Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
ELEZIONI AMMINISTRATIVE: Istruzioni per decifrare chi ha vinto.


Polizia Penitenziaria - ELEZIONI AMMINISTRATIVE: Istruzioni per decifrare chi ha vinto.

Notizia del 26/03/2010

in L'Osservatorio

(Letto 2899 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


UN INDICE PER CAPIRE CHI VINCE LE ELEZIONI

I risultati elettorali si prestano a più letture, il che consente spesso a tutte le coalizioni di dichiararsi comunque vincitrici. Nelle elezioni regionali, per esempio, si può guardare al numero di Regioni conquistate, oppure a quelle passate da uno schieramento all'altro. Oppure si può considerare il totale dei voti ottenuti. Per capire chi ha vinto davvero si può invece usare un indice che coniughi più sistemi di analisi. Se ne ricava una valutazione più equilibrata. E acquista importanza la soglia del 50 per cento.

I numeri sono sempre difficili da leggere, ma nel caso dei risultati elettorali lo sono anche di più: vediamo spesso che i partiti cercano di dimostrare la loro vittoria attraverso una interpretazione ad hoc del risultato. In effetti, diverse sono le modalità per valutare il risultato elettorale. Nel caso delle elezioni amministrative regionali, quello più utilizzato è in prima battuta il numero di regioni vinte. In seconda battuta, invece, si guarda quante regioni sono “passate di mano”, cioè il numero di regioni strappate alla controparte.

LA LETTURA DEI RISULTATI

In realtà, questo tipo di analisi dei risultati spesso tende a essere fuorviante. Prendiamo per esempio i passati risultati elettorali del 1995, 2000, 2005. È possibile osservare che applicando il criterio del numero di regioni vinte nel 1995 finì 9 a 6 (il 60 per cento contro il 40 per cento) per il centro-sinistra; nel 2000, il risultato fu 8 a 7 (53 per cento contro 47 per cento) per il centro-destra e infine nel 2005 il centro-sinistra conseguì la maggioranza in 11 regioni contro 4 (73 per cento contro 27 per cento). Quindi, si potrebbe dire che nel 1995 vinse il centro-sinistra, con un discreto margine, nel 2000 vinse il centro-destra con un margine più limitato, mentre nel 2005 il risultato fu una vera caporetto per il centro-destra.
Tuttavia, i contendenti spesso fanno riferimento al fatto che sono riusciti a strappare una o più regioni agli avversari. Di conseguenza, diviene importante il secondo criterio, cioè il numero di regioni passate da un versante all’altro. Ciò è accaduto in passato diverse volte. In particolare, le regioni del Sud e del Nord-Ovest.

Questo tipo di analisi molto semplice, e quindi di facile lettura, non tiene conto tuttavia dell’importanza delle diverse regioni sia in termini di elettori (potenziali) che in termini economici: vincere in Basilicata e Molise e perdere la Campania è meglio o peggio che vincere in Lazio e perdere in Liguria e Calabria? Infatti, se si prende in considerazione il numero di voti espressi per ciascuna coalizione come terzo criterio, piuttosto che la popolazione complessiva, allora la lettura risulta essere diversa. Nel 1995 il centro-sinistra prevalse in 9 regioni su 15, ma si aggiudicò solo il 49,7 per cento dei votanti. Nel 2000 fu la volta del centro-destra ad aggiudicarsi la maggioranza delle regioni, 8 su 15, ma anche la maggioranza dei votanti: il 53 per cento contro il 47 per cento. In questa circostanza, il risultato per numero sia di regioni che di votanti è stato identico. Infine, nel 2005 il centro-sinistra ottenne il 54 per cento dei votanti contro il 46 per cento del centro-destra, ma si portò a casa 11 regioni su 15. Quindi, la valutazione ex-ante non è possibile in quanto le regioni che tendono a passare da un versante all’altro sono molte, spesso sono le più numerose e di conseguenza il numero delle regioni vinte e il numero di voti ricevuti possono non coincidere.

UN NUOVO INDICE

È evidente quindi che, a seconda del sistema di analisi utilizzato, si possono ottenere risultati e soprattutto valutazioni diverse. Forse una metodologia più appropriata potrebbe utilizzare tutta l’informazione coniugando più sistemi di valutazione. Aggiudicarsi le regioni più popolose - Lombardia, Veneto, Lazio, Puglia e Campania - è particolarmente importante. Quindi, si dovrebbe utilizzare un indicatore composto che sia allo stesso tempo molto semplice e in grado di garantire equilibrio tra i diversi criteri. 
In sostanza, si tratterebbe di sommare i voti ottenuti in tutte le regioni e dividere per la somma dei votanti dei due schieramenti. Fare la somma delle regioni conquistate e dividere per il numero delle regioni al voto. Sommare il dato dei votanti con quello delle regioni e dividere tutto per due.

Una volta presentato l’indice, non resta che provarlo. Se si prendono come esempio le passate elezioni regionali e si applica la formula, si constata che nel 1995 il centro-sinistra ottenne complessivamente il 54,8 per cento delle regioni-votanti mentre il centro-destra il 45 per cento. Nel 2000 il centro-destra ottenne il 53 per cento contro il 47 per cento del centro-sinistra. Infine, nel 2005 il centro-sinistra vinse le elezioni aggiudicandosi il 63 per cento delle regioni-elettori-votanti contro il 37 per cento del centro-destra. Come si può osservare la valutazione sembrerebbe più equilibrata e, aggiungiamo, per ciascuna coalizione diviene importante mantenersi sopra la soglia del 50 per cento. Infatti, solo la soglia del 50 per cento garantisce alla coalizione di essersi aggiudicata almeno la metà di regioni-elettori-votanti.


 tratto da Lavoce.info


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati
Dal carcere di Milano alla Siria: così si è radicalizzato il giovane foreign fighter
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.106.138


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

3 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

6 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

7 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Diventa anche tu Capo del DAP!

10 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

5 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

6 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

7 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

8 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

9 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

10 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento


  Cerca per Regione