Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
DISSE LA VOLPE ALL’UVA ... Lo strano sistema dei detenuti rossi, gialli e blu.


Polizia Penitenziaria - DISSE LA VOLPE ALL’UVA ... Lo strano sistema dei detenuti rossi, gialli e blu.

Notizia del 19/01/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3556 volte)

Scritto da: Daniele Rosati

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il carcere e’ un meccanismo che si muove a due velocità diverse: sicurezza e rieducazione.
Tra responsabilità contingenti e regole utopiche, diventa sempre più complicato conciliare le esigenze di sicurezza e trattamento.
Qualche personaggio, benpensante, vive nella convinzione che il trattamento dei detenuti eserciti una forma dì sicurezza passiva negli istituti penitenziari, disinteressandosi dell’importanza della prevenzione e della sicurezza attiva; senza un adeguato piano – funzionante – di sicurezza all’interno di un istituto penitenziario, non si riesce a garantire ne la sicurezza attiva ne il trattamento e non si assicura neanche l’incolumità degli operatori che lavorano in prima linea.
Questi, bigotti - e’ una convinzione che pervade i nostri pensieri, dominati da queste idee utopiche, rendono insicuro il lavoro dei poliziotti penitenziari - nondimeno la sicurezza dei cittadini- i quali ogni giorno, hanno a che fare con una situazione contingente, dove sempre più spesso prevalgono forme di autodeterminazione e sono più frequenti fenomeni di autoconsacrazione e protagonismo nella gestione delle vicende penitenziarie, in deroga alle regole, i poliziotti penitenziari sono costretti a scendere a patti con l’utenza con accordi che talvolta non collimano tanto con il principio di legalità.

E’ soltanto una calma apparente!
I poliziotti sono chiamati a svolgere un compito esecutivo, benché sia tollerabile una certa intelligenza operativa – margine limitato di autonomia- nell’attuazione delle leggi; quel margine critico che l’operatore di polizia deve avere nella ricerca dell’elemento tipico del reato e nella comprensione ed nell’individuazione del gesto umano da perseguire penalmente e disciplinarmente.
Ciò che ci rimane difficile comprendere é come a livello morale si accetti che le difficoltà economiche del paese, ed organizzative del sistema penitenziario condizionino il perfezionamento del principio di legalità lasciando la sua concretizzazione al caso.
Nella vita e’ sempre una questione di scelte!
Gli istituti penitenziari in Italia vanno avanti grazie alla politica del compromesso.

Ma quale è il fine della pena a questo punto?
E’ cronaca di questi giorni, la nuova circolare del dipartimento sulla classificazione dei circuiti penitenziari di media sicurezza - la formula delle porte aperte in carcere - benché sia soltanto la formalizzazione di una politica che in molte prigioni italiane veniva già attuata.
Ci chiediamo: Questa circolare e’ stata studiata con il contributo del personale che lavora nelle carceri, o é, l’ennesimo strumento utopico fornito ai poliziotti penitenziari ?
La nostra più seria preoccupazione, e’ quella che dietro questo progetto si nasconda soltanto una esigenza di risparmio e non una seria politica di rieducazione dei condannati, fine ben più complesso, risultato, che non può essere conseguito soltanto con l’apertura delle celle nelle sezioni detentive.


Non vorremo risultare conservatori, ma proprio perché non ci riteniamo ipocriti, riteniamo che questo intervento sia soltanto un analgesico che riduce il dolore ma che non curi il malato.
le regole penitenziarie dovrebbero essere ripensate a 360 gradi, non con circolari ma con strumenti legislativi che tengano conto anche delle difficoltà strutturali, di complessi penitenziari che sono stati realizzati con uno scopo afflittivo, non solo rieducativo e con una strutturazione dal punto di vista delle sicurezza attiva su modello a comparti stagni, che mal si prestano alla realizzazione di un sistema di vigilanza dinamica.

Sarà la fine del motto vigilando redimere?
La classificazione a colori ricorda tanto i gironi danteschi, ma in maniera veramente controversa potrebbe rappresentare una sfumatura positiva in un mondo penitenziario in bianco e nero?
L’arcobaleno sarà la svolta che umanizzerà la pena?
Il passaggio dal sistema afflittivo a quello rieducativo?
O sarà l’ennesimo passo più lungo della gamba? Vuol essere lo strumento per gestire il sovraffollamento e la carenza di personale di polizia penitenziaria e di educatori?
Le leggi dovrebbero precorrere i tempi - leggendo preventivamente i percorsi della società - mentre forme palliative come queste sono la dimostrazione di un sistema che rincorre, arranca ... un ambiente che vedrà sempre una luce a quadri! 

Ma questa gestione più dinamica permetterà una maggiore osservazione dei detenuti condannati?
Benché proprio noi operatori del comparto stiamo chiedendo nuove regole, dovremmo essere compiaciuti che qualcuno abbia avuto il coraggio di fare cambiamenti, ma scusate la nostra schiettezza, siamo prevenuti! la prevenzione nasce da un sentimento di abbandono e di degrado in cui ogni giorno sono costretti a vivere i poliziotti penitenziari che temono che con questa, apertura, con questa dinamicità, venga posta ancora più a rischio la propria incolumità, complicando una situazione che darà soltanto l’apparenza di un sistema controllato e ordinato.
Forse, come poliziotti penitenziari viviamo questa innovazione come un paradosso, lo stesso paradosso dell’esploratore bianco di thamus.

Il passaggio da un sistema fortemente custodiale, costituito da regole d’ingaggio rigorose, ad un sistema più dinamico mette in discussione tutte quelle certezze vissute fino ad ora, e sviluppate attraverso un ragionamento lineare, perciò sarà necessario oltre a questa circolare la rideterminazione di tutte le regole d’ingaggio della polizia penitenziaria, nonché una adeguata formazione che consenta una maturazione psico-professionale dell’identità del poliziotto penitenziario.
L’operatore attraverso la formazione e l’aggiornamento, deve avere la possibilità di maturare il proprio orientamento mentale da un sistema statico, ad un sistema dinamico, che renda la propria dimensione mentale multitasking.
E’ la fine del sistema compartistico della vigilanza degli istituti penitenziari, sostituita - per causa di forza maggiore - dalla sorveglianza dinamica.
In questo anno siamo passati dall’analogico al digitale e dallo statico al dinamico!!!

Di chi saranno gli interessi sulle frequenze in questo caso?
Sicuramente non sono gli interessi della polizia penitenziaria.


Scritto da: Daniele Rosati
(Leggi tutti gli articoli di Daniele Rosati)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


E'assurdo tutto questo teniamoli aperti i detenuti e, poi chi paga quando scappano...A Pisa e a Roma che provvedimenti il Caro Presidente ha preso, credo che sia tutto ok ... Ecco l'eccesso di potere messo in campo .
Il Corpo chiede una revisione dei codici che non fanno altro che creare altro caos nel caos esistente.
Ionta è oramai la fine di un'era caotica e, speriamo che una nuova gestione oculata, vera, attenta e, non finta solo per gestire il potere in maniera autoritaria com'è fino ad adesso possa migliorare seriamente un sistema al collasso.
E'inutile dire che va tutto bene si capisce che le ultime 4 evasioni rappresentano un grosso problema per la società e il personale stesso che deve rispondere di cose che non hanno senso.
E' opportuno anche perche'non si e'sicuri di nulla se Lei rimarra' o meno, Caro Presidente, sperando piu' per la 2^ipotesi naturalmente, visto che nei suoi 4 anni circa ha fatto poco o nulla; di sospendere questa circolare dei codici perche'non rispecchia per nulla la realta'carceraria e'solo una chimera e, uno specchietto per le allodole.Al max si puo'ragionare sulle sezioni dimittendi basta e avanza credo...
Grazie per lo spazio e per la possibilita'di commentare purtroppo anonimamente, perche'si vive in uni sistema di regime, dove nessuno deve e\o puo'contestare comandanti, direttori e tantomeno chi prende credo uno stipendio senza senso, partendo dai dirigenti generali fino ai Capi Dap.
Questa è l'Italia una gestione del potere insensato, si deve abbssare gli stipendi ai politici e ci sono ancora tutti questi blasonati dirigentio che arrivano a stipendi superiori ai politici. E'solo una vergogna.
Un Gruppo di personale stanche di un sistema inabissato.

Di  Franco 1  (inviato il 19/01/2012 @ 19:28:07)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.234.61


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione