Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Detenute madri: interrogazione parlamentare su mancata attuazione della Legge


Polizia Penitenziaria - Detenute madri: interrogazione parlamentare su mancata attuazione della Legge

Notizia del 04/02/2016

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 291 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-05233
presentata da
MAURIZIO ROMANI 
giovedì 4 febbraio 2016, seduta n.573

Maurizio ROMANI, BENCINI, MOLINARI, BIGNAMI - Al Ministro della giustizia - Premesso che:

legge n. 40 del 2001 ha introdotto importanti modifiche al codice di procedura penale favorendo l'accesso delle madri con minori a carico alle misure cautelari alternative alla detenzione;

la legge n. 62 del 2011 dispone all'articolo 1, comma 1, che quando imputati siano donna incinta o madre di prole di età non superiore a 6 anni con lei convivente, ovvero padre, qualora la madre sia deceduta o assolutamente impossibilitata a dare assistenza alla prole, non può essere disposta né mantenuta la custodia cautelare in carcere, salvo che sussistano esigenze cautelari di eccezionale rilevanza. La detenzione sarà disposta presso un istituto a custodia attenuata per detenute madri (ICAM) ove istituito;

prevede, all'articolo 4, che entro 180 giorni il Ministro della giustizia determini, d'intesa con la Conferenza Stato-città ed autonomie locali, le caratteristiche tipologiche delle case famiglia protette previste dall'articolo 284 del codice di procedura penale e dagli articoli 47-ter e 47-quinquies della legge n. 354 del 1976, e successive modifiche. Introduce inoltre la possibilità in capo al Ministro di stipulare con gli enti locali convenzioni volte ad individuare le strutture idonee ad essere utilizzate come case famiglia protette;

lo stanziamento economico previsto dalla legge n. 62 del 2011 per l'attivazione ed il funzionamento degli istituti a custodia attenuata per detenute madri è stato di 11,7 milioni di euro;

l'8 marzo 2013 il Ministro ha emanato il decreto che regolamenta le caratteristiche tipologiche delle case famiglia protette. Queste devono avere caratteristiche tali da consentire agli ospiti una vita quotidiana ispirata a modelli familiari, tenuto conto del prevalente interesse del minore, e possono ospitare non oltre 6 nuclei di genitori con i rispettivi figli;

dai dati trasmessi dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria emerge che, al 21 maggio 2015, erano complessivamente presenti negli istituti penitenziari, ICAM o sezioni nido presso gli istitutipenitenziari 36 detenute madri con 38 minori;

il 9 giugno 2015, rispondendo alla Camera dei deputati all'atto di sindacato ispettivo 3-00492 relativo all'effettiva attuazione degli ICAM, il Sottosegretario di Stato per la giustizia ha informato che, oltre alla struttura milanese nata nel 2007, si è provveduto alla realizzazione di analoga struttura a Venezia nel luglio 2013, a cui nell'ultimo periodo si sono aggiunti: l'ICAM di Senorbì, in Sardegna, istituito il 12 giugno 2014, in grado, ad oggi, di ospitare 6 detenute madri e un detenuto padre; l'ICAM di Torino, entrato in funzione il 20 aprile 2015, che ospiterà anche l'utenza della Liguria;

per la Toscana, il 29 gennaio 2015 è stato approvato il progetto di ristrutturazione dell'immobile, destinato ad ICAM, di proprietà dell'opera pia "Madonnina del Grappa" e la cessione in comodato d'uso all'amministrazione penitenziaria era prevista per febbraio 2016. Per la Campania, è stato predisposto il progetto volto a destinare la struttura di Lauro a ICAM, al fine di accogliere anche l'utenza delle regioni Abruzzo e Molise. L'avvio dei lavori era previsto entro la fine del 2015;

considerato che:

a distanza di 5 anni dall'approvazione della legge n. 62 del 2011 l'istituto a custodia attenuata che avrebbe dovuto accogliere in Toscana le detenute madri con i lori figli, comprese quelle provenienti dal carceredi Sollicciano già al centro di molte denunce per le condizioni di detenzione, sembra lontano dall'essere attivato;

il mantenimento della relazione tra madre e bambino, come fondamento delle misure cautelari alternative a favore delle detenute madri, ed in linea con quanto stabilito dalla Convenzione per i diritti del fanciullo, rende queste strutture lo strumento più adeguato per tutelare l'interesse superiore del minore. Naturalmente a condizione che vi siano le risorse adeguate;

molto può essere fatto, anche dal punto di vista normativo, sul piano dell'accesso alle misure alternative. L'accesso è infatti limitato ai casi in cui non vi siano esigenze cautelari di eccezionale rilevanza. Va detto che se, da un lato, l'esclusione dall'accesso a misure alternative alla detenzione da parte di chi si è macchiato di crimini particolarmente gravi, come ad esempio la criminalità organizzata, appare di buon senso, dall'altro, è necessario considerare che nella maggior parte dei casi il mancato accesso a misure alternative è legato alla recidiva. Questo impedisce alla detenuta di beneficiare delle misure alternative anche qualora reiteri più volte un reato minore,

si chiede di sapere:

se e come il Ministro in indirizzo intenda procedere al fine di assicurare, nel più breve tempo possibile, l'applicazione della legge n. 62 del 2011;

quale sia lo stato di avanzamento dell'attivazione degli istituti a custodia attenuata per detenute madri che ancora non risultano operativi;

quanto degli 11,7 milioni di euro stanziati, ai sensi dell'art. 5 della legge n. 62 del 2011, sia stato impiegato ed in quale modo;

se intenda stipulare con gli enti locali convenzioni volte ad individuare le strutture idonee ad essere utilizzate come case famiglia protette, così come previsto dall'articolo 4 della legge n. 62 del 2011;

se non ritenga utile rivedere i criteri di accesso alle misure alternative alla detenzione in favore delle detenute madri, con l'obiettivo di renderli più equi e nell'interesse primario della tutela del minore.

(4-05233)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.155.163


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione