Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Emergenza carceri: testo dell'audizione del Ministro Cancellieri alla Commissione Giustizia Senato


Polizia Penitenziaria - Emergenza carceri: testo dell'audizione del Ministro Cancellieri alla Commissione Giustizia Senato

Notizia del 21/05/2013

in Attualita

(Letto 31745 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Pubblichiamo l'estratto dell'audizione che il Ministro della Giustizia Cancellieri ha espresso nell'aula del Senato di fronte alla Commissione Giustizia.

INTERVENTO DEL MINISTRO CANCELLIERI AL SENATO (Commissione Giustizia) - 20 maggio 2013 (Scarica la versione completa)

... Vengo dunque al tema della situazione carceraria, questione delicatissima che vede coesistere, in un difficile tentativo di costante equilibrio, l’intreccio tra esigenze di sicurezza, finalità di espiazione e di rieducazione della pena, garanzia dei diritti di dignità della persona.

Al 15 maggio 2013, erano presenti -nei 206 istituti carcerari italiani -65.891 detenuti, di cui oltre 23.000 stranieri, a fronte di una capienza regolamentare di 47.040 detenuti. Di questi, 24.691 sono indagati o imputati in custodia cautelare, 40.118 sono condannati e 1.176 internati. Non possiamo più permetterci di ritardare la soluzione di un problema indilazionabile, anche sotto il profilo morale.

La complessità del tema ha bisogno di una risposta articolata e modulata su più fronti, che parta da una nuova prospettiva culturale ed in cui la pena detentiva carceraria non sia più l’unica opzione possibile, solo perché il sistema non è in grado di individuare soluzioni alternative.

Appare peraltro ineludibile intraprendere un percorso di umanizzazione della vita carceraria, onde rendere effettivo il principio costituzionale della funzione rieducativa della pena. La situazione di insostenibile degrado in cui versa il sistema carcerario italiano sconta un pregresso particolarmente critico ed un pluriennale ritardo nell’adozione di misure radicali che avrebbero dovuto consentire di dare una risposta strutturale e organica all’emergenza. Ciò ha determinato, tra l’altro, pesanti ricadute anche in termini di responsabilità dell’Italia di fronte alla Corte Europea dei diritti dell’uomo; basti ricordare la pronuncia dell’8 gennaio 2013, nota anche come sentenza Torreggiani, che ha imposto strettissimi tempi per l’adeguamento del sistema carcerario italiano agli standard europei di accoglienza.

È una situazione che va a colpire e a creare disagio e sofferenza non solo alla popolazione carceraria ma anche agli uomini e alle donne della Polizia Penitenziaria a cui va tutta la mia personale gratitudine e l’apprezzamento per la dedizione, l’ umanità e lo spirito di sacrificio con cui quotidianamente svolgono il proprio servizio, consentendo con il loro impegno di sopperire, sia pure in parte, alle carenze del sistema. Analogo sentimento di riconoscenza voglio rivolgere a tutto il resto del personale - medici, psicologi, operatori - che con altrettanta dedizione presta la propria opera all'interno delle nostre carceri.

È mio dovere indefettibile e indifferibile agire; non intendo sottrarmi a questa che sento come una responsabilità, certamente come Ministro, ma anche come cittadino, come persona. È dunque un accorato richiamo quello che mi sento di rivolgervi: a farci carico, tutti insieme, in uno sforzo comune e responsabile, di un tema su cui si declinano gli elementi essenziali di uno Stato di diritto e la storia della nostra grande tradizione di civiltà.

Nella precedente legislatura sono stati avviati interventi importanti e nel solco di questi credo debba riprendere il cammino delle riforme, cercando di dare impulso a ciò che non è stato possibile portare a termine. Senza pregiudiziali ideologiche, senza strumentalizzazioni mediatiche, operando - come dicevo prima - su diversi versanti. Penso innanzitutto alla razionalizzazione del sistema sanzionatorio penale; partendo dal disegno di legge, già approvato a larga maggioranza dalla Camera il 4 dicembre dello scorso anno, non licenziato in via definitiva dal Senato a causa della fine anticipata della legislatura, e da cui credo dovremmo riprendere le mosse. L’intervento sul sistema sanzionatorio dovrà riguardare in primo luogo le nuove pene detentive non carcerarie, nel solco di quanto è stato già fatto nel 2010 e nel 2011 (esecuzione presso il domicilio delle pene detentive non superiori rispettivamente a dodici mesi e a diciotto mesi), valutando tutte le soluzioni alternative tecnicamente percorribili.

La reclusione va limitata ai soli reati più gravi, con l’introduzione, come sanzioni autonome, della detenzione domiciliare e del lavoro di pubblica utilità, inteso quest’ultimo come obbligo di fare a favore della comunità. Le nuove pene detentive non carcerarie consentirebbero di attuare il principio del minor sacrificio possibile della libertà personale, al quale la Corte Costituzionale ha ripetutamente fatto richiamo.

Non si tratta di un intervento risolutivo di tutti i problemi delle carceri, lo so bene, ma di un buon inizio.

In secondo luogo, è il caso di prevedere forme alternative di definizione del procedimento penale, condizionate a programmi di trattamento cui sottoporre l’imputato (come per l’istituto della sospensione del processo con messa alla prova). Infine, la riforma della contumacia, con la previsione della sospensione del processo nei casi in cui l’interessato assente non abbia avuto una effettiva conoscenza dell’imputazione a suo carico. Si tratta di un tema di cui si discute da anni e che deve essere affrontato, con coraggio e realismo, una volta per tutte.

Sempre nel solco dei lavori avviati nella precedente legislatura, riterrei utile riprendere le mosse dagli esiti della commissione ministeriale di studio che ha perseguito l’obiettivo di un diritto penale come extrema ratio di tutela nonché di una deflazione processuale. In particolare andrebbe affrontato, in termini condivisi, sia un percorso di “decriminalizzazione astratta” (ossia di abrogazione di fattispecie di reato o trasformazione di reati in illeciti amministrativi), che di “depenalizzazione in concreto”, attraverso l’introduzione dell’istituto della irrilevanza del fatto e di meccanismi di giustizia riparativa. Molti spunti interessanti possono essere tratti dai lavori della Commissione mista per lo studio dei problemi della magistratura di sorveglianza (cd. Commissione “Giostra”), che ha indicato una serie di misure dirette specificamente a contrastare la tensione detentiva determinata dal sovraffollamento.

I dati statistici, cui ho fatto prima cenno, confermano che una elevatissima percentuale della popolazione carceraria è costituita da soggetti ristretti per reati in materia di stupefacenti. Occorre favorire l’accesso all’affidamento terapeutico nella consapevolezza che la dimensione carceraria, sotto il profilo organizzativo e strutturale, non può costituire la principale risposta che lo Stato possa dare ad un problema così diffuso di disagio sociale.

Contemporaneamente, deve essere completato il piano per l’edilizia carceraria, anche attivando strumenti di finanziamento innovativi- come la possibilità di effettuare permute tra strutture carcerarie in avanzato stato di degrado- ma appetibili sotto il profilo edilizio, che verrebbero cedute in cambio di edifici nuovi, concepiti dal punto di vista strutturale e di sicurezza secondo le più moderne funzionalità. Ciò permetterebbe di raggiungere l’obiettivo di disporre di carceri più adeguate alle esigenze dei detenuti e in linea con la tradizione giuridica del nostro Paese.

Della massima importanza è anche la prosecuzione dei progetti di natura organizzativa finalizzati a ridisegnare le modalità di custodia, valorizzare l’attività di trattamento, ottimizzare l’impiego delle risorse umane, massimizzare il lavoro carcerario che, come dimostrano le statistiche, abbatte la recidiva. La possibilità di migliorare la distribuzione dei detenuti dentro il sistema, e quindi di razionalizzare l’uso degli spazi esistenti, è attuabile in tempi brevi ed è collegata alla capacità di distinguere i detenuti, in modo da corrispondere più adeguatamente ad una popolazione variegata, e destinarli a circuiti appropriati alle loro caratteristiche. Questo consentirà di ottenere importanti risultati sulle condizioni di vita dei detenuti e degli agenti di Polizia Penitenziaria e potrà costituire, per l’Italia, un importante passo in avanti, da portare alla attenzione della Corte Europea dei Diritti dell’uomo.

Discorso a parte merita il settore della giustizia minorile, per il quale appare non più procrastinabile l’esigenza di provvedere ad un intervento riformatore organico che tenga conto della peculiarità e della delicatezza dei temi che ruotano intorno alla rieducazione del minore.


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


Ma è posibile mai che chi entra in carcere lavora e fuori ci sono miliani di ITALIANI che non lavorano o non ce la fanno ad arrivare a fine mese?????
Possibile mai che si dimentica che chi entra in carcere ha commesso eato penale?
Possibile mai che per ogni reato non si ricorda che c'è una vittima del reato????
Possibile che chi paga con tasse non si accorge che paga il mantenimento di quei detenuti che non hanno reddito????
Possibile mai che ad oggi nessuno si renda conto che ci sono persone (uomini in idivisa) che lavorano h24 in carcere???? Persone che con uno stipendio misero devono garantire la sicurezza, l'ordine e la disciplina all'interno delle patrie galere???? Poi oggi è tutto un diritto per chi delinque... educatore, psicologo, infermeria, volontari ecc.
SIAMO UN PAESE DI RIDICOLI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Di  Andrea  (inviato il 04/06/2013 @ 14:21:21)


n. 3


PIU' LAVORO MENO DELINGUENZA-I giovani avento un lavoro,non pensano a delinguere,in questo periodo che la crisi del lavoro è in aumento,i reati non si contano piu',voglio esternare una mia opinione,non vedo le cose tanto bene continuando di questo passo.

Di  GIUSEPPE,polis  (inviato il 23/05/2013 @ 13:57:32)


n. 2


L'intervento del Ministro è indubbiamente imposto dalle circostanze catastrofiche in cui è stato ridotto il sistema Penitenziario Italiano,ingolfato in seguito ad una pessima gestione posta in essere da parte di una Dirigenza Penitenziaria inbalsamata, che continua a far credere di avere il controllo,ma che di fatto è completamente assente, rilutante in ordine alla gestione del Corpo, da sempre contraria all'ampliamento di nuove competenze della Poliizia Penitenziaria, ma al contrario molto attenta alla ricostruzione della propria carriera, che grazie ad alcuni sotterfuggi regalati dalla compiacente (legge Meduri) dai Politici di turno, con il quale hanno ottenuto l'avanzamento ai ruoli Dirigenziali,determinando di fatto la disfatta dell'intero sistema Carcerario, retto fino ad oggi solo grazie all'alto spirito di sacrificio del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria, che sempre in prima linea, senza direttive guida, senza nessuna difesa,ne paga le conseguenze sulla propria pelle, subbendone anche fisicamente le azioni delituose dei violenti, ospiti delle patrie galere- Signor Ministro ringraziandola per la solidarietà, adesso ci aspettiamo quanto prima,fatti concretti, ossia il licenziamento dell'intera classe Dirigente del D.A.P. ed una riforma vera per la Polizia Penitenziaria,in cui non sia il personale del Corpo a pagare per colpe altrui, ma sia il CORPO DELLA POLIZIA PENITENZIARIA è rimarco _"DELLA"_ quale Corpo di Polizia dello Stato,addetto al controllo ed al rispetto dell'applicazione delle leggi in materia Penitenziaria, non solo nei confronti dei persone detenute violente, ma anche denunciare tutte le inadempienze poste in essere da troppo tempo dai SIGNOROTTI BUROSAURI DEL D.A.P...

Di  Uniformecivile  (inviato il 22/05/2013 @ 01:10:25)


n. 1


Basta con le chiacchiere , ritorniamo a qualche anno fa , denunciamo tutto alle procure e ai giudici del lavoro , e mandiamo uomini in divisa , in aspettativa ovviamente , in parlamento .
È cavolo .

Di  Stanco disunite  (inviato il 21/05/2013 @ 16:03:55)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.175.236


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere


  Cerca per Regione