Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
ELEZIONI AMMINISTRATIVE: Istruzioni per decifrare chi ha vinto.


Polizia Penitenziaria - ELEZIONI AMMINISTRATIVE: Istruzioni per decifrare chi ha vinto.

Notizia del 26/03/2010

in L'Osservatorio

(Letto 2881 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


UN INDICE PER CAPIRE CHI VINCE LE ELEZIONI

I risultati elettorali si prestano a più letture, il che consente spesso a tutte le coalizioni di dichiararsi comunque vincitrici. Nelle elezioni regionali, per esempio, si può guardare al numero di Regioni conquistate, oppure a quelle passate da uno schieramento all'altro. Oppure si può considerare il totale dei voti ottenuti. Per capire chi ha vinto davvero si può invece usare un indice che coniughi più sistemi di analisi. Se ne ricava una valutazione più equilibrata. E acquista importanza la soglia del 50 per cento.

I numeri sono sempre difficili da leggere, ma nel caso dei risultati elettorali lo sono anche di più: vediamo spesso che i partiti cercano di dimostrare la loro vittoria attraverso una interpretazione ad hoc del risultato. In effetti, diverse sono le modalità per valutare il risultato elettorale. Nel caso delle elezioni amministrative regionali, quello più utilizzato è in prima battuta il numero di regioni vinte. In seconda battuta, invece, si guarda quante regioni sono “passate di mano”, cioè il numero di regioni strappate alla controparte.

LA LETTURA DEI RISULTATI

In realtà, questo tipo di analisi dei risultati spesso tende a essere fuorviante. Prendiamo per esempio i passati risultati elettorali del 1995, 2000, 2005. È possibile osservare che applicando il criterio del numero di regioni vinte nel 1995 finì 9 a 6 (il 60 per cento contro il 40 per cento) per il centro-sinistra; nel 2000, il risultato fu 8 a 7 (53 per cento contro 47 per cento) per il centro-destra e infine nel 2005 il centro-sinistra conseguì la maggioranza in 11 regioni contro 4 (73 per cento contro 27 per cento). Quindi, si potrebbe dire che nel 1995 vinse il centro-sinistra, con un discreto margine, nel 2000 vinse il centro-destra con un margine più limitato, mentre nel 2005 il risultato fu una vera caporetto per il centro-destra.
Tuttavia, i contendenti spesso fanno riferimento al fatto che sono riusciti a strappare una o più regioni agli avversari. Di conseguenza, diviene importante il secondo criterio, cioè il numero di regioni passate da un versante all’altro. Ciò è accaduto in passato diverse volte. In particolare, le regioni del Sud e del Nord-Ovest.

Questo tipo di analisi molto semplice, e quindi di facile lettura, non tiene conto tuttavia dell’importanza delle diverse regioni sia in termini di elettori (potenziali) che in termini economici: vincere in Basilicata e Molise e perdere la Campania è meglio o peggio che vincere in Lazio e perdere in Liguria e Calabria? Infatti, se si prende in considerazione il numero di voti espressi per ciascuna coalizione come terzo criterio, piuttosto che la popolazione complessiva, allora la lettura risulta essere diversa. Nel 1995 il centro-sinistra prevalse in 9 regioni su 15, ma si aggiudicò solo il 49,7 per cento dei votanti. Nel 2000 fu la volta del centro-destra ad aggiudicarsi la maggioranza delle regioni, 8 su 15, ma anche la maggioranza dei votanti: il 53 per cento contro il 47 per cento. In questa circostanza, il risultato per numero sia di regioni che di votanti è stato identico. Infine, nel 2005 il centro-sinistra ottenne il 54 per cento dei votanti contro il 46 per cento del centro-destra, ma si portò a casa 11 regioni su 15. Quindi, la valutazione ex-ante non è possibile in quanto le regioni che tendono a passare da un versante all’altro sono molte, spesso sono le più numerose e di conseguenza il numero delle regioni vinte e il numero di voti ricevuti possono non coincidere.

UN NUOVO INDICE

È evidente quindi che, a seconda del sistema di analisi utilizzato, si possono ottenere risultati e soprattutto valutazioni diverse. Forse una metodologia più appropriata potrebbe utilizzare tutta l’informazione coniugando più sistemi di valutazione. Aggiudicarsi le regioni più popolose - Lombardia, Veneto, Lazio, Puglia e Campania - è particolarmente importante. Quindi, si dovrebbe utilizzare un indicatore composto che sia allo stesso tempo molto semplice e in grado di garantire equilibrio tra i diversi criteri. 
In sostanza, si tratterebbe di sommare i voti ottenuti in tutte le regioni e dividere per la somma dei votanti dei due schieramenti. Fare la somma delle regioni conquistate e dividere per il numero delle regioni al voto. Sommare il dato dei votanti con quello delle regioni e dividere tutto per due.

Una volta presentato l’indice, non resta che provarlo. Se si prendono come esempio le passate elezioni regionali e si applica la formula, si constata che nel 1995 il centro-sinistra ottenne complessivamente il 54,8 per cento delle regioni-votanti mentre il centro-destra il 45 per cento. Nel 2000 il centro-destra ottenne il 53 per cento contro il 47 per cento del centro-sinistra. Infine, nel 2005 il centro-sinistra vinse le elezioni aggiudicandosi il 63 per cento delle regioni-elettori-votanti contro il 37 per cento del centro-destra. Come si può osservare la valutazione sembrerebbe più equilibrata e, aggiungiamo, per ciascuna coalizione diviene importante mantenersi sopra la soglia del 50 per cento. Infatti, solo la soglia del 50 per cento garantisce alla coalizione di essersi aggiudicata almeno la metà di regioni-elettori-votanti.


 tratto da Lavoce.info


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria
Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer
Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia
Carcere di Teramo: rientra la protesta, trasferiti 120 detenuti
Governo invia i militari per controllare le carceri: penitenziari brasiliani al collasso
Comunità ebraica di Milano: contro il radicalismo islamico nelle carceri, istituire corsi multi religiosi
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.149.151


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

5 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

6 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

7 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

8 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

9 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

10 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane


  Cerca per Regione