Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Detenuti mafiosi nelle carceri sarde: interrogazione parlamentare sulle criticità degli istituti


Polizia Penitenziaria - Detenuti mafiosi nelle carceri sarde: interrogazione parlamentare sulle criticità degli istituti

Notizia del 29/07/2015

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 524 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-06188
presentato da
PILI Mauro
testo di
Mercoledì 29 luglio 2015, seduta n. 471

PILI. — Al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che: 
in 15 giorni il carcere sardo di Bancali, Sassari, è stato trasformato in una polveriera di mafia e camorra; 
un vero e proprio inferno con ospiti che vanno dai killer delle stragi al capo dei Santapaola; 
nella struttura nonostante questi nuovi arrivi mancano 116 agenti, la struttura sanitaria è inesistente con gravissime ripercussioni sulla sanità sassarese già in crisi; 
alla conta del 27 luglio 2015 i detenuti in regime di 41-bis nel carcere di Bancali erano 67; 
ne arriveranno una decina ancora, poi il grande danno alla Sardegna sarà compiuto; 
in meno di quindici giorni, con voli di Stato, gestiti ad avviso dell'interrogante, in regime di segretezza, hanno trasformato il carcere di Bancali in una vera e propria polveriera di mafia e camorra; 
ci sono tutti, dal braccio destro del capo dei capi al numero uno dei Santapaola, dal padrino alla mente delle stragi che hanno funestato la Campania e non solo; 
sono stati trasportati a due a due, svuotando le celle dei reparti destinati al regime di cui all'articolo 41-bis di mezza Italia; 
si tratta, secondo l'interrogante, di un atto vigliacco e gravissimo dello Stato che mette l'intera isola a rischio infiltrazioni; 
da anni l'interrogante denuncia questo rischio di infiltrazioni ed ora anche i magistrati di primo piano lanciano l'allarme; 
quando ci si renderà conto di quanto è avvenuto in questi giorni in Sardegna potrebbe essere troppo tardi; 
concentrare su unico carcere questo tipo di personaggi non solo è una «follia» politica, ma è un errore madornale sul piano della lotta alla mafia; 
lo dicono maggiori esperti della lotta alla mafia; 
si è trasformato di fatto il carcere di Bancali in un grande centro di coordinamento della mafia, della camorra e della ’ndrangheta; 
tutto questo con agenti ridotti all'osso, sia nel carcere ordinario che nel braccio dei capimafia; 
sui 425 agenti previsti nella pianta organica ce ne sono in servizio appena 309; 
un buco di 116 agenti che pesa come non mai nella già complessa gestione della sicurezza di un carcere di quella portata; 
niente vigilanza esterna, passeggi sui muri praticamente inesistenti; 
lo stesso corpo speciale che si occupa dei detenuti in regime di 41-bis è ridotto ai minimi termini; 
in servizio ce ne sono appena 40, ma dovrebbero essere più del doppio; 
il servizio sanitario è totalmente inesistente con un modestissimo lettino per le visite e una cardiolina, poi per il resto solo tubi a mezz'aria per collegare acqua e corrente per attrezzature che non ci sono e non arriveranno; 
una gestione sanitaria che rischia di mandare in tilt la stessa struttura del pronto intervento della Asl che dovrà sottrarre mezzi e uomini al territorio per soddisfare le esigenze del carcere; 
a questo si aggiunge che nei codici è previsto un repartino penitenziario all'ospedale cittadino, ma non vi è traccia; 
ad avviso dell'interrogante si sta gestendo una polveriera con la pressappochezza di chi sta maneggiando un petardo; 
si tratta del più grave atto dello Stato verso la Sardegna compiuto in maniera silenziosa; 
approfittando del caldo estivo, nel silenzio delle istituzioni e con un comportamento del Governo che appare all'interrogante spregiudicato è stato messo a segno un trasferimento che potrebbe segnare un passaggio gravissimo nella storia della Sardegna; 
non basterà la professionalità di agenti e personale e del direttore del carcere ad arginare il gravissimo pericolo di infiltrazioni mafiose; non basterà l'allerta lanciato dai vertici della magistratura; 
dopo questo trasferimento la Sardegna potrebbe essere davvero la prima regione a rischio di infiltrazioni mafiose e non solo; 
dentro il carcere si respira un clima surreale, con celle e reparti che in questi giorni hanno abbondantemente superato i 40 gradi ma soprattutto che vedono la presenza di personaggi protagonisti dei fatti più cruenti della storia di mafia, camorra e ’ndrangheta; 
si tratta di gente che ha commesso molti omicidi, che ha ucciso in modo spietato con autobombe, che ha messo sotto scacco città e quartieri interi con il dominio della violenza più efferata; 
ora sono chiusi in un carcere, ma appare evidente all'interrogante che spesso dai carceri hanno ordinato, gestito e pianificato le azioni dei loro clan; 
tutto questo è un rischio per la Sardegna, dove dai prossimi giorni arriveranno i familiari per gestire i rapporti; 
vi sono cento uomini in meno, con un carcere ancora in altomare sul piano sanitario; 
si tratta di una miscela esplosiva pericolosissima che costituisce un vero e proprio attacco alla Sardegna e alla sua socialità; 
non sarà un tribunale in più o in meno ad arginare questo pericolo; 
mancano uomini e mezzi dentro e fuori il carcere; 
si tratta di una vera e propria calamità contro la Sardegna per la quale bisogna elevare al massimo l'attenzione e la denuncia –: 
se non ritenga di bloccare questo trasferimento verso la Sardegna per gli evidenti pericoli che comporta e per l'errore concettuale di quello che all'interrogante appare un trasferimento di massa; 
se non ritenga di dover revocare tali trasferimenti al fine di evitare gravi pericoli sia dentro il carcere che all'esterno; 
se non intenda chiarire di chi siano le responsabilità di questo trasferimento, avvenuto, a giudizio dell'interrogante, anche senza le minime condizioni di sicurezza e di fruibilità del carcere stesso. (5-06188)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.210.125


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

7 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

8 Riordino vuol dire mettere ordine

9 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

10 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione