Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Era un Agente di Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - Era un Agente di Polizia Penitenziaria

Notizia del 08/12/2011

in Accadde al penitenziario

(Letto 4117 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Rientravo in carcere come accade ogni sera da qualche decennio, e non perché io sia un funzionario della Casa Circondariale, ma perché la mia condizione è quella di cittadino detenuto per metà libero, infatti di giorno svolgo la mia attività lavorativa, mantengo le relazioni famigliari,  affettive e sociali, mentre la sera ritorno nella mia cella a fare i conti non più solo con i pesi del passato, ma con il futuro che è già oggi.

Ho saputo che un altro uomo se ne è andato dal carcere, ma non è fuggito, nè ha agito disperatamente, non è  morto dentro un’azione personale muta e sorda, è scomparso per un accidente, un arresto cardiaco, non era un detenuto, ma un Agente di Polizia Penitenziaria.
Un episodio come tanti altri, che può accadere tutti i giorni e a chiunque, se non fosse che quest’uomo io lo conoscevo, risultando una persona profondamente umana e rispettosa del proprio ruolo, e della condizione di tanti altri uomini privati della libertà.

Umanità e giustizia hanno parentela stretta, storie che non sono di ieri, ma di tempi trapassati, che però hanno  temprato gli individui, le generazioni, le società, imparando anche dentro una galera a crescere insieme, rispettando se stessi e gli altri. E questo nonostante il carcere sia ridotto a una arena di residualità di poco interesse.

Un Agente che sapeva distinguersi, ascoltare, consegnare una parola non soltanto di conforto, ma precisa nell’informare chi era in difficoltà, un agente che non ha mai lesinato accenti  autorevoli per rendere corretta e quindi applicabile la norma.

Un uomo consapevole della propria professionalità, dell’importanza del proprio mandato, uno di quegli uomini che consentono di accorciare le distanze, di sostituire alla parola ideologia la parola risocializzazione, opponendo una volontà valoriale dedicata a contrastare quella desensibilizzazione altamente cancerogena che attraversa il carcere e buona parte del  consorzio sociale.

Anche in una cella può accadere che l’uomo faccia un passo indietro e possa avverarsi un dialogo costruttivo, leale, onesto, nella consapevolezza di un nuovo percorso formativo e  esistenziale, uno spazio dove c’è una pena che, sì, sottoscrive la privazione della libertà, ma allo stesso tempo obbliga al rispetto della dignità di chi è detenuto, con la possibilità di svolgere una prevenzione di forma e di contenuti appropriati a una espiazione funzionale alla salvaguardia della collettività.

Nonostante i problemi endemici all’Amministrazione Penitenziaria, da restringere drammaticamente la vivibilità del recluso, c’è comunque speranza di avviarci verso un modo nuovo di intendere la pena,  il rispetto delle persone prigioniere o libere, degli operatori penitenziari e degli uomini in cammino verso la propria liberazione, reclamando con un comportamento dignitoso e equilibrato quelle riforme necessarie e non più rinviabili.

Era un Agente di Polizia Penitenziaria, dalle buone maniere, deputato a fare rispettare le regole e le norme, ma anche una persona che non ci stava ad abdicare al suo dovere di educatore e di operatore di giustizia, un riferimento che con la sua presenza pacata e attenta, sapeva mettere pancia a terra molte delle contraddizioni di cui si nutre il carcere, ma soprattutto con il suo comportamento equilibrato, non contribuiva mai a rafforzare una “collettività di distratti e noncuranti”, causa nefasta di quell’indifferenza dell’uomo verso l’uomo.

www.politicamentecorretto.com


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Che tristezza!!! solo e soltanto tanta ma tanta tristezza e nulla piu'.

Di  Nicola  (inviato il 17/12/2011 @ 09:42:53)


n. 2


Questo è il risultato di come l'amministrazione tutela i suoi servitori (poliziotti)!!!!
A volte non si rispettono neanchè le regole fondamentali della Costituzione e i diritti dei lavoratori, questa dovrebbe essere la giustizia italiana.
Si ignorono anche le patologie di cause di servizio, tipo l'ipertensione provocata da stress lavorativo.
Si ignorono le sentenze dei tribunali e la conseguenza per le persone più fragili è la morte, dall'infarto al suicidio.
Dove è in questo caso il capo del dipartimento con le sue demagogie????

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 09/12/2011 @ 23:20:18)


n. 1


Questo è il risultato di come l'amministrazione tutela i suoi servitori (poliziotti)!!!!
A volte non si rispettono neanchè le regole fondamentali della Costituzione e i diritti dei lavoratori, questa dovrebbe essere la giustizia italiana.
Si ignorono anche le patologie di cause di servizio, tipo l'ipertensione provocata da stress lavorativo.
Si ignorono le sentenze dei tribunali e la conseguenza per le persone più fragili è la morte, dall'infarto al suicidio.
Dove è in questo caso il capo del dipartimento con le sue demagogie????

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 09/12/2011 @ 23:19:53)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.31.252


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

9 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

10 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario


  Cerca per Regione