Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Ente di Assistenza: a chi serve?


Polizia Penitenziaria - Ente di Assistenza: a chi serve?

Notizia del 03/01/2017

in L''Editoriale

(Letto 2375 volte)

Scritto da: Donato Capece

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


L'Ente di Assistenza è stato istituito dall'articolo 41 della legge 395 del 1990, che gli ha conferito personalità giuridica di diritto pubblico. Allo stesso Ente sono state attribuite competenze dello Stato individuate negli interventi di protezione sociale in favore del personale del Corpo di Polizia e dell'Amministrazione Penitenziaria e loro familiari, ai sensi dell'articolo 24 del D.P.R. 616 del 1977 (trasferimento competenze alle regioni).

Nel corso degli anni, l'Ente di Assistenza ha incrementato le sue entrate grazie ad una efficiente organizzazione, sia contabile che commerciale, degli Spacci (gestioni periferiche) che ha gestito e gestisce e dai quali riceve gli utili ed ha potuto così garantire sostanziose erogazioni oltre che agli orfani, unico compito del trasformato ente orfani, al personale stanziando milioni di euro in sussidi per famiglie in condizioni disagiate, sussidi post mortem per i familiari di dipendenti deceduti e sussidi funeralizi per decesso di congiunti, oltre ai premi per chi consegue un titolo di studio. Ha organizzato migliaia e migliaia di soggiorni estivi in Italia e all'estero, (anche negli Stati Uniti) per i figli dei dipendenti ed ha realizzato, con i propri fondi, gli stabilimenti balneari di Maccarese, Torre Chianca, Catania e il villaggio di Is Arenas dove le famiglie hanno potuto e possono trascorrere 15 giorni di vacanza in un posto incontaminato.

Gli interventi per garantire il benessere del personale sono aumentati di anno in anno con l'attivazione di foresterie per il personale presso le Scuole dell'Amministrazione (Verbania, Portici, Catania, Sulmona e Parma), con elargizione del “buono Epifania” ai figli dei dipendenti del valore di 50,00 euro e la distribuzione della confezione natalizia al personale composta da prodotti realizzati negli istituti penitenziari. Tutte le attività poste in essere dall’Ente sono state apprezzate nel tempo dal personale sia per quanto concerne gli aiuti economici che per le iniziative di svago.

Ora sembra che tutto andrà perduto, non si sa perché...

Si è tenuta infatti presso il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, lo scorso lunedì 7 novembre 2016, la seduta del Comitato di Indirizzo Generale dell’Ente di Assistenza che ha discusso il piano delle attività per l’anno 2017. L’informativa a corredo della lettera di convocazione ha chiarito che, nel prossimo futuro, gli scenari saranno davvero inquietanti per i poliziotti penitenziari e andranno ad avvalorare quel che il SAPPE sostiene dal 2008: ossia che l’Ente di Assistenza, così come è stato organizzato dal nuovo decreto, non può funzionare per la sua sostanziale incapacità di mettere in campo progetti a medio e lungo termine.

Con il Comitato di Vigilanza trasformato in una assemblea di trenta persone, tutto il potere decisionale risiede nel Consiglio di Amministrazione e, sostanzialmente, nelle mani di una sola persona: il Capo del DAP.

I risultati sono sotto gli occhi di tutti e per il 2017, come detto, sarà peggio che andar di notte...

L’Amministrazione Penitenziaria intende infatti aumentare la quota di adesione all’Ente di Assistenza a 3 euro ma contestualmente prevede di ridurre i fondi per i sussidi funeralizi, riconoscendoli solamente per coniugi/compagni o figli (nucleo familiari, e non più per il decesso di genitori del dipendente, quelli per sussidi vari al personale e per le spese dei soggiorni estivi dei figli dei dipendenti.

Non solo. L’informativa presentata, e firmata dal Segretario dell’Ente, prevede anche di ridurre i fondi per l’Epifania, con la consegna a tutto il personale della sola confezione natalizia (composta da prodotti realizzati dai detenuti) ed eliminando quindi il buono Epifania per i bimbi oppure ridurre drasticamente il buono Epifania, dagli attuali 50 euro a 30 euro e quelli destinati ai premi al personale che consegue un titolo di studio superiore a quello posseduto, prevedendo la corresponsione solamente a quelli che conseguono un diploma di scuola media superiore (non più, dunque, lauree triennali e quinquennali, dottorati, etc.).

Insomma, tagli su tagli a fronte di un richiesto aumento della quota di adesione. E poi c’è ancora chi ci chiede perché parliamo di una “Amministrazione Penitenziaria matrigna”?

L’Ente dovrebbe essere di aiuto e di sostegno ai poliziotti penitenziari ed ai dipendenti dell’Amministrazione. Ed invece imbocca una strada completamente opposta. Una cosa è certa: se questo ridicolo progetto dovesse andare in porto, il SAPPE inviterà tutti i poliziotti penitenziari a dare disdetta dall’Ente di Assistenza!

Così com’è strutturato e concepito, non serve e non servirà proprio a nessuno...

 


Scritto da: Donato Capece
(Leggi tutti gli articoli di Donato Capece)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Intervistato agente penitenziario francese: Il terrorismo islamico recluta giovani sbandati nelle carceri
Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare
Omicidio del Maresciallo Di Bona, la Cassazione conferma gli ergastoli per i mafiosi
Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna
Strasburgo bacchetta l''Italia: troppi detenuti in attesa di giudizio
G8, Corte Strasburgo: Italia risarcirà con 45mila euro sei vittime di Bolzaneto
Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari
Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 9


Risposta per il numero 6 , mio carissimo purtroppo ancora e tutto incerto se i riconteggiare li faranno in automatico oppure si deve presentare richiesta presso l'inps, su questo sito avevo chiesto informazione ma purtroppo essendo pensionato oramai non esisto più per il sindacato e l'amministrazione forse diamo fastidio chissà............
Prova a vedere sul forum sicurezza e difesa grnet che per l'argomento in questione c'è molta discussione da parte dei carabinieri e di tutti .
Diamoci l'augurio di qualche umile adentrato nella materia che possa informarci .

Di  Angelo  (inviato il 04/01/2017 @ 19:46:22)


n. 8


Vorrei comprendere perché, da qualche anno ormai, tutti i cesti natalizi hanno solo ed esclusivamente cibarie fatte e confezionate nelle varie carceri d'Italia.
Non credo possa essere considerato discriminatorio dire che, siccome già lavoro in carcere 365 giorni l'anno, almeno il giorno di Natale (quando mi capita libero) vorrei un pacco con dolci presi all'esterno.

Pago, almeno per ora, 1,50 al mese? Si? 18 euro l'anno mi sembra.

Ebbene, che ne tengano pure 10 da destinare alle altre attività, ma con 8 euro una bottiglia di prosecco ed un pandoro penso che ce la facciano.

O mi devo sentire discriminatorio per pretendere di non pensare al carcere anche durante il pranzo di Natale?

Di  Cercograziatrovo...  (inviato il 04/01/2017 @ 14:27:17)


n. 7


Qualcuno mi puo' spiegare che fine hanno fatto i soldi destinati all'Astrea e xche' i soldi dell'Ente servono per giocare a pallone? Grazie

Di  Anonimo  (inviato il 04/01/2017 @ 11:59:46)


n. 6


Qualcuno può approfondire sul commento di Angelo N° 5 delle 9:17
Anni 1981/1982/1983.
Grazie.
Avevo letto qualcosa sui siti ,di concreto cosa c'è ?
In tanti dicono che tutto viene fatto in automatico.
Notizie sicure scrivete pure Grazie.

Di  Anonimo 81  (inviato il 04/01/2017 @ 10:15:14)


n. 5


Signor Donato Capece chi le scrive e un ex collega oggi in pensione dopo 35 anni effettivi di servizio credevo di potermi godere quel tanto atteso meritato riposo senza problemi di sorta e purtroppo non è così per volere di sua maestà inps la quale tutti i conteggi effettuati al personale arruolato nella data 1981 1982 1983 sono errati e calcolati con aliquote pensionistiche al ribasso di oltre 100 euro mensili, fa giorni su infodifesa e uscito un articolo che recita l'inps dovra rifare i calcoli pensionistici per arruolati anni 1981/1983 .
Sappiamo tutti che in nostro dipartimento si prende 5 anni di tempo per emettere il decreto definitivo pensionistico comprensivo delle accessorie ma però quando anziché 5 anni diventano 7 anni d'attesa le chiedo nella sostanza una volta che l'appartenente alla,polizia penitenziaria raggiunge la meritata pensione e come se di colpo si diventa invisibili come se diamo fastidio all'amministrazione quella amministrazione per cui ci siamo sacrificati e che purtroppo spesso si dimentica dei pensionati trattandosi come fastidiosi .
W la polizia penitenziaria un caloroso saluto per tutti i colleghi

Di  Angelo  (inviato il 04/01/2017 @ 09:17:34)


n. 4


Scrivete commenti al riguardo del post,invece di essere curiosi di sapere chi scrive.

Di  Nino Mix  (inviato il 03/01/2017 @ 19:01:50)


n. 3


Anonimo 1.
Azz! La parola "cavolo" mi ha fatto capire chi sei.

Di  Urbus Opulentissima  (inviato il 03/01/2017 @ 17:49:55)


n. 2


Caro Dottor Capece lei ha ragione Io a lei la stimo perchè lei è l'unico che ci tiene a noi e al corpo .
Io ho sempre pagato l'ente assistenza,l'ho fatto perchè è sempre stata una mia priorità aiutare gli altri.

Di  W il Sappe  (inviato il 03/01/2017 @ 14:07:52)


n. 1


Togliere la legge meduri!! Cavolo !! Ci vuole tanto?

Di  Anonimo  (inviato il 03/01/2017 @ 09:44:21)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.198.187.30


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946





Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

7 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

8 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

9 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione