Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Enrico Ragosa: Maxiprocesso, sequestratori e terroristi


Polizia Penitenziaria - Enrico Ragosa: Maxiprocesso, sequestratori e terroristi

Notizia del 28/11/2011

in Accadde al penitenziario

(Letto 6225 volte)

Scritto da: Beppe

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


La sera del 9 febbraio 1986, vigilia dell’inizio del Maxi Processo, Enrico, io e altri cari colleghi, eravamo all’interno dell’Ufficio Matricola dell’Ucciardone. C’era chi dettava e chi batteva a macchina. La vecchia Olivetti! Si preparavano gli ultimi stampati, gli ultimi elenchi riguardanti il processo. Si lavorò fino alle cinque di mattina. Il Capo mi disse: “Beppe, ormai è inutile andare a letto. Facciamoci una doccia e poi ci rechiamo in aula!”. Ne convenni. Mai avremmo potuto rinunciare ad assistere all’inizio del Maxi Processo. L’evento era storico! Lo testimoniava anche la presenza delle tivù di mezzo mondo. Ci sedemmo nel settore di sinistra rispetto alla Corte. Ma eravamo esausti! Il frastuono nell’aula conciliava paradossalmente il sonno. Mi assopii da seduto. “Bebbe, cosa fai dormi? Ci guarda mezzo mondo!”. Dopo un po’: “Capo, tutto bene?”. Si era assopito anche lui. Andammo avanti così fino alla fine dell’udienza. Ma c’eravamo!

Fu sua l’idea di informatizzare il Maxi Processo, ovviamente per ciò che concerneva il punto di vista carcerario. A dire il vero, ne beneficiò anche la Corte d’Assise. Ma dietro a questa manovra importantissima, che segnò una svolta epocale per la successiva informatizzazione degli Uffici Matricola, ci furono tante notti di lavoro. Era riuscito a reclutare un Ingegnere informatico, palermitano, molto bravo e competente. Equilibrato. Anche simpatico. Era disponibile soltanto la sera, dopo cioè il suo normale turno di lavoro. Si prestò a questa scommessa. E la vinse. Insieme a tutti noi. Per la verità rischiò più volte di fumarsi il cervello per le continue, pressanti, assillanti e svariate richieste di Enrico che una ne pensava e cento ne faceva. Il Capo non era mai contento del risultato raggiunto, cercava sempre il meglio. E alla fine lo otteneva. Per la cronaca: anche l’Ingegnere si abituò a chiamarlo Capo, e lavorò al computer anche di notte, con noi.

A Palermo condividevamo l’Ufficio col Capo. Così come a Napoli, a Trapani o altrove. Il Capo stava sempre in mezzo a noi. Un giorno, dopo aver ricevuto una telefonata, ordinò perentoriamente:  “Fra dieci minuti vi voglio tutti in divisa nuovamente qui, in ufficio!”. Così fu! Con noi “zappava” un Appuntato del luogo le cui misure corporali non rispondevano ai normali canoni, per cui la divisa non gli donava tanto. Era un po’ grassoccio! Il problema che era stato rappresentato per telefono al Capo era molto serio, noi lo avevamo intuito ed eravamo naturalmente pronti ma un po’ tesi. Non appena il Capo vide il collega in divisa, esclamò: ”Belìn, quanto fai schifo vestito così! Rivestiti come prima!”. Le risate non furono normali. Il Capo sdrammatizzava sempre prima di un’operazione delicata e pericolosa. Il collega era molto autoironico per cui fu il primo a scoppiare dal ridere. Sappiamo tutti che quando Ragosa “ti prende a parole” è segno che ti vuol bene. “Vai a zappare, buliccio (che in genovese significa gay)!”.

Il Presidente della Corte d’Assise era contento dell’operato di Enrico. E un giorno gli disse: “Capitano, Lei è un ottimo Comandante!”. Lui rispose: “E’ vero, Signor Presidente. Questo è perché scelgo gli uomini migliori!”. Ha sempre impiegato gli uomini giusti al momento giusto.

E’ amante della divisa, della forma e della disciplina. La gestione di un importante pentito di mafia richiede un certo rigore nella scelta degli uomini da impiegare per la sua custodia. Enrico ha sempre scelto personalmente i suoi uomini. Giunse nella struttura detentiva un giovane Agente, segnalato da Piero, caro amico e valido collaboratore del Capo. Avvertii Furia che mi autorizzò a farlo entrare in ufficio, voleva prima conoscerlo. Il ragazzo si comportò come se Enrico fosse per lui un vecchio amico. Il Capo lo fece accomodare, si alzò dalla scrivania, fece il giro e gli si  sedette di fronte. Gli offrì una sigaretta e gli chiese se gradiva un caffè. Il ragazzo accettò la sigaretta, rifiutò il caffè e cominciò a parlare col Capo quasi a tu per tu! Non aveva capito un tubo. Il Capo mi disse: “Ricominciamo daccapo. Istruiscilo e poi lo riaccompagni!”. Spiegai a quell’Agente che il lavoro che si sarebbe apprestato a fare era estremamente delicato e impegnativo, ed era opportuno che si iniziasse già dal rispetto del grado e delle responsabilità di ciascuno. Il ragazzo capì, ma nel contempo si intimorì. Rientrammo in stanza. Si presentò sugli attenti e rimase in piedi. Il Capo gli disse: “Così va meglio. Adesso chiamami Piero”. Con ciò intendeva dire all’Agente di contattare il suo sponsor, Piero, al telefono e metterlo in comunicazione col Capo. Ma il ragazzo, impaurito, si rivolse timidamente al Capo e lo chiamò, quasi sottovoce: “Piero!”. Scoppiammo a ridere a crepapelle. Ovviamente restò con noi a … zappare!

Mi viene in mente un ultimo episodio del quale non sono stato un testimone diretto, ma mi è stato raccontato da qualcuno che nel frangente lavorò al suo fianco. Non ricordo molto bene i particolari, ma vale la pena ricordarlo comunque. Marassi era in rivolta. Alcuni detenuti tenevano in ostaggio delle guardie e minacciavano di ucciderle. Anche i Carabinieri avevano fatto ingresso in istituto quale forza di supporto. La situazione precipitava. Enrico decise di entrare in Sezione, cercò di trattare e si offrì quale ostaggio in cambio degli Agenti. Disse ai sequestratori: “Lasciate liberi i miei Agenti. Prendete me in cambio. Vi do anche il culo, ma lasciate i miei Agenti!”. Gli Agenti furono rilasciati, Enrico non fu merce di scambio. Nei giorni successivi la cella interessata fu monitorata. Non esistevano ancora i moderni mezzi della tecnologia e i sequestratori parlavano un dialetto genovese molto stretto. L’unico in grado di comprenderli era proprio Enrico che, all’uopo, si era piazzato all’esterno della finestra della cella, al piano terra. Chinato per non farsi scoprire. Tra i tanti discorsi, sentì anche una frase: “Belin, Ragosa ha offerto il culo. Sarà un po’ buliccio?”. Enrico lasciò perdere la copertura, si alzò e, attraverso la finestra, replicò: “Buliccio a chi!?”. L’operazione era tecnicamente fallita. Successivamente, per fortuna, nacque il pentito!

Capo, ho voluto unirmi ai tanti cari amici e colleghi che Le hanno tributato ancora una volta il loro affetto, la loro amicizia e il loro ringraziamento.

Quel ragazzo siciliano, che volle testardamente tornare in Sicilia, La ringrazia ancora una volta per tutto il bene che ha ricevuto, per quelle volte che Lei gli ha salvato la vita e per i Suoi insegnamenti che custodisce gelosamente nel proprio cuore. A presto, per poter ricordare insieme. Un caro abbraccio,

Beppe

Leggi anche: Omaggio ad un mito: Enrico Ragosa 

Leggi anche: Enrico Ragosa: Poggioreale settembre 1982 

Leggi anche: Enrico Ragosa: come trattava i camorristi e mafiosi e come trattava il suo personale


Scritto da: Beppe
(Leggi tutti gli articoli di Beppe)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


grazie gazie grazie grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee capo x mio marito da giuseppina cep

Di  giuseppina  (inviato il 08/11/2013 @ 10:38:28)


n. 3


Egregio Generale Messina, io penso che la ricista del DAP sia autoreferenziale, più proiettata verso tematiche culturali che non quelle di ricordare un vecchio agente di custodia che tanto ha dato all'Amministrazione e che, ripeto per me rimane il simbolo degli AA.CC., senza che questo nulla tolga agli altri e a quanti si sacrificarono per il Corpo. Detto questo io credo che tra le migliaia di contatti che hanno avuto questi articoli, sicuramente anche chi fa parte della redazione del giornale li ha letti e quindi per la prima volta, chi di dovere, potrebbe prendere la palla al balzo, dedicando un inserto al generale Ragosa, perchè no, ripubblicando gli articoli che noi stiamo pubblicando a puntate e correndando l'articolo di foto ed un estratto dei commenti, citando tra l'altro la fonte da cui provengono. Credo che questo servirebbe anche a smorzare le polemiche tra le due riviste. Grazie comunque per l'attenzione dimostrata

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 28/11/2011 @ 15:48:45)


n. 2


... a "nuvola rossa" complimenti! hai avuto una splendida idea, come dimostrano le decine di commenti e testimonianze raccolte grazie a tutti coloro che hanno scritto.
... a "beppe" bravo!
... piccolo modesto contributo dello scrivente ... se vi sembra percorribile, perchè non far giungere l'idea di far pubblicare un numero dedicato - o un inserto speciale - della rivista "Le Due Città" a gennaio del nuovo anno solare (magari con una raccolta di quanto fin qui scritto) per "celebrare" e testimoniare doverosamente da parte del DAP - a suggello della sua meritata pensione - il grande contributo in qualità e quantità lavorativa profuso dal Capo in tanti anni di servizio per l'Amm.ne penitenziaria? saluti a tutti, andrea messina

Di  andrea messina  (inviato il 28/11/2011 @ 13:09:16)


n. 1


Beppe.........Sei un grande.
Per ultimo, penso che sia il pensiero di tutti i collaboratori del CAPO

CAPO.....grazie di tutto quello che Lei ha fatto per noi ....E' un GRANDISSIMO rimmarra sempre nei nostri cuori.

Di  Eugenio  (inviato il 28/11/2011 @ 12:10:27)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.65.227


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione