Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario


Polizia Penitenziaria - E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

Notizia del 08/11/2017

in Il Pulpito

(Letto 2000 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


In Spagna, l’Homicisium era una multa di epoca medievale che dovevano pagare gli abitanti di una città quando veniva rinvenuto il corpo di una persona uccisa nel loro territorio senza che venisse trovato il colpevole.

Contestualmente all’introduzione dell’Homicisium, nacque l’usanza (e il modo di dire) dell’Echar el muerto al otro (passare il morto all’altro). In buona sostanza, quando si trovava un individuo morto si caricava di notte su un mulo o su di un carro e lo si andava a scaricare nel territorio della città più vicina, per evitare di pagare il tributo.

Inevitabilmente, il modo di dire Echar el muerto al otro (passare il morto all’altro), con il tempo, è diventato sinonimo di scaricare le colpe su qualcun altro.

Manco a dirlo che l’Echar el muerto al otro è l’usanza più praticata al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

E, spesso e volentieri, l’Otro, al Dap, è la Polizia Penitenziaria.

Il grandissimo Marcello Marchesi (uno dei più grandi umoristi di tutti i tempi) che, quasi sempre, scherzando diceva la verità, sosteneva che ...è meglio andare dallo psicanalista che dal confessore perché mentre per il secondo è sempre colpa tua, per il primo è sempre colpa degli altri.

Quelli bravi, quelli che hanno studiato, parlano di “self-serving bias” per definire l’atteggiamento secondo il quale, quando le cose vanno bene è merito di se stessi e quando vanno male è colpa di qualcun altro.

Nathanael  J. Fast, assistente alla cattedra di gestione e di organizzazione presso la USC Marshall School of Business e Larissa Tiedens, docente di comportamento organizzativo presso l’Università di Stanford, hanno condotto alcuni esperimenti sulla questione, scoprendo che incolpare pubblicamente gli altri aumenta le probabilità che la pratica diventi “virale”, cioè che si diffonda a livello sistemico.

Fast aggiunge, però, che quando la pubblica accusa diventa prassi comune, i suoi effetti su una organizzazione possono essere dannosi per tutti, perchè gli individui che hanno paura di essere accusati di qualcosa diventano meno disposti a correre dei rischi, sono meno innovativi o creativi e hanno meno probabilità di imparare dai propri errori.

Secondo Fast, chiunque può diventare un “incolpatore”, ma ci sono alcuni tratti in comune. In genere, chi tende a scaricare la colpa sugli altri è una persona egoista e ha maggiori probabilità di essere narcisista, con la tendenza a sentirsi cronicamente insicura.

Tanto per fare un esempio, ecco il Comunicato del DAP immediatamente dopo l’evasione di due detenuti da Civitavecchia (e dopo l’arresto di uno dei due...).

Evasi Civitavecchia: Dap, cortili dovevano essere presidiati. Dubbi anche su tempi arrivo pattuglia. Da mesi indagini sicurezza  (ANSA) - ROMA, 1 AGO

(...el muerto al otro).

Dice l’Ufficio Stampa del Dap, sempre solerte quando si tratta di scaricare le colpe (e la coscienza) dei “Dirigenti” ministeriali e sempre assente quando si tratta di parlare delle azioni positive del Corpo:

“ I posti di servizio a garanzia della sicurezza dovevano essere tutti presidiati e i cortili passeggi dovevano essere vigilati da unità di Polizia Penitenziaria. L'impianto anti scavalcamento e video sorveglianza era funzionante e ha fatto scattare immediatamente l'allarme. Oltre ai predetti presidi di sicurezza e vigilanza era anche previsto un servizio di pattuglia con unità di Polizia Penitenziaria e armamento individuale. Da una prima ricostruzione i tempi di percorrenza della pattuglia, per raggiungere il punto di scavalcamento, dovevano essere nettamente inferiori a quelli necessari ai due evasi per scavalcare il muro di cinta. Il Dap sottolinea quindi che sono in corso accertamenti in ordine alla dinamica dell'evasione e alla ricostruzione delle connesse fasi di allontanamento dei due detenuti.”

In parole povere, secondo gli illuminati dirigenti del Dap... “ è tutta colpa dei poliziotti che non hanno fatto quello che noi (dalle nostre comode poltrone) abbiamo detto loro di fare.”

Una domanda sorge spontanea: ma se è sempre colpa degli altri a cosa servono i dirigenti al Dap?

Nessuna azione o omissione ha una conseguenza per loro?

E da domanda nasce domanda: che ci stanno a fare tutti quei dirigenti al Dap?

Io credo che chi ha la responsabilità di comandare degli uomini non può pensare a come incolpare qualcuno, deve pensare solo a rimediare al danno e a risolvere il problema.

Una delle più famose massime di Voltaire (ispiratrice di parecchi sistemi giuridici mondiali) dice:

“E’ meglio rischiare di salvare un colpevole piuttosto che condannare un innocente.”

Possibile che al Dap continuiamo ad essere per sempre condannati al Medioevo e al sistema dell’ Echar el muerto al otro?

Certamente è molto più facile trovare un capro espiatorio invece che cercare le cause del disastro...

 

 


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti con gastroenterite nella scuola di Cairo Montenotte: le analisi hanno appurato che era influenza
Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi
Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo
Record di sequestri di telefonini nelle carceri italiane. Aumento del 58 per cento nel 2017
Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione
Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà
Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi
Agenti intossicati a Cairo Montenotte: prime analisi confermano batteri nel filtro della cucina della scuola


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Secondo i vostri standard la colpa di tutto e sempre del ministro e mai di altri , vero .

Di  Anonimo  (inviato il 15/11/2017 @ 18:26:40)


n. 4


Il sindacato i sindacati ma che fanno se po' sapere

Di  Anonimo  (inviato il 11/11/2017 @ 11:59:45)


n. 3


Scelgono sempre il male peggiore piuttosto che cercare le cause

Di  Anonimo  (inviato il 10/11/2017 @ 13:02:33)


n. 2


Vero Scelgono a chi dare la colpa piuttosto che cercare le cause , un'articolo d'oggi dal titolo a Cremona si tira la carretta ma le ruote non ci sono più e si abbassano i voti come a scuola pubblicato di storie di polizia penitenziaria .
Vero è più facile trovare un caprio espiatorio si abbassano i voti et voilà il gioco delle tre carte e fatto è servito .
Intervenire grazie


Di  Cremona  (inviato il 10/11/2017 @ 09:20:32)


n. 1


Continuo io con le citazioni:
La colpa nascosta è tradita dal silenzio.
(David Herbert Lawrence)
Si dimentica la propria colpa, quando la si è confessata a un altro, ma di solito non la dimentica l’altro.
(Friedrich Nietzsche)
Siamo sempre alla ricerca di un colpevole per purificarci nel suo sangue.
(Samuli Paronen)
Tutti cercano qualcuno a cui dare la colpa.
(Tom Waits)
Quindi siete colpevoli non illudetevi.

Di  Gianmarco  (inviato il 08/11/2017 @ 09:09:14)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.227.6.156


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria





Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione