Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Disordini di Ancona Montacuto: Direttore e Comandante “purgati” dal DAP, sono gli unici responsabili?


Polizia Penitenziaria - Disordini di Ancona Montacuto: Direttore e Comandante “purgati” dal DAP, sono gli unici responsabili?

Notizia del 15/12/2011

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3437 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Stiamo iniziando a raccogliere i frutti di una stagione di amministrazione penitenziaria dissennata e senza prospettive iniziata più di sei anni fa. L’emergenza c’era da tempo, c’era ancora prima dell’indulto del 2006 che proprio un’altra emergenza aveva avuto la pretesa di risolvere. Il Sappe aveva già preannunciato il risultato di quella incapacità a programmare, a leggere le statistiche e prevederne le conseguenze. Paradossalmente tutto si è complicato nell’estate del 2006 dopo il famoso provvedimento dell’indulto che aveva sì svuotato le carceri, ma al quale non era seguito null’altro.

Il Sappe aveva ammonito, chiesto, supplicato, di intervenire con provvedimenti di lungo periodo come un maggiore ricorso alle misure alternative, magari con un maggiore impiego ed utilizzo della Polizia Penitenziaria nei controlli di esecuzione penale esterna. Ma in molti hanno preferito “tirare a campare” se non addirittura prendersi i meriti di una pax-penitenziaria dovuta all’improvviso dimezzamento della popolazione detenuta.

La colpa è stata sicuramente dei politici che non hanno voluto vedere al di là del proprio mandato elettorale e si sono rifiutati di impegnarsi in provvedimenti strutturali che ci avrebbero permesso, oggi, di gestire un sistema penitenziario degno di una società progredita. Ma una consistente parte di responsabilità è sicuramente da attribuire anche a quegli oscuri amministratori dipartimentali che si sono sempre nascosti dietro il proprio “anonimato mediatico”. Persone che a stento sono ri-conosciute nella nostra stessa amministrazione e che diventano perfetti sconosciuti appena varcano la soglia del DAP o dei PRAP.

In mezzo ci sono stati i vari Capo e Vice Capo Dipartimento che avrebbero dovuto fare da cerniera tra l’amministrazione reale e la politica, ma essendo loro stessi un sotto-prodotto della politica, si sono guardati bene dallo svolgere quel compito di Dirigente dello Stato che a loro è affidato e per il quale sono profumatamente pagati e riveriti da noi tutti. Avrebbero dovuto ascoltare cosa va dicendo da anni la Polizia Penitenziaria, avrebbero dovuto utilizzarla e guidarla, avrebbero dovuto difenderla e preservarla. E’ troppo facile fare discorsi di encomio durante la Festa del Corpo e poi voltarsi dall’altra parte per non sentire l’olezzo che proviene dalle carceri e in cui il Corpo di Polizia Penitenziaria lavora tutti i giorni.

Capi e Vice Capo che avrebbero dovuto visitare le carceri non solo a ferragosto e non solo “di sorpresa”.

Da mesi si susseguono disordini (e che per fortuna ancora non sono vere e proprie rivolte) in parecchie carceri. Suicidi di detenuti e poliziotti. Aggressioni, intimidazioni e ritorsioni agli agenti, ma tutto ciò avrebbe un senso e una prospettiva di via d’uscita, se ci fossero Dirigenti, uomini di Stato, capaci di prendere in mano la situazione ed assumere provvedimenti immediati, ma con uno sguardo al futuro e con un progetto nella tasca.

Ancona Montacuto per esempio. Proprio ieri sono stati “purgati” il Direttore e il Comandante di Reparto del carcere e messi a disposizione del Provveditore, appena pochi giorni dopo la “rivolta” di una ventina di detenuti iniziata nel pomeriggio dell’8 dicembre. Il giorno prima c’era stata la visita a sorpresa del Capo del DAP proprio al Montacuto.

Delle due l’una: o in Capo del DAP durante la sua visita si è accorto di storture tali da indicare nel Direttore e nel Comandante i responsabili di una situazione pericolosa (motivo per il quale i detenuti hanno protestato il giorno dopo), oppure siamo di fronte ad un classico esempio di scaricabarile e si è preferito dare subito una dimostrazione di forza e di efficienza purgando i due, sacrificandoli per non dover affrontare la nuda e cruda evidenza della propria incapacità. Perché anche se i due fossero davvero colpevoli di chissà cosa, dove erano i loro superiori durante tutto questo tempo? Chi doveva controllarli, gestirli, amministrarli, dare loro un indirizzo? Chi è a Capo di tutta questa catena di comando la quale sta pericolosamente scricchiolando da mesi e che potrebbe crollare da un momento all’altro?

Se non si ha il coraggio e la capacità di darsi una risposta magari guardandosi in faccia allo specchio, allora purghiamo pure il Comandante D’Errico che al Montacuto era arrivato nemmeno un mese fa è che da giorni era in ferie quando si è scatenata la protesta. Quello stesso Comandante D’Errico prossimo al pensionamento che aveva proposto di intitolare il Carcere di Alba alla memoria di Giuseppe Montalto e che questa stessa rivista, con un articolo di Nuvola Rossa, aveva raccolto e riproposto al Capo DAP visto che da mesi il DAP non si era nemmeno degnato di dare una risposta…

E allora viene da chiedersi se i due “purgati” non siano altro che il risultato di un disperato tentativo di interventismo per gettare fumo negli occhi della neo Ministra, che nelle prossime settimane dovrà confermare o meno l’incarico all’attuale Capo del DAP, cercandola di distoglierla dalle naturali considerazioni e bilanci che una persona saggia e competente come la Severino, spontaneamente (e speriamo velocemente) si farà prima o poi.

Leggi anche: Ancona: reintegrati ai loro posti la direttrice ed il comandante del carcere. Finalmente giustizia e’ stata fatta

Leggi anche: Il capro espiatorio e la cattiva coscienza del DAP

Leggi anche: Montacuto, agenti penitenziari solidali con 'epurati' dal DAP 


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


Il Presidente Ionta ha ormai creato uno scollamento tra la base che lavora nelle carceri e il suo ufficio di staff che continua a fare di tutto per compiacerlo pur in presenza di giuste critiche che probabilmente vengono accuratamente censurate o gli vengono sottoposte con ritardo e dopo una serie di pressioni mediatiche, come il Caso Alba e Giuseppe Montalto. A questo punto credo che il nostro NON beneamato Presidente si debba solo dimettere dall'incarico poichè a mio parere ha dimostrato di non saper difendere i suoi "figli". Rimuovere un direttore ed un comandante dopo una piccola sommossa....nemmeno al tempo degli agenti di custodia.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 18/12/2011 @ 15:22:54)


n. 3


Il ministro della Giustizia Paola Severino ha ricevuto dal capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria Franco Ionta prassicurazioni sul fatto che la rivolta nel carcere di Ancona "è rientrata e che non ci sarebbero feriti né tra i detenuti né tra il personale di polizia penitenziaria". Ne ha dato notizia il ministero della Giustizia, rendendo noto che appena appresa notizia della rivolta la Guardasigilli Severino si era "immediatamente messa in contatto" con Ionta per seguire l'evoluzione della vicenda.
Questo e'qunto dichiarato dal ns,. picolo grande uomo Ionta tutto ok... si fa bello con il Ministro dicendo tutto ok e chiede la rimozione dei vertici.
Caro Presidente l'invito di un direttore di un istituto di rilievo e'di dimetterti prima che oramai sono prox i tuoi gg.
Lei ha defenestrato un direttore senza motivi quindi faccia un atto responsabile prima che il Ministro conosca la verità, artatamente falsata da Lei e dal Suo ufficio Stampa SI DImetta.
Lei ha avuto un comportamento irrispettoso verso un ns. collega direttore,immotivato e senza giusta causa.E'Una vergogna condivido Franco in toto.E'ora che al capo del dap, vada un garantista che non venda fumo e faccia dei provvedimenti che non stanno ne'in cielo e ne'in terra.ùUn direttore incazzato con un Capo che cosi'non si e'rilevato anzi'Un personaggio contro i direttori e i comandanti.
Rimetta subito al suo posto il direttore e il comandante e gli chieda scusa salvi la faccia almeno, che oramai ha perso.
Grazie Nuvola rossa per gli spazi ricevuti.





Di  Anonimo  (inviato il 17/12/2011 @ 22:38:30)


n. 2


Chiunque abbia un qualsiasi "potere" verso gli altri deve avere anche un "dovere" verso gli altri, quindi sarà irresponsabile chi usufruirà dell'esercizio del potere senza adempiere il dovere. (Hans Jonas - Il principio di responsabilità)

Di  Federico  (inviato il 16/12/2011 @ 11:58:13)


n. 1


Ho letto del collega di Ancona che ha criticato il DAP in forma anonima. Immagino che ora partiranno le indagini del NIC per svelarne le generalità e segnalarno nell'agenda nera.

Di  Agente nauseato  (inviato il 15/12/2011 @ 12:46:04)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.159.180


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione