Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Encomi al personale: differenza tra Comando Generale dei Carabinieri e il DAP


Polizia Penitenziaria - Encomi al personale: differenza tra Comando Generale dei Carabinieri e il DAP

Notizia del 02/03/2012

in Attualita

(Letto 6280 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Adesso un encomio solenne a tutti gli operatori di Polizia, in primis la Penitenziaria che ogni giorno subisce offese e umiliazioni da parte dei detenuti.

Non c'è ombra di dubbio che il Carabiniere umiliato e insultato dal manifestante No Tav ha saputo mantenere compostezza e senso di responsabilità in un momento di alta tensione, ma gli insulti e gli sberleffi ogni giorno li subiscono anche i Poliziotti Penitenziari.

L'Arma dei Carabinieri in questo caso ha pensato di concedere al Carabiniere un encomio solenne, ci sono anche molti deputati e senatori che vorrebbero stringere la mano a questo giovane militare.

Senza nulla togliere al Carabiniere, ma quanti di noi spesso ricevono insulti e vengono derisi da detenuti turbolenti e facinorosi?

Qualcuno ha mai sentito che il D.A.P. abbia concesso a qualche poliziotto penitenziario lodi o encomi per aver mantenuto in casi simili comportamenti  uguali a quello tenuto dal Carabiniere? Mai!

Allora questo episodio si spiega in un solo modo, l'Arma dei Carabinieri ha pensato di concedere un encomio al militare perché ne ha riconosciuto la professionalità in un momento dove mantenere la calma era la cosa migliore, mentre altri dicasteri registrano questi fatti come normale amministrazione e la nostra Amministrazione è un esempio.

La risposta del giovane militare è saggia, dice di aver fatto solo il suo dovere, la stessa cosa che pensano tutti gli appartenenti alle varie forze di Polizia ogni qualvolta si trovano nelle stesse situazioni.

Lui almeno potrà ringraziare il suo Comando Generale per aver riconosciuto in lui un buon militare, il Poliziotto Penitenziario non puo' fare neppure questo, perché al D.A.P. il riconoscimento di certi atti professionali poco importano.

di PAOLO SPANO

 

Leggi anche: Collega del DAP promosso a ruolo superiore per alti meriti: …e allora una promozione la voglio anch’io!

Leggi anche: Intervista anonima ad Agente: "in carcere può succedere di tutto, sei fortunato se torni a casa intero"

Leggi anche: Encomio virtuale agli uomini dell’NTP di Regina Coeli e a tutti gli altri colleghi che reggono ancora

 

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 18


UN CARICO DI LAVORO CONTINUAMENTE IN CRESCITA, E' QUELLO CHE SI VIVE ALL'INTERNO DEI PENITENZIARI ITALIANI. UN ARDUO COMPITO, CHE LO STATO CI AFFIDA. OCCORRE FARE DI PIU, PER QUEI UOMINI CHE SI DISTINGUONO, MAGGIOR OPPORTUNITA' DI CARRIERA E MOTIVAZIONE PROFESSIONALE, POICHE' GLI STESSI OLTRE AL RISCHIO DELLA PROPRIA INCOLUMITA' PERSONALE, INCORRONO A STRESS CONTINUO E RIPETUTO, TALE DA GENERARE PATOLOGIE ORMAI RICORRENTI,QUALI STATI DI ANSIA, IPERTENSIONE ECC. SI POTREBBE INVESTIRE MEGLIO, CON UNA BUONA RIVALUTAZIONE DEI RUOLI, RIVOLTA AD UN PERSONALE CHE LO ATTENDE DA TEMPO.

Di  CUTONE GUIDO  (inviato il 07/03/2012 @ 17:59:07)


n. 17


concordo con Antonio.. Aspettavamo tanto il cambiamento con i Commissari e alla fine siamo caduti dalla padella alla brace.... c'è un caos enorme e un senso di insicurezza spaventoso!!! O! se continua così ridadeci i Marescialli!!!! almeno con loro nelle patrie galere venivamo rispettati adesso non si capisce più come ti devi coportare..

Di  Anonimo  (inviato il 07/03/2012 @ 15:56:06)


n. 16


Cari colleghi, se ben notate da quando ci sono questi famosi commissari tutte le strutture Penitenziarie sono allo sfascio, al contrario di chi comandava con una semplice licenza media no come qualcuno che con le scuole serali e raccomandazione ha fatto carriera in un sindacato, e il carcere non sa neppure come è fatto. I vecchi COMANDANTI erano dei veri UOMINI sapevano gestire il personale e lo rispettavano adesso tutti vogliono diventare dottoriiiiiini .

Di  antonio  (inviato il 06/03/2012 @ 17:18:20)


n. 15


complimenti al carabiniere e al Comando Generale, purtroppo non posso dire altrimenti dell' Amministrazione Penitenziaria che non vuole di proposito riconoscere i rischi e la professionalità degli uomini della Polizia Penitenziaria che ogni giorni subiscono in modo ancora più aggressivo quello che ha subito il carabiniere, in merito all'encomio i nostri colleghi ruolo agenti assistenti espletano dei compiti di ruoloi superiore (sorveglianza generale) o addirittura compiti formativi (Istruttore Cinofilo-Istruttore di tiro ecc..) , mai riconosciti con delle premiazioni a grado superiore o altro,che in altre forze di polizia questa attività la espleta il ruolo dei sovrintendenti-ispettori.
Se un domani arriveranno i dirigenti con la divisa speriamo che le cose cambino.

Di  Gianni  (inviato il 04/03/2012 @ 10:57:45)


n. 14


rico.massimo . a quanto ammonta il tuo diritto d'autore , facci sapere quanto e dove ?. hihihihihi
una buona domenica
oggi sono di riposo e sono un uomo qualunque

Di  Anonimo  (inviato il 04/03/2012 @ 08:04:42)


n. 13


concordo con colui che aspetta n. 02. basterebbe nella nostra amministrazione comportarsi allo stesso modo. si potrebbero organizzare conferenze stampa (inderoga alla limitativa circolare Dap che trovo francamente, nel 2012, al limite del ridicolo) ad es, per l'assunzione del comando da parte di un Funzionario donna o per comunicare operazioni del NIC, ecc., ecc. Ovviamente si dovrebbe tentare da parte di tutti di evitare lotte intestine su e come indire e andare alle conferenze, non si fa altro che alimentare il gioco di chi non vuole che la Polizia Penitenziaria si professionalizzi nella sua come dire visibilità. io vedrei molto bene alla stregua di questori e dirigenti di commissariati (i primi in abiti civili mentre i secondi in uniforme, senza problemi o paranoie) Direttore e Comandante in piena sinergia e non inn apparenti conflitti. p.s.: gradirei avere i diritti d'autore su questa proposta. saluti.

Di  isp. rico massimo  (inviato il 03/03/2012 @ 20:53:08)


n. 12


Nelle patrie galere il personale di Polizia Penitenziaria non merita solo l'encomio.
Merita di andare in pensione con la massima e la privilegiata dopo 20 anni di servizio e l'avanzamento al grado superiore!!!!!
Perchè oltre a fare il proprio lavoro con dignità, rispetto, onore e sacrificio svolge mansioni di esecutive e di concetto di altre figure magari laureate e che si ritrovano con un grado superiore senza neanche aver MAI AVUTO L'ONORE DI AVERE LE CHIAVI IN MANO DELLA SEZIONE DETENTIVA PER UN ANNO!!! Perchè? sono proprio i vertici (DAP e a scendere Commisari, Ispettori e Sovrintendenti) che sono pronti a dire che non lavoriamo nelle miniere. Non ci dobbiamo lamentare e dobbiamo ringraziare che prendiamo lo stipendio!!! Fanno i duri dicendo che non dobbiamo fare i camerieri al detenuto... ovvero contattare l'educatore o l'infermeria quando il detenuto ce lo chiede.... e dopo aver ricevuto insulti, minacce, sputi ecc. vengono in sezione per dirci mandalo!!!! Poi magari andiamo dal magistrato di turno e per interruzione di un pubblico servizio e minacce ricevute vediamo assolto il detenuto che si presenta con avvocato al seguito e tu da solo che devi rispondere a quanto accaduto.... NON SIAMO RICONOSCIUTI E VALORIZZATI DA NESSUNO SE NON DA QUEL SINDACATO CHE TENTA DI FAR VALERE SEMPRE E CMQ LE NOSTRE RAGIONI!!!!!!

Di  Andrea  (inviato il 03/03/2012 @ 14:05:25)


n. 11


E' la sacrosanta verità. Tutto quello che posso aggiungere è assolutamente superfluo. Vorrei (e non solo io), che queste riflessioni le facessero i nosti Dirigenti dell'Amministrazione Penitenziaria, anche perché per chi come noi, che quotidianamente lavora nei reparti detentivi, le provocazioni e le derisioni sono all'ordine del giorno.

Di  Franky66  (inviato il 03/03/2012 @ 12:51:31)


n. 10


Pensando di dire il vero, a me sembra che certe riconoscenze, nella nostra amministrazione, vanno sempre a coloro che magari, con qualche anno di servizio prestato all'archivio del D.A.P. e/o all'ufficio protocollo, no si sa perchè improvvisamente vengono proposti, PER MERITI SPECIALI, a transitare nel ruolo superiore, dimenticandosi quotidianamete di coloro, come dice il nostro amico MARCO, che per trent'anni, tutti i santissimi giorni, nelle patrie galere, fronteggiano e subiscono situazioni analoghe a quelle del carabiniere de quo, senza avere, DICO MAI, neanche la riconoscenza dell'Autorità dirigente dell'istituto dove l'evento si è verificato.

Di  michele  (inviato il 02/03/2012 @ 22:51:57)


n. 9


Sono d'accordissimo con Marco, è solo vetrina, per far vedere agli Italiani che loro hanno sempre i nervi saldi, ma che chiaramente e solo pura propaganda sfruttata a dovere dall'istituzione Arma, ma anche da autorevoli Ministri,Sottosegretari, Presidenti ,Parlamentari ecc.ecc. avrei voluto vedere quante parole avvrebbero speso i vari ALFANO, CASINI, BERSANI ecc, se al posto di quel Militare della blasonata Arma, ci fosse stato un Agente Penitenziario, mi ricordo che qualche anno fà dopo aver impedito, facendo scudo con il proprio corpo una rissa tra due bande di detenuti rivali, non senza aver ricevuto personalmente diverse botte da questi reclusi, quasi quasi venivo punito dall'allora Direttore (?), per aver limitato la libertà ad un ristretto facinoroso che non intendeva riportarsi alla ragione, e non solo, dovevate sentire i collaboratori di questo Funzionario (?) dal Ragioniere all'Educatore, (attualmente tutti Dirigenti Generali delle varie Articolazione del D.A.P.) che addiritura proponevano di denunciarmi all'A.G., il primo in quanto a suo dire mi riteneva responsabile di non aver impedito la rottura degli sgabelli, (in quanto bene dello Stato), l'altro per aver privato la libera circolazione all'interno della sezione di un cittadino detenuto coinvolto nella rissa, altro che encomio, questa è l''Italia, complimenti Signori Politici e Parlamentari !!!

Di  Moiram64  (inviato il 02/03/2012 @ 20:32:54)


n. 8


DAP.........???????? forse e dico forse quando ci saranno i ruoli dirigenziali del Corpo sentiremo l'apprezzamento di quello che si fa.....

Di  n9  (inviato il 02/03/2012 @ 20:06:08)


n. 7


Ma a qualcuno di voi, forse risulta che al DAP vi siano dirigenti che indossano la divisa, e, che possano manifestare quanto ogni giorno gli agenti della penitenziaria si rompano il culo nelle sezione detentive, e prendendosi insulti sputi e quantaltro.
Devo andare avanti o ci mettete un pò di fantasia

Di  gabriele  (inviato il 02/03/2012 @ 19:56:13)


n. 6


un altro esempio di pubblicità?
I carabinieri l'anno scorso , non si sono lasciati sfuggire l'occasione dell'8 marzo per nominare comandante di stazione delle maresciallo di piccoli paesi, il tutto ovviamente in presenza della stampa con tanto di conferenza stampa, discorso del comandante regionale ad uso e consumo delle tv locali ecc. ecc. ecc.
Noi abbiamo delle funzionarie Comandanti di istituti grandi e che stanno facendo il loro servizio tra mille difficoltà spesso boicottate dai vecchi comandanti e sminuite dai direttori che mal le sopportano, eppure non ne parla nessuno.
Ecco chi sa vendere la propria immagine e chi no!
Di nuovo...

Di  marco  (inviato il 02/03/2012 @ 19:00:46)


n. 5


@colui che aspetta
Forse non sono riuscito ad esprimermi al meglio. Quando parlo di polizia di serie A e B mi riferisco proprio al fatto che noi non essendo rappresentati da chi dovrebbe mettere in evidenza il Corpo ( i nostri funzionari) , veniamo regolarmente ignorati dalla stampa anche quando compiamo azioni di particolare prestigio. Ciò non accade nelle altre forze perchè si sfruttano le occasioni al volo in modo adeguato, dando anche a degli eventi che per noi sono il pane quotidiano particolare rilevanza, cosi da far apparire evento eccezionale una cosa normalissima.Questo non è populismo, è semplicemente la constatazione di ciò che avviene nella nostra amministrazione e stai tranquillo che quella telecamera li in quel momento non è capitata per caso.Hai mai sentito il capo del dap proporre un encomio solenne per collega che mantiene l'ordine e la sicurezza in una sezione di 70-80- 100 detenuti extracomunitari ubriachi da solo e magari farsi il doppio turno e poi la notte senza riposo settimanale? Ecco per me gli eroi sono quelli, non sono particolarmente colpito dagli eroi quando si è in guerra (no tav) cosi è troppo semplice, gli eroi si vedono in tempo di " pace". Un caro saluto

Di  marco  (inviato il 02/03/2012 @ 15:22:29)


n. 4


Questa è tutta pubblicità che i Carabinieri sanno vendere benissimo, se non ci fossero state le telecamere altro che encomio, e voglio proprio vedere se i Carabinieri rimanevano inermi a tali insulti!!!!! Commentare queste situazioni è tempo perso. Lo sappiamo bene tutti anche chi ha scritto l'articolo.

Di  Michele  (inviato il 02/03/2012 @ 15:12:07)


n. 3


A risaltare la professionalità dell'Arma è stata l'Arma stessa. Caro "Colui che aspetta", se ti sfugge questo dettaglio, per altro egregiamente evidenziato da Marco nel suo commento, allora aspetta e spera...

Di  Enzima  (inviato il 02/03/2012 @ 13:09:54)


n. 2


Ci sono molti altri carabinieri e appartenenti ad altri corpi di polizia che tutti i giorni subiscono delle provocazioni e non ricevono encomi. Non credo sia un problema di amministrazione di serie A o B. La vicenda della TAV ha avuto un effetto mediatico dove, attraverso il comportamento di quel carabiniere, è stata risaltata la professionalità dell'Arma dei Carabinieri. Se non ci fosse stata la telecamera, quella situazione, forse, non sarebbe stata considerata. Evitiamo di fare populismo.

Di  Colui che aspetta.  (inviato il 02/03/2012 @ 13:05:14)


n. 1


Ecco la differenza tra la polizia di serie A e b. Il carabiniere appartiene alla prima noi alla seconda ,non perchè non siamo capaci quanto loro, noi tutto questo lo facciamo quotidianamente, ma perchè chi li comanda ha approffittato subito della situazione per esaltare l'immagine del corpo.Se fosse capitato a uno di noi nessuno si sarebbe sognato di elogiare pubblicamente i nostri "eroi",anzi si sarebe fatto di tutto per oscurare il fatto.Chi ci comanda a livello ministeriale nulla ha a che vedere con il nostro lavoro e fin dove può arrivare si oppone con tutte le sue forze affinchè la polizia penitenziaria continui a rimanere li dove lor signori l'hanno relegata da sempre. Inoltre la nostra immgine è "curata" da un educatore tolto alle funzioni appunto di educatore nelle sedi proprie (il carcere) e delegato a dirigere l'ufficio stampa del corpo (nostro) . La differenza sta tutta qui, la polizia di serie a si rappresenta con i propri uomini che hanno spiccate attitudini a fare ciò, quella di serie b viene rappresentata da persone che nulla hanno a che fare con chi rappresentano, anzi non hanno nessuna cognizione in materia di immagine di un corpo di polizia dello stato e non si capisce perchè siano stati dirottati dall'istituto dove dovrebbero stare a sentire i detenuti e piazzati nel più confortevole "ponte di comando". A proposito in 30 anni di onorato servizio volendo calcolare per diffetto, situazioni come quella del carabiniere ne ho vissuto almeno una al giorno, tolte le ferie dovrebbero esser circa 330 all'anno per 30 anni sono 9900. Altre 100 che maturerò nei prossimi 100 giorni ( in ferie non ci vado per ben noti motivi) e arrivo a 10.000, ma 10.000 delle mie valgono quanto una del carabiniere?

Di  marco  (inviato il 02/03/2012 @ 12:03:04)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.66.254


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione