Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
E alla fine siamo arrivati anche a Striscia la Notizia...


Polizia Penitenziaria - E alla fine siamo arrivati anche a Striscia la Notizia...

Notizia del 27/10/2009

in Il Pulpito

(Letto 1539 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo


La storia dei braccialetti elettronici iniziò, come qualcuno sicuramente ricorderà, un paio di anni fa, quando cominciammo ad interessarci all’iniziativa, fino ad allora a noi praticamente sconosciuta. Scoprimmo, infatti, che qualche anno prima (nel 2001) c’erano stati degli accordi trilaterali (Ministero dell’Interno, Ministero della Giustizia e Telecom Italia) su una breve sperimentazione e sul successivo utilizzo del braccialetto elettronico come sistema di controllo per alcune misure alternative alla detenzione.

Paradossalmente, di tutta quella storia fu tenuto all’oscuro proprio il Corpo di Polizia Penitenziaria... tanto per riaffermare il malcostume tutto italiano secondo il quale vengono sempre tenuti fuori dai progetti proprio gli addetti ai lavori e gli esperti del settore. Ad onor di verità, ancora oggi non sappiamo se è stato coinvolto qualcuno dell’amministrazione penitenziaria nel progetto. Inevitabilmente, e non poteva essere altrimenti, il sistema non ha funzionato e tutto l’apparato messo in piedi è rimasto inutilizzato come una cattedrale nel deserto.

E, purtroppo, stiamo parlando di un apparato da milioni di euro. Una centrale nazionale presso la sede Telecom Italia di Roma Nord e centinaia di centrali provinciali istallate presso i rispettivi comandi di Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza.

Si, avete capito bene... presso le sedi provinciali di tutte le Polizie a competenza generale tranne che presso uffici e servizi dell’unica Polizia a competenza esclusiva sull’esecuzione penale. E di che cosa stiamo parlando? Proprio di esecuzione penale.

La storia. Con la legge 19 gennaio 2001, n. 4, fu introdotta, per la prima volta in Italia, la possibilità di far ricorso all’uso del braccialetto elettronico per i detenuti ammessi alle misure alternative alla detenzione.

Poco dopo, con Decreto del 2 febbraio 2001, il Ministro dell’Interno, di concerto con il Ministro della Giustizia, ha regolamentato le Modalità di installazione ed uso e descrizione dei tipi e delle caratteristiche dei mezzi elettronici e degli altri strumenti tecnici destinati al controllo delle persone sottoposte alla misura cautelare degli arresti domiciliari nei casi previsti dall’art. 275-bis del codice di procedura penale e dei condannati nel caso previsto dall’art. 47-ter, c. 4-bis, della legge 26/7/1975, n.354. Purtroppo, però, dopo un breve periodo di sperimentazione su un limitato numero di soggetti, si è persa ogni traccia del dispositivo e dal novembre del 2006 ad oggi sono stati utilizzati soltanto un paio di braccialetti.

Nel frattempo, però, non si è fermato l’obbligo di pagare il canone a Telecom Italia per l’uso degli apparati e delle linee dedicate al servizio: 11 milioni di euro l’anno. Eppure lo stesso strumento è stato adottato con successo in molti altri Paesi come gli Stati Uniti, l’Australia, il Canada, la Svezia, la Svizzera, la Germania, l’Inghilterra, la Francia e la Spagna. In Inghilterra, in particolare, il braccialetto elettronico dal 1997 ad oggi è stato applicato a quasi centocinquantamila persone che hanno usufruito della detenzione domiciliare monitorata elettronicamente. Secondo l’ultimo dato significativo, prima dell’indulto nel 2005, le misure alternative concesse in Italia sono state circa cinquantamila, nel corso dell’anno. In semilibertà c’erano circa tremilacinquecento persone. In detenzione domiciliare altre quindicimila.


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.157.210.33


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna





Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

10 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore


  Cerca per Regione