Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Direzione Distrettuale Antimafia indaga sul Concorso per Agenti di Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - Direzione Distrettuale Antimafia indaga sul Concorso per Agenti di Polizia Penitenziaria

Notizia del 18/05/2016

in Il caso

(Letto 28102 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


La Dda di Roma che indaga su brogli in un concorso. Sì perché l’ipotesi è che alcuni aspiranti poliziotti penitenziari – 400 posti i concorso – possano essere degli infiltrati della criminalità organizzata. È Il Messaggero che riporta la notizia dell’ipotizzatotentativo della camorra di inserire nelle carceri italiane veri e propri infiltrati. Al concorso hanno chiesto di partecipare in 11mila.

Il Fatto Quotidiano

 

Il sospetto è che la camorra abbia tentato di infiltrarsi nelle carceri italiane e che per farlo abbia intrapreso la via ordinaria del concorso ministeriale. E non è un caso che il fascicolo sullo scandalo della selezione per 400 agenti di polizia penitenziaria, sospesa dal Dap perché 88 concorrenti sono stati trovati durante le prove con radiotrasmittenti, auricolari, bracciali con le risposte ai quiz, cellulari contraffatti, cover dei telefonini con le soluzioni, sia all'esame della procura distrettuale antimafia della Capitale. A coordinare l'indagine a carico degli 88, che alla fine di aprile erano sbarcati alla Fiera di Roma dalla Campania per superare le prove, è il procuratore aggiunto Michele Prestipino.

PROVE PRESELETTIVE DEL CONCORSO A 400 POSTI DI AGENTE: SOSPENDERE LE PROCEDURE CONCORSUALI!

POLIZIA PENITENZIARIA, SCANDALO CONCORSO PER AGENTE. SAPPE: “TENTATIVO DI INFILTRAZIONE DELLA CRIMINALITA’ E DELLA CAMORRA DIETRO I BROGLI PER ESSERE ASSUNTI COME AGENTE DI POLIZIA?”

Sono state le dichiarazioni di alcuni dei concorrenti finiti sotto accusa e i primi accertamenti sui candidati, bloccati all'esame con le risposte in tasca, a suscitare i sospetti della magistratura. I nomi di terze persone coinvolte, rivelati proprio dagli indagati che non hanno potuto negare le circostanze, avrebbero portato gli inquirenti dritto ai clan. La procura ipotizza che dietro alla falsificazione dei test potesse esserci una vera e propria connection che puntava a inserire uomini dell'organizzazione all'interno delle carceri. Le verifiche sono ancora all'inizio ma Prestipino potrebbe decidere in tempi strettissimi di modificare in associazione mafiosa il reato nel fascicolo inizialmente aperto per falso e tentata truffa.

Le indagini puntano anche ad accertare eventuali complicità all'interno del Dipartimento. A suscitare allarme e forti dubbi sulla possibilità di infiltrazioni della criminalità orgnizzata sono state anche le cifre che sarebbero state pagate per ottenere le soluzioni ai test. Troppo elevate per trattarsi di semplici mazzette e ordinaria corruzione. In alcuni casi raggiungerebbero i 25mila euro. Soldi che difficilmente un normale concorrente, che abbia la licenza media, può permettersi di pagare per superare un concorso. Gli accertamenti riguardano pure la ditta che si era aggiudicata l'appalto per le selezioni, anche quella con sede in Campania e le idoneità fisiche ottenute dai candidati.

Il concorso, che si è svolto dal 20 al 22 aprile, è stato sospeso dallo stesso Dipartimento dopo la verifica delle irregolarità. Intanto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha chiesto una relazione urgente a Santi Consolo, responsabile del Dap, per chiarire tutti gli aspetti della vicenda. Adesso spetterò all'Avvocatura dello Stato, interpellata dal Dipartimento, pronunciarsi e stabilire se sia possibile annullare la prova. Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare le prime risposte, ma riguarderanno soltanto, il piano amministrativo. Le indagini invece risultano molto più complesse. Ad accorgersi di quanto stava accadendo nei locali della Nuova fiera di Roma, nei tre giorni delle prove, è stato il personale della stessa amministrazione penitenziaria, che, dopo le voci circolate alla vigilia del concorso, aveva predisposto una task force del Nic, il Nucleo investigativo centrale del Dap, e da due commissari.

Dopo lo scandalo, anche i controlli rinforzati hanno suscitato i dubbi e le domande da parte di alcuni sindacati di polizia penitenziaria, come il Sappe, che adesso premono per l'annullamento del concorso. Alle prove per 400 posti (300 uomini e 100 donne) hanno partecipato undicimila persone. Tutti e tre i giorni, le operazioni di verifica e il sequestro del materiale, da personale della polizia penitenziaria, hanno allungato a tal punto i tempi di svolgimento dell'esame che le prove sono andate avanti fino a notte fonda, le tre del mattino il 22 aprile. È stato lo stesso Dipartimento, dopo un'indagine interna, a inviare gli atti in procura.

Il Messaggero

Indagini su infiltrazioni della camorra nella Polizia Penitenziaria, DAP: abbiamo agito con tempestività

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La pretesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni
Rapporto segreto del DAP: gli imam nelle carceri? Assasini, rapinatori, stupratori
Due minorenni tentano l''evasione da Nisida approfittando della lezione di teatro
Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma
Un detenuto su cinque è musulmano, la denuncia del sindacato: lingua araba e celle aperte mix pericoloso


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Siamo certamente ancora nel campo delle ipotesi, ed il condizionale è d'obbligo per qualunque pensiero.
Ma quando un'organizzazione criminale punta alle istituzioni in modo così palese e spregiudicato, è perché dall'altra parte ha constatato una parte molle delle istituzioni stesse.
Credo sia davvero giunto il momento di far confluire questo Corpo storico e glorioso in una "casa" che possa maggiormente proteggerlo. Meglio diventare una specializzazione di qualcun altro che andare verso il nulla assoluto.

Di  pino  (inviato il 19/05/2016 @ 09:14:55)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.75.207


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta

10 Detenuti decapitati e lanciati fuori dalle finestre: è di 60 morti il bilancio della rivolta nel carcere brasiliano


  Cerca per Regione