Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Fermare l'immunità dei Dirigenti del DAP. Cosa può fare la Polizia Penitenziaria?


Polizia Penitenziaria - Fermare l'immunità dei Dirigenti del DAP. Cosa può fare la Polizia Penitenziaria?

Notizia del 07/01/2013

in Dal buco della serratura

(Letto 15824 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Due secoli e mezzo fa Montesquieu definiva “sicurezza” la certezza del cittadino di non essere sottoposto a giudizi e punizioni arbitrarie da parte dell'autorità.

E fino a qui, almeno sulla carta, come Società ci siamo arrivati. Esistono infatti vari gradi di giudizio e possibilità di appello e ricorso verso le decisioni dell'autorità, di qualunque grado essa siano.

Ogni singolo poliziotto penitenziario è sanzionabile e al tempo stesso garantito, dal Decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 449 “Determinazione delle sanzioni disciplinari per il personale del Corpo di Polizia Penitenziaria e per la regolamentazione dei relativi procedimenti”, e più in generale, come Polizia Penitenziaria, esiste la possibilità di riunirsi in associazioni sindacali che (almeno dovrebbero) garantiscono i diritti della categoria dei poliziotti penitenziari.

Queste varie forme e gradi di garanzia di sicurezza però, per essere pienamente efficaci, dovrebbero essere opportunamente seguite e quindi rese effettive, da un qualche intervento sanzionatorio, quantomeno amministrativo, nei confronti di chi, in un determinato contesto, ha soggettivamente incarnato l'autorità; altrimenti, la persona fisica che in un determinato periodo di tempo assume il ruolo di autorità amministrava, potrebbe essere tentata di prendere decisioni anche in palese contrasto con la Legge, certa del fatto che, nella peggiore delle ipotesi, i vari gradi di giudizio previsti a garanzia del poliziotto penitenziario e più in generale della Polizia Penitenziaria (o del cittadino), annulleranno i soli effetti delle sue decisioni e mai sanzioneranno la sua carriera o la sua persona fisica.

Tutto ciò nel tempo ha determinato una sorta di sensazione di “immunità” da parte dei Dirigenti del DAP che ha fatto credere loro di poter assumere decisioni anche in palese contrasto con la Legge. Essi hanno contato anche su tre motivi strutturali.

Il primo è che sono tali e tanti i contenziosi tra Amministrazione e singoli dipendenti, che è difficile tenerne traccia.

Il secondo è che i contenziosi, nella maggior parte dei casi, si prolungano per anni e spesso la persona fisica che ricopre il ruolo di quella determinata autorità, cambia nel tempo, rafforzando ancora di più quella sensazione di “immunità” in quanto, l'eventuale sentenza di illegittimità amministrativa può sempre essere fatta ricadere sul proprio predecessore o sul proprio successore.

Il terzo motivo per cui i Dirigenti dell'Amministrazione penitenziaria godono di una immunità (di fatto) riguardo le loro decisioni erronee, è che l'eventuale ricorso avverso le decisioni sbagliate dell'Amministrazione, riguardano solo il singolo poliziotto o un ristretto gruppo di persone, facendo percepire negli altri poliziotti che la faccenda riguardi i soli ricorrenti.

Questo senso di estraneità da parte dei poliziotti, a sua volta, è rafforzato da un altro fattore. Non esiste ancora un luogo dove poter conoscere tutto ciò che avviene (di giusto e di sbagliato) nelle varie Direzioni e Uffici del DAP, comprese le diverse ramificazioni periferiche dell'Amministrazione penitenziaria. Molto è stato fatto con questo stesso Blog della Polizia Penitenziaria, il primo e l'unico fino ad ora (e sono sicuro che mai ci sarà una degna imitazione) che ha ospitato interventi di denuncia e di aperto contrasto contro le decisioni erronee dell'amministrazione penitenziaria. Ma ancora non basta. Serve uno strumento efficace per far interagire ogni singolo poliziotto con ogni altro singolo suo collega. Uno strumento che offra la possibilità alla Polizia Penitenziaria (intesa come comunità) di potersi confrontare su determinate questioni inerenti il proprio lavoro e che permetta l'effettiva percezione ad ogni singolo poliziotto penitenziario, di essere parte di una collettività viva e forte. La stragrande maggioranza di tutta l'Amministrazione penitenziaria!

Su questo nuovo (auspicabile) strumento non posso dilungarmi oltre perché ci saranno importanti novità nelle prossime settimane!

Invece per quanto riguarda la possibilità di conoscere e tenere traccia delle “immunità” dei nostri Dirigenti, vi rimando all'apposita sezione di questo Blog che tratterà i ricorsi al TAR che riguardano l'Amministrazione e la Polizia Penitenziaria che proverà a fare un passo in avanti affinché i nostri Dirigenti la smettano di considerarsi al di sopra della Legge.

Ho detto che ci proveremo perché nulla sarà più efficace delle segnalazioni di ogni singolo poliziotto penitenziario. Spero che da tutta Italia ci sia almeno qualcuno che si senta ancora parte di un Corpo di Polizia dello Stato e che collabori con noi per rivendicare i diritti della Polizia Penitenziaria e ritrovi in sé la dignità di “Uomo di Stato” qual'è.

 


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


Ciao, sono un ex collega, ora con la legge 449/90 viae Graziella a questa legge che difende il diritto ad un altro impiego nelle Amministrazione dello Stato.
Avevo 21 anni di servizio nel 2009 ho subito un intervento chirurgico , dalla quale i famigerati Osp. Militari C. M. O , sono a ruolo civile, sono 7 anni che aspetto dopo il TAR Lombardia., ora al Consiglio di Stato per farmi avere il diritto di essere di nuovo dei vostri, oggi per farti riconoscere un diritto come dicono in tanti ci vogliano soldi, tanti soldi, dai 5000 ai 10.000, se tutto va bene. Mi aspetto che il Consiglio di Stato midia ragione. Faccio tanti auguri a tutti. Buon 2 giugno.

Di  Anonimo  (inviato il 02/06/2016 @ 17:18:57)


n. 9


siamo sempre al punto di partenza!! Non è possibile che a fronte di legittime richieste per il riconoscimento di un qualsivoglia diritto od applicazione di norme, nella migliore delle ipotesi vengono adottati provvedimenti di rigetto che disattendono palesemente previsioni normative di ogni rango o che denotano una colpevole mancanza del più elementare buon senso. E la cosa pi allucinante è che tutto ciò, molto spesso, viene praticato nella piena consapevolezza di negare qualcosa di dovuto! Quindi ogni qual volta bisognerebbe ricorrere per le vie legali. Sappiamo bene quali i tempi ed i costi!!! Purtroppo è l'unica via possibile, e con il tempo che passa anzi che migliorare si peggiora. E alla fine di tutto il Dirigente che ha sbagliato ad emettere un provvedimento non paga mai. Da questo punto di vista il Sindacato dovrebbe fare qualcosa di più, altrimenti anzi che iscriversi al sindacato sarà meglio associarsi ad uno studio legale!!

Di  Carlo Acquasanta  (inviato il 08/02/2016 @ 11:44:25)


n. 8


Abrogazione immediata dei Carrozzoni DAP e PRAP! Entrambe le strutture non sono in grado di gestire il personale del Corpo, i Poliziotti risultano essere perennemente in conflitto con questi vertici impropri, che da sempre hanno amministrato il Corpo usando l'arroganza e la straffotenza, dapprima con la militarietà e poi dopo la riforma,semplicemente ignorando e calpestando con l'appoggio della classe Politica i più elementari diritti dei Poliziotti! Lo sganciamento del Corpo da questi organismi inutili, sicuramente apporterebbe un notevole vantaggio in termini di efficienza, trasparenza e snellimento delle pratiche nella gestione del personale ed anche del sistema Penitenziario in Generale. Di fatto l'attuale conformazione che vede il Corpo sottomesso alla Dirigenza Penitenziaria, produce solo un'abnorme mole di burocrazia e di conflitto con il Personale di Polizia Penitenziaria, per cui il più delle volte quest'ultima componente, si vede costretta a ricorrere alle vie legali al fine di far valere i propri diritti.

Di  L' ultimo degli Agenti  (inviato il 06/02/2016 @ 00:20:51)


n. 7


vorrei pubblicare il mio ricorso una cosa allucinante, ma non fino a che punto conviene sp*****are un direttore quando poi ci lavori tutti i giorni ed eseguire i suoi ordini -

Di  aurelio  (inviato il 22/03/2014 @ 23:03:12)


n. 6


abbiamo (n.20 colleghi in servizio presso la C.C. di Altamura -BA-) vinto un ricorso nell'anno 2010 al TAR Puglia per il pagamento delle ore di lavoro straordinario eccedente le famose 36 ore settimanali, abbiamo vinto anche dinanzi al Consiglio di Stato nell'anno 2011 presso cui l'Amministrazione si era costituita per l'annullamento della sentenza del TAR Puglia, abbiamo più volte, mediante lo studio Legale intimato l'Amministrazione al pagamento di quanto sancito in sentenza ed a tutt'oggi, Febbraio 2013, nonostante l'attivazione di procedura legale intesa al pignoramento dei Conti Correnti dell'Amministrazione Penitenziaria presso la Banca d'Italia, i nostri Dirigenti se ne fottono altamente.
Cos'altro dobbiamo fare per avere quello che ci spetta?
A cosa serve la Legge e la Giustizia se poi non vengono neppure applicate?
Se sbagliamo noi paghiamo immediatamente e loro possono fare quello che vogliono?

Di  Carlo Acquasanta  (inviato il 02/02/2013 @ 18:10:54)


n. 5


È soltanto un mio pensiero il personale pol. Pen viene giudicato da un tribunale corrotto (provv.regionale) che ti da sempre torto dopo di che potevi ricorrere al d.a.p.gratuitamente ora non più devi spendere soldi invece i dirigenti con l'avvocatura dello stato fanno ricorsi si tutelano senza cacciare un centesimo dalla loro sacchetta che comodità fate pagare a loro quando perdono i ricorsi al tar

Di  Salvatore  (inviato il 08/01/2013 @ 12:12:45)


n. 4


Anonimo punto3 io ne sono onorato e son contentissimo e fiero di far parte della polizia penitenziaria i colleghi con gli attributi ci sono te lo assicuro poi se qualcuno si sente inferiore come persona e come poliziotto e' un suo problema. saluti.

Di  Dino ex VFP  (inviato il 07/01/2013 @ 20:52:21)


n. 3


Ho pochi anni di servizio, provengo dall'onorato corpo dell'esercito italiano da cui ho tratto grande esperienza umana e soddisfazione professionale riconosciuta con le più alte note caratteristiche, nell'esercito ho scoperto l'essenza della meritocrazia e tuttavia della solidarietà e del rispetto tra colleghi. In qualche anno di servizio presso la PP ho perso l'orgoglio di appartenere ad un corpo di polizia per avere appurato la mancanza di tutto questo, anzi... Me ne vergogno in prima persona in quanto appartenente a questo corpo. Spero di potere ritrovare la fiducia prima o poi.

Di  Anonimo  (inviato il 07/01/2013 @ 15:59:57)


n. 2


Se nemmeno due Capi DAP si "degnano" di ottemperare ad una sentenza del TAR... Questi non hanno paura di niente perché fino ad ora, a parte un po' di sp*****amento (poco), non gli succede nulla. Ci vorrà tempo, ma solo per vie legali possiamo fermarli. A patto di condividere le informazioni e auto tutelarci come Poliziotti.

Di  Enzima  (inviato il 07/01/2013 @ 12:10:05)


n. 1


striscia la notizia, giornali, ed organi di informazione in generale. Solo di questo hanno paura. Non basta dircelo tra di noi. Comunque credo sia una iniziativa lodevole. Bravo enzima.

Di  nato scoglio  (inviato il 07/01/2013 @ 11:59:59)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.149.128


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

7 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

8 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

9 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni

10 Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa


  Cerca per Regione