Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
E mo’ gliene diciamo quattro! (Lo speakers’ corner del Sappe)


Polizia Penitenziaria - E mo’ gliene diciamo quattro! (Lo speakers’ corner del Sappe)

Notizia del 06/05/2013

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 32846 volte)

Scritto da: Agente Furioso

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il Consiglio Nazionale del Sappe, in quel di Abano, ha deliberato di organizzare una ennesima manifestazione di protesta davanti al dipartimento di Roma (credo sia la sesta o la settima in un anno … abbiamo perso il conto).

LEGGI LA LETTERA DEL SAPPE AL MINISTRO CANCELLIERI

Questa volta, l’intenzione del Sappe è quella di “cantargliene quattro!”.

Per far questo è stato deciso di organizzare per l'8 maggio uno Speakers’ corner di fronte al palazzone di largo Daga da dove, salendo su un palchetto di fortuna, chiunque voglia avrà la possibilità di “gridare” con un microfono amplificato tutte le proprie lamentele contro la dirigenza del Dap.

Chi non è stato promosso, chi non è stato trasferito, chi non è stato distaccato, chi non ha ottenuto la causa di servizio, pur avendo il diritto a tutto ciò, avrà la possibilità di dar fiato a tutta la propria delusione verso una burocrazia distante dal personale ed arroccata su una torre d’avorio.

I dirigenti del Sappe, invece, “sbraiteranno”, ancora una volta da quello stesso palco,  per denunciare e contestare la  gestione fallimentare del Corpo di Polizia Penitenziaria  che sottovaluta  la sicurezza del personale e delle strutture; la “rivoluzionaria vigilanza dinamica” che mantiene la “colpa del custode” paralizzando indebitamente chi opera negli istituti; l’ultima interpretazione della Legge 104/92, che penalizza i poliziotti nonostante il possesso dei requisiti di legge; la mancanza  di iniziative concrete per la sicurezza e il benessere dei poliziotti; l’assenza di iniziative concrete per la formazione e l’ aggiornamento professionale e un turn over che non tiene conto delle effettive esigenze istituzionali.

I dirigenti del Sappe, “sbraiteranno”, sempre dallo stesso palco, anche per chiedere e rivendicare l’assunzione degli idonei non vincitori degli ultimi concorsi da Agente, l’immediato inizio del corso di formazione  per 271 posti da vice Ispettore, l’immediata ripresa delle procedure per il concorso interno per 600 vice ispettori fermo dal 2009 e l’immediato avvio delle procedure per il concorso  per vice Sovrintendente per anzianità e merito.

Dall’altra parte, come al solito, troveremo le orecchie da mercante di una dirigenza sorda ad ogni grido d’allarme del personale, che alberga (a pensione completa) ai piani alti di una burocrazia che ha ormai perso ogni contatto con la realtà.

Dirigenti capaci solo di fare filosofia e teoria, che si riempiono la bocca di frasi vuote come “circuiti regionali”, “patti di responsabilità” e “vigilanza dinamica”, parole senza senso dietro le quali non c’è alcun collegamento con la realtà degli istituti penitenziari.

Questa volta, però, le urla del Sappe non rimarranno inascoltate perché andranno in onda in diretta streaming su tutti i siti del sindacato, su youtube, su facebook, su twitter e su tutte le piattaforme social network del web.

Tutti potranno e dovranno vedere e sentire la rabbia dei poliziotti penitenziari per lo stato di abbandono nel quale sono stati lasciati da questa dirigenza del Dap.

 

Questo il manifesto della protesta: 

IL SAPPE TI DA VOCE 

 

VIENI ALLO SPEAKERS’ CORNER DEL SAPPE

Potrai gridare la tua rabbia contro le ingiustizie 

 

Il Sappe ha organizzato un palco di fronte al DAP dal quale si potranno esporre, tramite altoparlante, problemi, lamentele, rivendicazioni, richieste e necessità.

 

Tutta la manifestazione sarà ripresa in video e trasmessa in diretta streaming sui siti del Sappe.

                                                

In quella stessa sede dirigenti del Sappe si alterneranno al microfono per denunciare e contestare:

                             

Ø  una gestione fallimentare del Corpo di Polizia Penitenziaria e del Dap, distante dalla realtà e che sottovaluta  la sicurezza del personale e delle strutture;

Ø   

Ø  la “rivoluzionaria vigilanza dinamica” che mantiene la “colpa del custode” paralizzando indebitamente chi opera negli istituti;

Ø   

Ø  l’ultima interpretazione della Legge 104/92, che penalizza i poliziotti nonostante il possesso dei requisiti di legge;

Ø   

Ø  La mancanza  di iniziative concrete per la sicurezza e il benessere dei poliziotti;

Ø   

Ø  L’assenza di iniziative concrete per la formazione e l’ aggiornamento professionale;

Ø   

Ø  Un turn over che non tiene conto delle effettive esigenze istituzionali.

 

e per chiedere e rivendicare

 

Ø  l’assunzione degli idonei non vincitori degli ultimi concorsi da Agente;

Ø   

Ø  l’immediato inizio del corso di formazione  per 271 posti da vice Ispettore;

Ø   

Ø  l’immediata ripresa delle procedure per il concorso interno per 600 vice ispettori fermo dal 2009;

Ø   

Ø  l’immediato avvio delle procedure per il concorso  per vice Sovrintendente per anzianità e merito.

 

 

 

 


Scritto da: Agente Furioso
(Leggi tutti gli articoli di Agente Furioso)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto prende a sprangate due Poliziotti Penitenziari
Carcere di Alba riaprirà: comunicato del DAP smentisce voci di un possibile cambio d''uso
Cinofili Polizia Penitenziaria trovano droga all''interno del carcere modello di Milano Bollate
Agente penitenziario libero dal servizio blocca detenuto che stava per evadere dal permesso
Sfollamento del carcere di Teramo: Sappe chiede di prolungare l''aiuto degli Agenti arrivati dagli altri Istituti
Graziati trecentotrenta detenuti: l''amnistia più numerosa dell''era Obama a poche ore dalla scadenza del suo mandato
Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria
Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


se mi permette vorrei aggiungere il mancato riconoscimento, per non dire rispetto dovuto, da parte di alcuni esponenti di altre forze di Polizia.

Di  Antonio Romano  (inviato il 08/07/2013 @ 19:12:13)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

184.73.25.126


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

7 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

8 Corruzione a Rebibbia: NIC Polizia Penitenziaria e Squadra Mobile Polizia di Stato arrestano due agenti e un detenuto

9 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

2 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

3 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

4 Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria

5 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

6 Cinofili Polizia Penitenziaria trovano droga all''interno del carcere modello di Milano Bollate

7 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

8 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

9 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

10 Agente penitenziario libero dal servizio blocca detenuto che stava per evadere dal permesso


  Cerca per Regione