Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Fermiamo lo strapotere dei direttori.


Polizia Penitenziaria - Fermiamo lo strapotere dei direttori.

Notizia del 17/07/2010

in Nuvola Rossa

(Letto 4072 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il mio amico Commissario Ultimo (in graduatoria) mi confessa che quando faceva sindacato attivo era temuto e riverito dai direttori penitenziari, ossequiato, invitato a cena; tutto pur di ingraziarselo ed evitare pesanti note sindacali; ora, invece, che è Commissario e quindi sotto la “cappella” del direttore non fa altro che ricevere rimproveri, limitazioni alla propria autonomia operativa, divieti di firmare perfino un semplice avviso o “disposizione di servizio” senza che la sua firma venga affiancata e sovrastata da quella del direttore.

Il Commissario che doveva essere la novità di questo sistema penitenziario, che doveva essere il riscatto per gli agenti che aspettavano questa figura come il “messia”, si è rivelato solo un maresciallo degli agenti di custodia, comandante di reparto, ma con meno voce in capitolo dei vecchi marescialli degli AA.CC., in quanto incapaci di spostare nemmeno un agente da un posto di servizio all’altro – come monito per un cattivo comportamento – incapaci di dare delle disposizioni al personale o di prendere delle iniziative se non prima concordate con l’onnipresente direttore.
Era il 1996 quando un direttore mi disse, al termine di una burrascosa lite – sindacale, che in fondo, l’unica persona laureata in Istituto era lui e pertanto aveva ragione in virtù della sua bella laurea in giurisprudenza, in mezzo al deserto rappresentato dalle licenze elementari in possesso del personale di polizia penitenziaria, compresi i sindacalisti incapaci di interpretare una legge o di capire una circolare.
Sono passati ben 14 anni da quell’episodio. Adesso le carceri sono piene di giovani Commissari laureati; persone che si stavano affermando nel mondo del lavoro come avvocati o manager e che si sono voluti misurare con un concorso e col discreto fascino della divisa.
Eppure, nonostante l’elevazione culturale dell’apice della polizia penitenziaria, nonostante molti Commissari, a livello giuridico – culturale siano molto superiori alle media dei direttori penitenziaria, questi continuano ad esercitare il loro potere nei confronti della polizia penitenziaria e nei confronti dei Commissari (che vengono visti come antagonisti) come prima e peggio di prima; a volte con un cinismo che rasenta la crudeltà; infatti come la chiamereste voi la pervicacia con la quale un direttore ha fatto ben 4 rapporti disciplinari di seguito ad un giovane vice commissario appena uscito dal corso? E il provveditore di quella regione dov’era? Come la definireste voi la guerra sotterranea che si combatte lungo tutta la penisola, isole comprese, per l’affermazione del potere dei direttori nei confronti dei commissari? E se un commissario osa sfidare il direttore (o anche la direttrice) rischia di trovarsi denunziato in Procura, trasferito in altra sede per motivi di opportunità; se poi il Commissario contravvenziona il Direttore perché fumava al bar, diventa un vero e proprio kamikaze pronto al martirio. Di queste scenette gustose, oggi ne potremmo raccontare tantissime: di direttori prime donne che si fanno invitare nelle manifestazioni pubbliche definendosi “capi della polizia penitenziaria” e alle quali vanno senza il vero capo della polizia penitenziaria che è il Commissario; direttori che pretendono di viaggiare gratis in pullman poiché a capo della polizia penitenziaria della città; direttori che pretendono di fare atti di P.G. Insomma ce n’è per tutti i gusti. Grazie al signor Meduri, oggi ci ritroviamo con una classe di direttori dirigenti che schiacciano ancora di più verso il basso una classe di commissari – perché come disse una direttrice in un convegno pubblico: questi commissari ci fanno ombra! – giovani, menti brillanti, preparati ma buttati in pasto ai leoni e talvolta allo sbaraglio.
Mi rivolgo al Presidente Ionta che ho rivalutato in questi giorni perché l’ho visto sinceramente vicino alla polizia penitenziaria e alla sua elite ovvero i commissari: fermiamo lo strapotere dei direttori nei confronti della polizia penitenziaria. Che il direttore faccia il manager ce ne può fregar de meno, ma che detti solo le linee generali, e che dia le direttive e che lasci lavorare in autonomia e nel rispetto dei ruoli i commissari, poiché non è più sopportabile che il direttore decida tutto dal riposo al congedo ordinario, che emani gli ordini di servizio e gli avvisi pur di far pesare il proprio potere sul personale e continuare ad umiliare i giovani funzionari del Corpo che, in questi ultimi mesi, sempre più numerosi lasciano l’amministrazione per transitare in altre dove viene tutelata per prima cosa la dignità dell’uomo e il rispetto della funzione.
Ultimamente un amico mi ha fatto leggere una poesia, scritta da un Commissario, Giuseppe Romano nel 2004 durante la frequenza del corso all’ISPPE e che è ancora attuale per i temi trattati e direi quasi profetica per come si sono evolute le questioni penitenziarie, prima fra le quali il difficile rapporto tra direttori e commissari; ve la voglio riproporre e spero che vi faccia riflettere su quanta sia lunga ancora la strada da percorrere affinchè i commissari si affranchino dal potere dei direttori:
 
IL MANAGER PENITENZIARIO
Di Giuseppe Romano
 
DA UN LUNGO APPLAUSO, IL COMMISSARIO FU RICEVUTO
QUEL GIORNO MEMORABILE, FU FESTA IN ISTITUTO
COI GUANTI IN MANO, EMOZIONE E SGUARDO FIERO
LUI ERA ANIMATO DA UNO SPIRITO SINCERO
AVEA DECISO DI SCRIVERE UN DIARIO
ORA CH’ERA UN MANAGER, UN MANAGER PENITENZIARIO
SAPEVA BENE QUAL’ERA LA SUA MISSION
MA NON AVEVA ANCORA CHIARA LA SUA VISION
E DOPO APPENA UN MESE DI SCIARPA E SCIABOLA
INIZIO’ LA SUA DISCENDENTE PARABOLA
VOLEA GIR DA MANAGER, FORMARE IL PERSONALE
MA OGNI GIORNO C’ERA UN ATTACCO SINDACALE
DI QUALCHE ISPETTORE, INVIDIOSO E INDIVIDUALISTA
CHE SI ERA CONVERTITO A GRANDE SINDACALISTA
TRA ESSERE, SAPERE E SAPER FARE
TORNO’ ALLA REALTA’ DXELLE DOMANDINE DA FIRMARE
TRA ACQUISTI DI PATATE E COLLOQUI PROLUNGATI
RICHIESTE DI SUSSIDI E CIBI SURGELATI
IL MANAGER FU COLTO DALLO SCONFORTO
D’ORGOGLIO EBBE UN ULTIMO SUSSULTO
DAL DIRETTORE ANDO’ IMBESTIALITO
PER ESTERNARE LE CRITICITA’ CHE AVEVA PERCEPITO
“IO SONO UN MANAGER, DA COMPIERE HO UNA MISSIONE
HO GIA’ DUE STELLE E UNA TORRE SUL GROPPONE
HO FATTO PIU’ DI UN ANNO DI STUDIO SUPERIORE
PER FARE QUEL CHE FACEA L’ISPETTORE?”
(Il Direttore)
 EH, SI, AMICO CARO, CHE T’ASPETTAVI ONORE E GLORIA?
ALFINE SI E’ CALMATA LA TUA BORIA
NON ERAN CERTO QUESTE LE TUE ASPETTATIVE
VOLEVI COMANDARE….IMPARTIRE DIRETTIVE…..
VOLARE COME UN’AQUILA REALE
FINO A DIRIGERE UN UFFICIO DIPARTIMENTALE….
VIE’ QUA! CALMATE. MANGIA STA CARAMELLA
RASSEGNATE COMMISSA’: SARAI SEMPRE SOTTO LA MIA CAPPELLA!!!
 
 
Nuvola Rossa

Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Si, in molteplici realtà le cose stanno così. Non è così, però, nella mia! Forse sarà perchè anche le "nuove leve" di direttori (parlo quelli che comunque hanno già oltre 15 anni di servizio), hanno un approccio diverso con il lavoro. E' ovvio, quindi, che il problema non sono i Commissari, bensì la forma mentis dei vecchi direttori. Il buon senso supererebbe ogni barriera, anche quella riferibile alla Legge 146/2000!!!

Di  Mario Novani  (inviato il 06/08/2013 @ 15:48:50)


n. 5


Condivido a 360° quanto manifestato con tanta semplicità da nuvola rossa. I nostri Commissari purtroppo sono considerati solo ed esclussivamente antagoisti dei Direttori e nemici degli Ispettori.
TUTTI vi chiedrerete nemici degli Ispettori percher?
Ebbene la mia espeienza di grande vecchio mi porta a dire questo in quanto tantii commissari del ruolo specilae l'indomani della nominana hanno dimenticato che fino a poco tempo prima appartenevano al ruolo degli Ispettori e, per mettere subito le cose in chiaro si sono elevati su un piedistallo dando la caccia all'Ispettore che a differenza del neo Commisario non è riuscito a trovare la "strda giusta per divetare Commissario".Sono dispiaciuto per i poveri commissari ma questo è il prezzo da pagare se vuoi fare carriera, i vecchi con la 5 elementare lo sapevano. Comunque sicuramente se insistete ancora qualcosa otterrete forse un nuovo ufficio con pelle di ispettore

Di  grande vecchio  (inviato il 28/03/2012 @ 09:49:38)


n. 4


Purtroppo i Signori Direttori non portano e non hanno mai portato una divisa, vivono comodamente nei loro uffici in giacca e cravatta e pensano esclusivamente ai loro giochi di potere intrallazzando anche con sindacalisti poco seri e quando sentono minacciato questo loro strapotere, penalizzano chi nel carcere cerca di fare solo bene il proprio lavoro.

Di  gemma protano  (inviato il 07/10/2010 @ 23:44:42)


n. 3


loro fra colleghi si difendono, i poliziotti penitenziari, invece, appena hanno qualche antipatia si fanno i rapporti disciplinari, e i direttori li mandano avanti, da prassi.
se non si è uniti non si và da nessuna parte !

Di  massimodecimomeridio  (inviato il 26/09/2010 @ 10:40:37)


n. 2


Seppur nella consapevolezza dei limiti normativi dei commissari comandanti, anchio, come tanti ho aspettato il loro arrivo per cambiare rotta; dove finalmente avremmo avuto persone qualificate e preparate che potevano a suo di cultura e conoscenza controbattere lo strapotere dei direttore. purtroppo ainoi, i Commissari (specie ruolo ordinario) hanno capito cosa stavano e avrebbero fatto e per non socconbere si sono guardati intorno, hanno individuato chi poteva fargli fare carriera fuori dal carcere (i funzionari) e reverenti a loro si sono prostati e asserviti, lasciandoci soli con una delusione tale da non sopportare la loro vista(almeno per me). La poesia del Commissario Romano è la sintesi del ruolo dei commissari oggi; aggiungo unitevi,uniteci e combattiamo insieme lo strapotere del FEUDATARIO. un saluto Claudio

Di  claudio  (inviato il 22/07/2010 @ 15:56:30)


n. 1


...ad umiliare i giovani funzionari del Corpo......!!??
Commissario, 37 anni di servizio effettivo, da 24 comandante in vari istituti d'italia, 36 anni di ottimo, docenze nelle scuole di Roma via di Brava, Isppe, Cairo, Catania, con attività ispettive a Reggio C., Nuoro, Fossombrone, San Gimignano, Catania, Venezia, Pesaro, componente varie commissioni, direttore tiri vari poligoni, autore di una dispensa sull'operatività .. stanco di elemosinare competenze al suo dirigente [che gli nega pure firma sulla corrispondenza all'A.G. per attività di p.g.] decide il proprio pensionamento.. i giovani, invece, vanno via da questo digraziato martoriato Corpo .. questo vuole la ns Amminsitrazione??

Di  MGC  (inviato il 19/07/2010 @ 17:16:04)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.43.70


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 La protesta di Rebibbia: il Dap preannuncia trattativa sugli organici intra ed extra moenia

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 I NAS dei Carabinieri chiudono la mensa del carcere di Terni

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione