sia comunque a conoscenza del fatto che si procede nei suoi confronti ovvero si è volontariamente sottratto alla conoscenza del processo o di atti del medesimo; procedimenti relativi ai reati di cui agli artt. 51 comma 3-bis e 3- quater c.p.p.

Art.6
(Disposizioni comuni)

1. I decreti legislativi previsti dal!'articolo 2 sono adottati entro il termine di diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge su proposta del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, e successivamente trasmessi al Parlamento, ai fini dell'espressione dei pareri da parte delle Commissioni competenti per materia che sono resi entro il termine di trenta giorni dalla data di trasmissione, decorso il quale i decreti sono emanati anche in mancanza dei pareri. Qualora detto termine venga a scadere nei trenta giorni antecedenti allo spirare del termine previsto dal primo periodo o successivamente, la scadenza di quest'ultimo è prorogata di sessanta giorni.
2. Nella stesura dei decreti legislativi il Governo tiene conto delle eventuali modificazioni della normativa vigente comunque intervenute fino al momento dell'esercizio della delega.
3. I decreti legislativi di cui al comma l contengono, altresì, le disposizioni necessarie al coordinamento con le altre norme legislative vigenti nella stessa materia.
4. Entro diciotto mesi dall'entrata in vigore dell'ultimo dei decreti di cui al presente articolo, possono essere emanati uno o più decreti correttivi ed integrativi con il rispetto del procedimento di cui al comma 1.

(* Il provvedimento potrebbe subire delle modifiche nella fase di coordinamento che precede la pubblicazione in G.U.)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


si sembra una legge per i colletti bianchi hahahhhahahah va be non possono fare mai una legge x tutti

Di  bart  (inviato il 08/12/2012 @ 13:03:39)


n. 1


Si alla messa in prova, NO all' amnistia!!!

Di  jek  (inviato il 23/12/2011 @ 23:42:03)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.179.146


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione