Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Dopo il recupero e la valorizzazione del busto di Minervini, ora via la vergogna della lapide di fronte ai cessi


Polizia Penitenziaria - Dopo il recupero e la valorizzazione del busto di Minervini, ora via la vergogna della lapide di fronte ai cessi

Notizia del 24/03/2015

in Memoria del Corpo

(Letto 1720 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Da una parte c'è un'amministrazione penitenziaria ottusa e integralista che ostacola in ogni modo, con ogni scusa, il trasferimento della lapide ai caduti che essa stessa ha piazzato di fronte ai cessi e che il Sappe ha proposto venisse spostata presso la scuola “Giovanni Falcone” di via di Brava a Roma.

Dall'altra parte, quegli stessi dirigenti sono tutti lì, dietro a Santi Consolo, felici e sorridenti, a rendere omaggio alla memoria di Girolamo Minervini, Procuratore Generale della Cassazione ucciso a Roma il 18 marzo del 1980 da un gruppo di sei componenti delle BR.

Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli II.P.P. (attuale Capo DAP)

Lì, dove sono stati tutti questi dirigenti, c'è stata una cerimonia dedicata al Magistrato Minervini, ucciso il giorno dopo che il Presidente del Consiglio Francesco Cossiga gli aveva confermato la nomina a Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena (l’attuale carica di Capo DAP), per intitolargli l’aula magna del Dipartimento, ove è stato posto un busto che lo raffigura, con la partecipazione del Ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Una iniziativa anche questa, come la celebrazione della Messa in memoria di Riccardo Palma, voluta da Santi Consolo (ma sarebbe meglio dire “imposta”).

Uno dei retroscena della cerimonia dedicata a Girolamo Minervini, è che il busto, per decenni e fino a qualche settimana fa, era finito in un magazzino nei sotterranei del DAP, tra il materiale da destinare al macero.

Per puro caso, un rappresentante del SAPPE lo ha notato tra i rifiuti. Possiamo testimoniarlo senza ombra di smentita. 

Busto intitolato al Giudice Girolamo Minervini, scoperto nei sotterranei del DAP
Busto del Giudice Girolamo Minervini scoperto nei sotterranei del DAP

Stavolta però, memori degli ostacoli creati (d)al DAP quando il SAPPE ha proposto lo spostamento della lapide ai caduti finita anch’essa nei sotterranei, abbiamo preferito che a “rinvenire” quel busto di Girolamo Minervini, fosse il DAP stesso, sicuri del fatto che solo la sensibilità e l’autorità di Santi Consolo avrebbe reso possibile la riscoperta e la valorizzazione della statua prima che finisse irreparabilmente in qualche discarica.

Il busto di Girolamo Minervini, d’ora in poi, ricorderà a tutti coloro che si recheranno nell’aula magna del DAP, il senso dello Stato e il sacrificio di tanti uomini caduti nell’amministrazione penitenziaria.

A maggior ragione, adesso, è giunto il momento di rendere onore e giusta considerazione anche a tutti quei caduti simbolicamente trascritti sulla lapide relegata di fronte ai cessi, che potrebbe testimoniere gli stessi valori a tutti i futuri corsisti della Scuola di formazione “Giovanni Falcone”.

Ostinarsi a non spostare la vecchia lapide dai sotterranei del DAP alla Scuola "Giovanni Falcone", magari per il solo capriccio di ostacolare una proposta del SAPPE, svuota del tutto di significato anche la cerimonia in onore e alla memoria del sacrificio di Girolamo Minervini e di tutti i caduti dell'amministrazione penitenziaria!

 

Anche il Ministro Orlando si fa prendere in giro dal DAP sulla memoria ai caduti della Polizia Penitenziaria

 

La lapide dei Caduti di fronte ai cessi: quell’ultima piccola firma necessaria da parte del DAP

 

Egregio Dott. Pagano, se un film sui detenuti vale tanto, quanto vale la memoria dei nostri Caduti?

 

Tamburino rende omaggio ai Caduti al piano terra. Ma la vecchia targa sta sempre nel seminterrato di fronte ai cessi...

 

La vecchia targa dei Caduti della Polizia Penitenziaria finisce negli scantinati!

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Purtroppo è acclarato che molti Funzionari di questa Amministrazione non hanno il benchè minimo senso di appartenenza allo Stato, non solo come nel caso della targa Dipartimentale dei caduti del Corpo, ma si può tranquillamente affermare che tale atteggiamento ormai è in uso anche in diverse sedi periferiche. Avendo girato in lungo e in largo l'Italia, ho potuto notare che ancora oggi, ad oltre vent'anni dalla riforma del Corpo e a circa quindici anni dal decreto ministeriale di cambiamento della denominazione del Dicastero della Giustizia con la c.d perdita della "Grazia", diversi Istituti e sedi dell'Amministrazione Penitenziaria, non si è ancora proceduto al cambiamento e comunque all'adeguamento dei simboli che ne indicano e ne identificano una specifica sede o presidio dell''Amministrazione Penitenziaria dello Stato, quasi a voler rimarcare la gestione personalisfica e il solito senso di distacco da quei valori che ne identificano l'appartenenza alla propria Amministrazione, in particolare molto sentito dal personale del Corpo, infatti in diversi Istituti e sedi di questa Amministrazione, continuano ad esistere targhe, lapidi, scritte, simboli o cartellonistiche identificative improprie dell'Istituzione Penitenziaria, con diciture ormai non più in uso da diversi anni, o in alcuni casi i simoli della Repubblica es: la tenuta delle bandiere o degli stemmi di presidio in pessime condizioni o in qualche caso assenti completamente, tanto da indurre qualunque cittadino, che in qualche modo ha a che fare con il settore Penitenziario, ad usare ed identificare la stessa Istituzione ed il suo personale operante, con termini inpropri, non considerandoli appartenenti tra le Amministrazioni dello Stato. Capisco che le risorse sono isigue, ma è veramente naccettabile che con tutti i quattrini che si sono sprecati in tutti questi anni, non siano state trovate risorse finanziarie per l'adeguamento delle targhe dei simboli e in genere proprie dell'Istituzione Penitenziaria. Difatto oggi è possibile e nel contempo incredibile che la stessa Amministrazione esempio: a Roma sia identificata "MINISTERO DELLA GIUS.... mentre a Milano con la "MINISTERO di GRAZIA e GIUST.... oppure CORPO di POLIZIA PEN.... e in altra sede ancora CORPO AA.CC. oppure i simboli della Repubnlica come le Bandiere siano ridotte a semplici brandelli penzolanti, o in altri casi lo stemma ad un ammasso di rughine, il tutto senza che nessuno dei lor signori, si degni di porrervi rimedio!!

Di  L’Ultimo degli Agenti  (inviato il 25/03/2015 @ 16:32:59)


n. 1


A proposito di vittime del Dovere
Scusate tanto se ve lo ricordo (cari della redazione)...non vogliatemene.
Domani desidero leggere l'articolo che ricorda la barbara uccisione del collega Ass.te Capo Luigi Bodenza, in servizio a Catania "Piazza Lanza", ucciso dalla mafia nel 1994.
Cordiali Saluti

Di  Gianni Catania  (inviato il 24/03/2015 @ 19:19:45)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.172.174


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

7 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

10 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione