Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!


Polizia Penitenziaria - Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

Notizia del 11/05/2018

in L''Editoriale

(Letto 1542 volte)

Scritto da: Donato Capece

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


E’  successo ancora. Un poliziotto penitenziario di 31 anni di origini sarde, effettivo alla casa circondariale di Aosta, sposato da pochi mesi, in forza al Gruppo Operativo Mobile della Polizia Penitenziaria e in questo periodo operativo in Sardegna si è tolto la vita a Oristano lo scorso 18 aprile.

Tragedie che ogni volta che si ripetono determinano in tutti noi grande dolore e angoscia. E ogni volta la domanda che ci poniamo è sempre la stessa: si poteva fare qualcosa per impedire queste morti ingiuste?

Si poteva intercettare il disagio che caratterizzava questi uomini e, quindi, intervenire per tempo?

Non sappiamo se vi siano correlazioni con il lavoro svolto.

Ma è luogo comune pensare che lo stress lavorativo sia appannaggio solamente delle persone fragili e indifese: il fenomeno colpisce inevitabilmente anche quelle categorie di lavoratori che almeno nell’immaginario collettivo ne sarebbero esenti, ci riferiamo in modo particolare alle cosiddette “professioni di aiuto”, dove gli operatori sono costantemente esposti a situazioni stressogene alle quali ognuno di loro reagisce in base al ruolo ricoperto e alle specificità del gruppo di appartenenza.

Il riferimento è, ad esempio, a tutti coloro che nell’ambito dell’amministrazione di appartenenza spesso si ritrovano soli con i loro vissuti, demotivati e sottoposti ad innumerevoli rischi e ad occuparsi di vari stati di disagio familiare, di problemi sociali di infanzia maltrattata ovvero tutto quel mondo della marginalità che ha bisogno, soprattutto, di un aiuto immediato sulla strada per sopravvivere.

L’Amministrazione Penitenziaria non può continuare a tergiversare su questa drammatica realtà.

Non si può pensare di lavarsi la coscienza istituendo un numero di telefono – peraltro di Roma! – che può essere contattato da chi, in tutta Italia, si viene a trovare in una situazione personale di particolare disagio.

Servono soluzioni concrete per il contrasto del disagio lavorativo del personale di Polizia Penitenziaria.

Come anche hanno evidenziato autorevoli esperti del settore, è necessario strutturare un’apposita direzione medica della Polizia Penitenziaria, composta da medici e da psicologi impegnati a tutelare e promuovere la salute di tutti i dipendenti dell’Amministrazione Penitenziaria.

La Guardia di Finanza, ad esempio, a seguito del successo riscosso dall’attivazione, in via sperimentale, di sportelli di ascolto psicologico gestiti da professionisti civili presso gli Istituti di Istruzione del Corpo, ha deciso di estendere tale servizio a tutto il territorio nazionale.

L’incarico ha per oggetto l’esecuzione del servizio di assistenza psicologica erogata tramite l’attivazione di uno sportello di ascolto, ad accesso gratuito e volontario, volto ad offrire supporto in forma individuale e/o gruppale, in relazione a problematiche di natura personale, socio-relazionale e lavorativa, riservato agli appartenenti al Corpo in servizio, inclusi gli allievi frequentatori dei corsi, il personale amministrato di altre FF.AA. ed il personale civile impiegato all’interno dell’amministrazione, presso la Scuola Polizia Tributaria della Guardia di Finanza.

Il servizio è svolto da uno psicologo-psicoterapeuta civile, un professionista, che garantisce una presenza di 4 (quattro) ore settimanali.

La distribuzione delle ore, nell’arco della settimana, è concordata dal professionista con il Dirigente del Servizio Sanitario presente alla sede il quale individuerà l’ubicazione più idonea, in termini di funzionalità, decoro e riservatezza, ad ospitare lo spazio di ascolto.

L’ubicazione non è assegnata in uso esclusivo e varia in corso di esecuzione in ragione delle esigenze istituzionali della Scuola.

Solo in occasione di gravi eventi che colpiscano il personale (decesso di familiari, incidenti o suicidi), su richiesta della Scuola, il professionista deve assicurare l’immediata assistenza psicologica anche al di fuori dei luoghi e degli orari stabiliti.

Nello svolgimento dell’incarico attribuito, il professionista è tenuto all’osservanza del Codice deontologico degli Psicologi italiani. 

L’organizzazione del servizio (giorni ed orari di fruizione dello Sportello di ascolto, nominativo del professionista selezionato e contatti con il medesimo) è pubblicizzata tramite idonea comunicazione cartacea ed intranet, in modo da garantire la massima diffusione presso gli utenti.

Possibile che Ministero della Giustizia e Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria non sia in grado (o non abbiano la volontà) di predisporre un analogo servizio anche per gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria ed al Comparto Sicurezza?

 

 


Scritto da: Donato Capece
(Leggi tutti gli articoli di Donato Capece)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Alfonso Bonafede, chi è il ministro della Giustizia proposto da M5S e Lega
Un busto di Giovanni Falcone al carcere di Massama
I radicali difendono la Direttrice di Poggioreale:Pessimo il servizio delle Iene. La cella zero non esiste più
Video intervista Teleroma 56 a Maurizio Somma Segretario Regionale (sappe)
Braccialetti anti-stalker: Fastweb spiega come funzionano.
Violenza a Poggioreale, il cappellano: Ingiusto accusare la polizia di abusi
Totoministri: ecco il possibile ''listone'' del Governo Lega-5 Stelle. Alfonso Bonafede ‘corre’ per il Ministero della Giustizia
Fiammetta Borsellino accusa il DAP: ignorata la richiesta di incontro con i boss Graviano


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


L UNICA COSA CHE SERVE è UN SERVIZIO PIU ALL'APERTO . NON SI PUO VIVERE UNA VITA IN SEZIONE. OPPURE IL PASSAGGIO IN POLIZIA

Di  W DEL GAUDIO  (inviato il 14/05/2018 @ 16:44:32)


n. 3


Augusta.
Non condivido il post valigia sul letto addetto infermeria e conti correnti pubblicato dal sindalista Sappe Salvatore Gagliano.
Non posso credere sia questo fare sindacato.
Distinti saluti

Di  Agente di custodia in pensione  (inviato il 13/05/2018 @ 13:38:11)


n. 2


Non è corretto che un vostro delegato sindacale usi dello spotto , pubblicando frasi come la valigia sul letto rivolto al collega dei conti correnti del cavadonna .

Di  Anonimo  (inviato il 12/05/2018 @ 20:36:20)


n. 1


Problemi legati al lavoro in aggiunta ai personali sono alla base di un malessere che prima o poi non rientra più nell'alveo degli equilibri che ogni essere umano attiva naturalmente in caso di bisogno, in mancanza anche di supporto si preferisce uscire di scena nel peggiore dei modi.
Il punto di ascolto in tutte le sedi farebbe emergere buona parte dei disagi che ogni giorno si registrano, quella si sarebbe la vera botta! Che non convenga a nessuno farlo? Potrebbe essere.
È sconcertante vedere che i detenuti abbiano tutto il supporto necessario alla minima avvisaglia di un malessere. Il ricorso ad una valutazione della CMO è diventata una cosa rara, ecco perché ogni tanto si sente dire, "era molto stressato, era taciturno, aveva degli scatti con i colleghi andava aiutato per tempo".
Spero che stanotte qualcuno legga e si domandi quanti colleghi ci sono che manifestano comportamenti strani a volte anche aggressivi o rabbiosi per poco o nulla. Fate sempre presente per iscritto queste situazioni è l'unica cosa che talvolta può prevenire tragedie annunciate.
Serena notte al poliziotto penitenziario risorsa preziosa💎 per la nazione.


Di  anonimo  (inviato il 12/05/2018 @ 03:22:45)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.81.78.135


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto





Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione